Approfondimento - Una camminata speciale: il nordic walking

Diversi modi di camminare La camminata dipende dalla struttura e dall atteggiamento posturale delle parti che compongono i nostri arti inferiori. La struttura delle ginocchia e delle caviglie, e soprattutto il proprio modo di usarle, condizionano non solo la deambulazione, ma tutta la postura eretta. Camminiamo in maniere diverse in base alle condizioni soggettive (stanchezza, fretta, paura ecc.) e oggettive (salita/discesa, buio ecc.). I terreni accidentati obbligano il baricentro a regolarsi continuamente, esercitando anche la funzione dell equilibrio. Alla componente fisica si aggiunge poi quella psicologica; osservando il modo di camminare di una persona possiamo ottenere informazioni sul suo carattere o sul suo stato d animo. Approfondimento I muscoli impiegati nel cammino Approfondimento Una camminata speciale: il nordic walking Il nordic walking (vedi Capitolo 11, Sezione 6) è una camminata che utilizza speciali bastoncini e in genere si svolge in ambiente naturale, nei parchi, sulla spiaggia o in montagna. Oltre ai muscoli della parte inferiore del corpo, coinvolge anche la muscolatura della parte superiore proprio grazie all uso appropriato dei bastoncini che aiutano le braccia a spingere in modo funzionale. Questa attività consente un efficace lavoro cardiocircolatorio che aumenta la frequenza cardiaca di 10-15 pulsazioni al minuto rispetto a una camminata tradizionale alla stessa andatura. Nel nordic walking, infatti, la lunghezza del passo è maggiore e viene coinvolta tutta la muscolatura del corpo (circa il 90%), permettendo un consumo energetico del 20-30% in più. Il passo è alternato (cioè si alternano movimenti di braccio e gamba opposti) e i bastoncini servono per agevolare la postura scaricando le tensioni dalla colonna vertebrale e per bilanciarsi durante la fase di spinta. Il movimento del bastoncino avviene sempre vicino al corpo. Le braccia oscillano con movimenti in avanti e all indietro. Il corpo deve essere leggermente flesso in avanti. Nella dinamica dell e- sercizio occorre porre attenzione al rilassamento delle spalle e alla decontrazione muscolare delle braccia e ad appoggiare il piede a terra curando la rullata, cioè il passaggio progressivo del peso del corpo dal tallone all avampiede. CAMMINATA NORMALE: USO DEL 70% DEI MUSCOLI NORDIC WALKING: USO DI PI DEL 90% DEI MUSCOLI FARE PER CONOSCERE obiettivi Conoscere e sviluppare il modo di camminare 1 2 3 4 Camminare a piedi nudi su superfici diverse (sul pavimento, sulla sabbia, su sassolini, sull erba) concentrandosi sulle percezioni, stimolando la propria sensibilità e considerandolo come un massaggio benefico per la circolazione. Camminare a occhi aperti e poi a occhi chiusi, percependo le differenze rispetto all equilibrio e alla postura. Camminare in appoggio sugli avampiedi, sui talloni, premendo maggiormente sul bordo interno e poi su quello esterno, guardando in basso e poi guardando in alto. Percepire le differenze. Camminare molleggiando molto sulle caviglie e poi tenendo le caviglie un po rigide. 1 Avere cura di sé 131

Training4Life Sprint
Training4Life Sprint
Corso di Scienze motorie e sportive. Capitoli DEMO: Io e il mio corpo; Pallavolo