RIPASSO CON MAPPE E TABELLE

può essere

diretto

(legato al verbo senza preposizione)

Ascolta Marta.

indiretto

(legato al verbo con una preposizione)

Ascolta con attenzione.

avverbiale

(costituito da un avverbio)

Ascolta attentamente.

può essere costituito da

sintagma nominale

Mangio un panino.

sintagma aggettivale

Mauro sembra stanco.

sintagma preposizionale

Leggo il libro di Mirko.

sintagma avverbiale

Corro velocemente.

pronome

Ti ho visto.

è un sintagma che completa o arricchisce il senso del verbo, di altri sintagmi o di un’intera frase.

Spremete un limone e raccogliete il succo in un bicchiere.

CHE COS’È UN COMPLEMENTO

può avere funzione di

argomento (completa il verbo)

circostante

(arricchisce il senso del verbo o di altri sintagmi)

espansione

(arricchisce il senso di una frase)

complementi diretti o indiretti per i verbi transitivi

Massimo sbuccia una mela (compl. oggetto).

Leo dà un bacio a Mara (compl. di termine).

complementi indiretti per i verbi intransitivi

Maria abita a Palermo (compl. di luogo).

complementi indiretti

La bicicletta di Mario è rotta (compl. di specificazione).

complementi avverbiali

Marcello corre velocemente (compl. di modo).

complementi indiretti

Ho telefonato a Giovanni ieri sera (compl. di tempo), per la partita (compl. di fine).

COMPLEMENTO

È

ESEMPI

COMPLEMENTO OGGETTO

Indica la persona, l’animale o la cosa su cui ricade l’azione espressa dal verbo.

Risponde alla domanda: chi o che cosa?

un complemento diretto

Marcello guarda Adele.

Anna preferisce i gatti.

COMPLEMENTO DI TERMINE

Indica la persona, l’animale o la cosa a cui è destinata l’azione espressa dal verbo.

Risponde alla domanda: a chi o a che cosa?

un complemento indiretto che può essere introdotto dalla preposizione a

Luigi ha dato le chiavi a Nunzia.

Non gli piace correre.

COMPLEMENTO DAGENTE E DI CAUSA EFFICIENTE

Indica la persona, l’animale o la cosa che compie l’azione in una frase passiva.

Risponde alla domanda: da parte di chi (agente) o di che cosa (causa efficiente)?

un complemento indiretto introdotto dalla preposizione da

Sono stati sconfitti dai nemici.

L’albero è stato sradicato dal vento.

COMPLEMENTO PREDICATIVO DEL SOGGETTO

Completa il significato del soggetto (completamento di un argomento).

Forma il predicato nominale insieme al verbo copulativo.

un complemento diretto o indiretto costituito da un aggettivo, un sostantivo, un pronome

Il cruciverba sembra difficile.

Lavoro come giardiniere.

COMPLEMENTO PREDICATIVO DELLOGGETTO

Completa il significato del complemento oggetto (completamento di un argomento).

un complemento diretto o indiretto costituito da un aggettivo, un sostantivo, un pronome

Lo hanno eletto presidente.

Ti vedo annoiato.

complementi usati solo come argomenti, che fanno sempre parte della frase minima

I COMPLEMENTI ARGOMENTALI

COMPLEMENTO

È

ESEMPI

COMPLEMENTO DI SPECIFICAZIONE

Esprime relazioni logiche di possesso, appartenenza, pertinenza.

Risponde alla domanda: di chi o di che cosa?

un complemento indiretto introdotto dalla preposizione di

Il libro di Giulio è interessante.

Hai rotto le buste della spesa.

COMPLEMENTO

È

ESEMPI

COMPLEMENTO DI STATO IN LUOGO

Indica il luogo in cui si svolge un’azione o un evento o la posizione in cui si trova qualcuno o qualcosa.

Risponde alla domanda: dove?

un complemento indiretto introdotto dalle preposizioni in, a, su, da, tra, fra, per, sopra, sotto, fuori, dentro, presso, nei dintorni di, all’interno di, accanto/vicino a ecc.

Sono rimasto a casa.

L’ho lasciato sul tavolo.

COMPLEMENTO DI MOTO A LUOGO

Indica il luogo verso cui ci si muove.

Risponde alla domanda: verso dove?

un complemento indiretto introdotto dalle stesse preposizioni del complemento di stato in luogo + verso, in direzione di

Vado al cinema.

Procediamo verso sud.

COMPLEMENTO DI MOTO DA LUOGO

Indica il luogo dal quale ci si muove o dal quale proviene un’azione.

Risponde alla domanda: da dove?

un complemento indiretto introdotto dalle preposizioni da, di, da dove ecc.

Da dove arrivate?

Torniamo dalle vacanze.

