La ceramica greca

Nell’arte greca la ceramica ha un peso fondamentale sia per la bellezza degli oggetti sia per l’alto livello tecnico raggiunto nella lavorazione. I Greci producono vasellame di ogni genere: per la tavola, per trasportare acqua, olio e vino, per conservare le ceneri dei defunti.

La ceramica greca è caratterizzata da una grande varietà di stili decorativi:

  • lo stile geometrico si sviluppa tra il X e l’VIII secolo a.C. e si caratterizza per decorazioni astratte di tipo geometrico (scacchi, cerchi, rombi…);

  • con lo stile orientalizzante (VIII-VII secolo a.C.) compaiono elementi di origine orientale: animali, anche fantastici, ed elementi vegetali;

  • nel VII secolo a.C. si diffonde da Atene un nuovo tipo di pittura su ceramica, non più solo decorativa, ma centrata sull’uomo e sulla rappresentazione delle sue attività. In un primo periodo (600 a.C. ca.) si afferma la tecnica detta “a figure nere su fondo rosso”; intorno al 530 a.C. prevale invece la tecnica detta “a figure rosse su fondo nero”. Soggetti delle scene dipinte sono i miti, cioè i racconti nei quali i Greci esprimono i valori della propria epoca: l’amicizia, l’eroismo, il rispetto verso gli dèi. L’alta qualità della decorazione pittorica dei vasi rende gli artisti orgogliosi del proprio lavoro, tanto che si diffonde l’abitudine di firmare le opere.

STILE GEOMETRICO

Nel vaso chiamato Anfora 804 la superficie è divisa in fasce decorative riempite da motivi geometrici astratti come cerchi, rombi, punti, scacchi e soprattutto meandri, linee che si ripiegano con un andamento sinuoso.


OSSERVO

Nella fascia che corre all’altezza dei manici è rappresentato il funerale di una donna (riconoscibile dal vestito lungo). Le figure in piedi sono stilizzate, con il corpo triangolare e le braccia piegate sulla testa in segno di dolore.


STILE ORIENTALIZZANTE

La Brocca corinzia è un esempio di stile orientalizzante, in cui predominano le decorazioni con serie di animali (tori, stambecchi, leoni, uccelli), anche fantastici (sfingi, grifoni, sirene), che si alternano a motivi sia geometrici sia vegetali. Una delle città da cui questo stile si diffonde è Corinto.

TECNICA A FIGURE NERE

Sul fondo rosso della ceramica vengono disegnate immagini a vernice nera; poi a freddo (cioè dopo la cottura del vaso) vengono incisi i dettagli con un punteruolo, per far emergere il colore rosso-arancio sottostante. Sull’anfora firmata dal pittore Exechias sono rappresentati due eroi greci, Achille e Aiace, intenti a giocare con i dadi.

TECNICA A FIGURE ROSSE

La superficie del vaso viene dipinta di nero, lasciando scoperte le figure, che rimangono del colore dell’argilla rossa. Con un pennello molto sottile si dipingono poi, in nero sul rosso, i particolari. Con questa tecnica si riesce a conferire all’immagine maggiore profondità. Sulla coppa del pittore Sosias, l’eroe greco Achille è intento a bendare una ferita dell’amico Patroclo, che allontana lo sguardo con una smorfia di dolore.


FISSO I CONCETTI

NELLA CERAMICA GRECA

  • lo stile geometrico si caratterizza per decorazioni astratte;

  • lo stile orientalizzante prevede anche animali ed elementi vegetali;

  • si affermano prima le decorazioni nere su fondo rosso e in seguito rosse su fondo nero.


SCOPRI L’OPERA: 

LA BATTAGLIA DI ALESSANDRO 

Un mosaico romano copia di un’opera pittorica greca

Artè
Artè
Percorso integrato di Storia dell’arte e Comunicazione visiva. Capitolo DEMO: La Grecia antica