Tempi ed eventi - volume 1

01 Storia biennio V1.qxp_Layout 1 12/01/24 11:16 Pagina 15 L ET PREISTORICA 1. Le origini e l evoluzione della specie umana 15 stretti che attualmente li separano, e i fondali marini poco profondi. Si pensa perciò che, a partire da 1,5 milioni di anni fa, i gruppi umani provenienti dall Africa abbiano raggiunto l Eurasia passando per la penisola del Sinai, le Americhe, attraverso lo stretto di Bering, che allora non era coperto dalle acque, e l Australia, attraverso le isole del Pacifico. Lo spostamento dall Africa ad altri continenti si può definire la più antica migrazione della storia. 4. Aiutandoti con la carta, spiega quando, dove e come cominciò il processo di migrazione dei primi ominidi. 25 25 Stretto di Bering ASIA EUROPA AMERICA SETTENTRIONALE 40 100 70 12 OCEANO PACIFICO CINA OCEANO ATLANTICO AFRICA 200 Rift Valley OCEANO INDIANO OCEANO ATLANTICO INDONESIA Madagascar 1,5 50 Probabili linee di diffusione dell Homo sapiens Data del popolamento (migliaia di anni fa) 30 AMERICA MERIDIONALE 1 Isola di Pasqua AUSTRALIA 50 1,5 Nuova Zelanda FLIPPED CLASSROOM La diffusione della specie umana Informati sulle diverse migrazioni dei gruppi umani nel corso dei millenni. Puoi trovare del materiale interessante nel sito: https://www.lescienze.it. Presenta ai compagni le informazioni più significative in una breve esposizione che non superi i 3-4 minuti, seguendo questi punti: 1. da dove sono presumibilmente partiti i gruppi umani; 2. quali percorsi hanno seguito; 3. quali regioni della Terra sono rimaste ai margini di queste migrazioni. Le caratteristiche degli ominidi favoriscono la loro sopravvivenza. Come tutti i primati, gli ominidi avevano arti prensili a cinque dita, con il pollice opponibile, in grado cioè di piegarsi fino a toccare tutte le altre dita della mano. La struttura fisica della mano, quindi, permetteva sia la presa Terra del Fuoco 14 VIDEO Le origini dell uomo

Tempi ed eventi - volume 1
Tempi ed eventi - volume 1
Dalla preistoria a Giulio Cesare. Capitolo DEMO: 4. La polis: una terra, una cultura