COMPLEMENTO DI MOTO PER LUOGO

Indica il luogo attraverso il quale si passa o ci si muove. Risponde alla domanda: attraverso dove?

un complemento indiretto introdotto dalle preposizioni per, da, attraverso, in, in mezzo a, da qui, di qui, da là, da dove

Il varco attraverso la siepe è stretto.

COMPLEMENTO DI ALLONTANAMENTO

Indica da chi o da che cosa ci si allontana o ci si separa.

un complemento indiretto introdotto dalla preposizione da

Ci siamo separati dalla nostra vecchia auto.

COMPLEMENTO DI ORIGINE

Indica l’origine o la provenienza di qualcuno o qualcosa.

un complemento indiretto introdotto dalle preposizioni da, di

È originario del Senegal.

IL COMPLEMENTO DI SPECIFICAZIONE

I COMPLEMENTI DI LUOGO

COMPLEMENTO

È

ESEMPI

COMPLEMENTO DI TEMPO DETERMINATO

Indica il momento (o l’epoca) in cui si verifica un evento.

Risponde alla domanda: quando?

un complemento indiretto introdotto dalle preposizioni a, in, di, per, tra, durante, al tempo di, prima di, dopo di

La lezione comincia alle otto.

La Sicilia è magnifica in primavera.

COMPLEMENTO DI TEMPO CONTINUATO

Indica la durata di un evento.

Risponde alla domanda: per quanto tempo?

un complemento indiretto introdotto dalle preposizioni a, in, di, per, tra, durante, al tempo di, prima di, dopo di.

Può essere anche diretto, costituito da un nome senza preposizione oppure da un avverbio o una locuzione avverbiale.

Finirò il libro in tre giorni.

Ho dormito ore ed ore.

Ti amerò sempre.

COMPLEMENTO

È

ESEMPI

COMPLEMENTO DI MODO

Indica il modo e la maniera in cui si verifica unazione o un evento.

Risponde alla domanda: in che modo?

costituito da un avverbio o da una locuzione avverbiale

Leggo in fretta.

Dorme profondamente.

IL COMPLEMENTO DI MODO

I COMPLEMENTI DI TEMPO

COMPLEMENTO

RISPONDE ALLE DOMANDE

È INTRODOTTO DA

ESEMPI

CAUSA

Perché?

Per quale motivo?

per, di, a, da, con, a causa di, per via di

Ho fatto tardi per la pioggia.

FINE O SCOPO

Perché?

Con quale fine?

per, di, a, in, da, al fine di, allo scopo di, con il fine di, con lo scopo di, in vista di

Ti ho telefonato per un consiglio.

ARGOMENTO

Su quale argomento?

A proposito di che cosa?

su, di, circa, sopra, riguardo a, intorno a, a proposito di

Il professore sta parlando del sistema solare.

PARAGONE

Rispetto a chi o a che

cosa?

di, come, che, rispetto a, piuttosto che, a differenza di, quanto

Il suo sforzo è minore del mio.

Sono più curioso che stanco.

VANTAGGIO O SVANTAGGIO

A favore di chi o che cosa?

Contro chi o che cosa?

a, per, contro, a/in favore di, a/in difesa di, a danno/discapito di

Lo faccio per te.

Questa situazione è sconveniente per molti.

MEZZO O STRUMENTO

Con che cosa?

Per mezzo di che cosa?

con, per, a, in, di, mediante, tramite, attraverso, per mezzo di, per opera di, a opera di, grazie a

Esco con la moto.

Vado all’università in macchina.

COMPAGNIA O UNIONE

Con chi o che cosa?

con, insieme con, insieme a, in compagnia di

Gioco con il cane.

Sono uscito con la camicia macchiata.

RAPPORTO O RELAZIONE

Nei confronti di chi o che cosa?

Verso chi o che cosa?

Tra chi o che cosa?

con, tra, fra, nei confronti di, verso

Tra Luca e Maura c’è un buon rapporto.

Provo indifferenza verso la musica rap.

CONCESSIVO

Nonostante chi o che cosa?

nonostante, malgrado, con, contro, a dispetto di

Siamo arrivati nonostante/malgrado il traffico.

ALTRI COMPLEMENTI

Per fare l’analisi logica di una frase semplice devi affrontare tre fasi.

4. riconoscere altri sintagmi

argomenti

circostanti

espansioni

5. dare un nome ai complementi

1. individuare il verbo

2. risalire al soggetto

chi o che cosa compie quell’azione?

chi o che cosa si trova in quella determinata condizione?

3. stabilire se è presente un predicato verbale o un predicato nominale

1°°°o argomento

circostante

Complemento di specificazione

COME FARE L’ANALISI LOGICA

predicato verbale

Complemento di tempo continuato

2°°°o argomento

FASE 1

FASE 2

FASE 3

Complemento di esclusione

espansione

Complemento di specificazione

<

Parola di TRECCANI! - volume A
Parola di TRECCANI! - volume A
Grammatica per la scuola secondaria di primo grado. Capitolo DEMO: Il verbo