7. Atene contro Sparta nella guerra del Peloponneso

06 Storia biennio V1.qxp_Layout 1 12/01/24 11:32 Pagina 191 7. Atene contro Sparta nella guerra del Peloponneso LA CIVILTà GRECA 7. Atene contro Sparta nella guerra del Peloponneso L equilibrio tra Sparta e Atene è molto instabile, alimentato anche dai contrasti interni alle poleis. Nel 449, con la pace di Callia, si era giunti all accordo con i Persiani, ma l equilibrio tra le due grandi potenze della Grecia, Atene e Sparta, era politicamente molto instabile. Perciò nel 445 fu sancita una tregua trentennale. Per ciascuna delle due poleis, l esistenza stessa della rivale era una minaccia permanente al proprio sistema di organizzazione sociale e politica. Le due città, infatti, erano in conflitto tra loro per conquistare l egemonia, ma anche perché erano espressione di due sistemi politici opposti: oligarchia e democrazia. All interno di tutte le altre poleis (anche se erano legate a una delle due potenze), inoltre, c erano forti contrasti tra aristocrazia e demos: i nobili erano favorevoli a Sparta e alla sua costituzione aristocratica, mentre il popolo aspirava a una democrazia come quella ateniese. I due schieramenti contrapposti (Atene e la Lega delio-attica da una parte e Sparta e la Lega del Peloponneso dall altra), non erano però compatti. Alcune poleis aderenti alla Lega delio-attica mal tolleravano il predominio di Atene, mentre Sparta era sotto la minaccia delle rivolte degli Iloti e dei Perieci. 191 LE PAROLE Egemonia. il potere di comando militare dello Stato più forte all interno di un alleanza. Indica anche la capacità dello Stato di dirigere gli altri Stati. 1. Sottolinea nel testo i motivi di conflitto tra Sparta e Atene, i contrasti interni alla Lega delio-attica e le difficoltà di Sparta. La politica espansionistica di Atene porta alla guerra del Peloponneso. Sparta e Atene combattono con strategie diverse, ma nessuna conquista la vittoria. Atene conduceva una politica estera espansionistica molto aggressiva contro le città marittime alleate di Sparta e cercava di prendere il loro posto nei commerci verso la Magna Grecia. Nel 431 a.C. Sparta invase l Attica su richiesta delle poleis alleate. Iniziò così la guerra del Peloponneso, un conflitto che si trascinò, con fasi alterne, per circa trent anni, dal 431 al 404 a.C., e coinvolse l intero mondo ellenico. Quasi tutte le poleis greche, direttamente o indirettamente, facevano infatti parte dei due sistemi di alleanze che Atene e Sparta avevano creato. Le due poleis rivali adottarono strategie di guerra diverse, in base ai loro punti di forza. Gli Spartiati invasero e devastarono a più riprese l Attica, procedendo via terra, per sfruttare la forza della fanteria oplitica. Gli Ateniesi organizzarono incursioni navali, rapide e devastanti. Tra il 430 e il 429 a.C. Atene fu colpita da un epidemia terribile, dovuta probabilmente al sovraffollamento, perché nella città avevano cercato riparo 431-404 a.C. Guerra del Peloponneso 430-429 a.C. Epidemia ad Atene e morte di Pericle (429 a.C.) Calice greco del VI secolo a.C. su cui è rappresentata una battaglia attorno al corpo di un guerriero morto, probabilmente Patroclo.

Tempi ed eventi - volume 1
Tempi ed eventi - volume 1
Dalla preistoria a Giulio Cesare. Capitolo DEMO: 4. La polis: una terra, una cultura