Tempi ed eventi - volume 1

05 Storia biennio V1.qxp_Layout 1 12/01/24 11:30 Pagina 154 154 5. Sparta e Atene LA CIVILT GRECA Pregi e limiti della democrazia ateniese: gli stranieri e gli schiavi Ad Atene la democrazia è limitata ai soli cittadini maschi, liberi e ateniesi per nascita. La democrazia dell Atene di Clistene va intesa in senso letterale, perché in greco il termine significava governo del demos , cioè di quella parte del popolo, contrapposta agli aristocratici, che fino ad allora era stata esclusa dal potere. Ma a decidere nelle assemblee erano circa 40.000 persone sui 300.000 abitanti della città, perché solo i cittadini ateniesi maschi e liberi di nascita, figli di padre e madre ateniese, avevano diritto al voto. Ad Atene, quindi, non potevano parteLa base del kleroterion, lo strumento usato ad Atene per sorteggiare, cipare alla vita politica i meteci (alla let- tra i 6000 aventi diritto, i cittadini che avrebbero composto le giurie tera chi ha cambiato casa ), cioè gli giornaliere. I candidati scrivevano il proprio nome su una lamina stranieri immigrati o che vivevano ad di metallo che infilavano in una delle fessure. Nella parte superiore del kleroterion si trovava un foro dove si inserivano a caso sfere Atene perché svolgevano i loro affari in di vari colori con cui si individuavano le lamine da estrarre. città. Erano uomini liberi, di solito artigiani o commercianti, e potevano abitare e lavorare nella città, possedere case e schiavi, ma non avevano diritto di voto. La loro situazione era simile a quella dei Perieci a Sparta. Dal punto di vista giuridico la condizione degli stranieri era simile a quella delle donne: le Ateniesi godevano infatti di diritti civili e potevano possedere proprietà, ma non avevano diritti politici, cioè non potevano votare né partecipare alle assemblee. 9. Descrivi com era organizzata la società ateniese, sottolineando, in particolare, i seguenti aspetti: libertà e schiavitù; diritti civili e politici; diritto alla proprietà. Gli schiavi sono la merce più importante dell antichità e un elemento fondamentale dell economia del mondo antico. Alcuni schiavi svolgono lavori pesanti, altri si occupano di compiti intellettuali. L abolizione della schiavitù per debiti ad Atene non fece certo scomparire gli schiavi: semplicemente divenne raro il caso di Ateniesi ridotti in schiavitù; i mercanti si procuravano schiavi di altri Paesi acquistando i prigionieri di guerra o della pirateria, oppure li compravano da sovrani stranieri che vendevano i loro sudditi.

Tempi ed eventi - volume 1
Tempi ed eventi - volume 1
Dalla preistoria a Giulio Cesare. Capitolo DEMO: 4. La polis: una terra, una cultura