IL LETTORE COMPETENTE

Audio

LETTURA

5

10

15

20

25

30

35

40

Wendy

Ricordo che era solo il cielo

La nostra vera casa

Volavamo sopra i tetti

E la gente non capiva

Quant’è bello essere ingenui

Con lo sguardo da bambini

Io la guardavo e poi notavo

Nel suo cuore troppo solo

Wendy prestami un tuo sogno

Che io adesso non ne ho più

Se ho bisogno di sognare

Una vita in cui ci sei... tu

Ma prendimi per mano senza il minimo timore

Questo mondo vale poco e dona solo altre paure

Per un piccolo secondo abbi solo la certezza

Che i problemi sono altrove, ora puoi anche stare senza

Io ho abbandonato la realtà, da quando ho scritto una canzone

Sono triste per la gente, che non prova più emozione

È triste dare un nome a tutti i nostri sentimenti

Io che riesco solo a dire riportatemi da Wendy

Ricordo che eravamo in alto

Come un bimbo senza lacrime

Confondevo i suoi occhi

Col colore delle nuvole

E mi sento solo adesso

Che tu non ci sei... più

Ma guardati un po’ intorno

E quando capirai che in fondo

Sono tutti troppo uguali

E gareggiano nel mondo

Ti prego Wendy ascolta

Non finire come loro

Con il cuore sottoterra

E con il sogno di un lavoro

Tanto chiediti alla fine

Cosa resterà davvero

Resterà solo il coraggio

Di chi in fondo ci ha provato

A dedicare spazio, solo ai più veri sentimenti

E la notte l’ha sognato, di scappare via con Wendy

(Ultimo, Wendy, 2017)

dentro le parole

1

Nel testo della canzone, individua tutti gli avverbi di tempo, di luogo e di giudizio riferiti a un’intera frase.

2

L’elenco dell’esercizio 1 non è completo: individua nel testo tutti gli avverbi esclusi e specifica di che tipo sono.

3

La parola solo è ripetuta più volte nel testo: riporta nel quaderno le frasi in cui è usata distinguendo quando è un aggettivo da quando è un avverbio.

4

Dividi i seguenti avverbi composti nelle parole che li formano. Riconosci nel gruppo l’intruso.

1.davvero

2.inoltre

3.insomma

4.intanto

5.intorno

6.laggiù

7.parecchio

8.persino

9.soprattutto

10.sottoterra

Parole nuove

5

Uguali è un aggettivo che non ammette l’alterazione, perché indica una qualità che o c’è, o non c’è, senza gradi intermedi. Se non si può essere più o meno uguali, a maggior ragione non si può essere troppo uguali. Ma allora che cosa significa, secondo te, la frase «Sono tutti troppo uguali» (rigo 29)? Spiegalo in circa 40-50 parole.

Le tue parole

6

Sei d’accordo con la frase «Quant’è bello essere ingenui» (rigo 5)? Tu ti senti ingenuo/ingenua, oppure il contrario? E pensi che sia un pregio o un difetto?

<

Parola di TRECCANI! - volume A
Parola di TRECCANI! - volume A
Grammatica per la scuola secondaria di primo grado. Capitolo DEMO: Il verbo