4 LA PENISOLA IBERICA

= ¬ ©¬ ¬ ¬ | CAPITOLO 9 sviluppo commerciale, che Enrico seppe sfruttare per dare più stabili radici economiche al suo regno. Molte risorse, inoltre, Enrico dedicò alla creazione di una flotta destinata a fare la fortuna delle imprese militari e mercantili inglesi. RICAPITOLANDO 1 Che cosa prevedeva la Prammatica sanzione? 2 Quali azioni effettuò Carlo VII allo scopo di rafforzare il potere centrale? 3 Quali funzioni avevano il consiglio della corona e la Camera stellata? LE RECINZIONI In questo periodo l Inghilterra visse un altro profondo cambiamento: la diffusione del sistema delle recinzioni (enclosures). Dopo la grande crisi del Trecento (> C7.3), i proprietari terrieri avevano indirizzato i loro investimenti nella fabbricazione dei panni di lana, la cui domanda andava crescendo a livello internazionale. Per aumentare la produzione i proprietari, grandi e piccoli, borghesi e nobili, cominciarono ad acquisire le terre comuni (gli open fieds, campi aperti ) e chiuderle all uso delle comunità rurali. Su queste terre, per antica consuetudine, i contadini avevano diritti di pascolo e raccolta, trovandovi importanti fonti di sostentamento. Se dunque da un lato la pratica delle enclosures costituì la base per il successo della manifattura inglese, dall altro non mancò di avere gravi conseguenze sul piano sociale per i ceti più poveri, che subirono un peggioramento delle loro condizioni. Questo processo di privatizzazione trovò il suo compiuto sviluppo nei secoli successivi, diffondendosi anche all Europa continentale. 4 La Giralda , il grande minareto costruito nel XII secolo per la moschea di Siviglia, dopo la conquista cristiana diventò la torre campanaria della cattedrale. LA PENISOLA IBERICA LA RECONQUISTA, L ARISTOCRAZIA E LA BORGHESIA Fin dall XI secolo nell area iberica si era avviato quel processo di liberazione dalla presenza musulmana, in seguito conosciuto con il nome di Reconquista (> C3.4), in cui le vicende militari si fusero con una forte connotazione religiosa. Spinti dallo spirito di crociata, i regni cristiani avanzarono verso il meridione della penisola strappando via via territori agli arabi, fino alla battaglia di Las Navas de Tolosa del 1212 che determinò la rovina del regno degli Almohadi e aprì le porte all insediamento cristiano in quell area. I domini musulmani si limitarono al solo Regno di Granada, nell estremo Sud, mentre nel resto della penisola finirono per imporsi i regni cristiani di Portogallo, Castiglia, Aragona e Navarra. Protagonista dell impresa fu la nobiltà che, spinta dalla sete di arricchimento, sostenuta dai valori cavallereschi e dalla fede, uscì enormemente rafforzata. Oltre al prestigio, l aristocrazia acquisì straordinari patrimoni fondiari (estados) che seppe far fruttare destinando le terre al pascolo e alla pastorizia. Il suo rafforzamento la pose in condizione di influire notevolmente sulla monarchia castigliana che, per ridurne la potenza, si appoggiò ai ceti borghesi delle città. La monarchia castigliana concesse infatti alcuni privilegi proprio ai luoghi in cui la borghesia aveva maggiore forza, le città, dove si costituirono organismi rappresentativi, le cortes. La forza di questi ceti borghesi fu tale che alcune città della Castiglia si organizzarono in hermandades ( fratellanze ), associazioni urbane che godevano spesso di privilegi ottenuti dai sovrani, in grado di proporre una propria presenza militare per la difesa di strade e beni dal brigantaggio ma anche dai soprusi dei potenti. Cortes Assemblee politiche consultive, che riunivano i tre stati o bracci : il clero, l aristocrazia e i rappresentanti delle città. IL PORTOGALLO Il Portogallo aveva stabilizzato i propri confini già a metà del XIII secolo, seppur sempre minacciato nella sua integrità territoriale dalle pretese del Regno di Castiglia. Proprio la presenza di un così forte concorrente 235 77636R_0000E01_INTE_BAS@0235.pgs 15.09.2021 14:52

Dai fatti alla Storia - volume 1
Dai fatti alla Storia - volume 1
Dal Medioevo all'Età moderna