comprendo e apprezzo

Il Centro culturale

Tjibaou

Renzo Piano

DATA 1991-1998

LUOGO Numea (Nuova Caledonia)

Dove? Quando? Perché?

Renzo Piano è nato a Genova nel 1937 da una famiglia di imprenditori edili, ha studiato a Firenze e a Milano e ha viaggiato in tutto il mondo, ma continua a vivere e lavorare nella sua città natale. L’esperienza diretta nei cantieri lo ha reso un vero e proprio “costruttore”, capace di unire la bellezza dell’architettura con la funzionalità, attraverso la scelta delle tecnologie e dei materiali più appropriati per ogni opera.

Oggi è uno dei più importanti architetti contemporanei; progetta teatri e musei, spazi commerciali, attrezzature per lo sport, aeroporti e grattacieli in diversi Paesi.

Per Renzo Piano «l’architettura è l’arte di dare rifugio alle attività dell’uomo: abitare, lavorare, curarsi, insegnare e, naturalmente, stare insieme. È quindi anche l’arte di costrui­re la città». E proprio attraverso il modo in cui costruisce la città, l’architetto esprime la propria “visione del mondo”.

Che cosa vedo?

1

Il Centro culturale si sviluppa su di una piccola penisola affacciata sull’Oceano Pacifico, caratterizzata da una folta vegetazione; è concepito come un villaggio, con una serie di edifici che richiama le capanne tradizionali delle popolazioni locali. Il grandioso complesso architettonico è costituito da dieci edifici della stessa forma ma di dimensioni leggermente diverse a seconda delle attività ospitate all’interno di ciascuna: un museo, una sala da concerti, una biblioteca, alcuni uffici. Tutti gli spazi sono collegati tra loro da percorsi pedonali immersi nel verde di un esteso giardino.

2

Per dar corpo alle forme a guscio dei diversi edifici, Piano ha affiancato tecnologie all’avanguardia e materiali moderni a quelli tradizionali. L’architetto ha utilizzato l’acciaio e un reticolo di montanti e listelli ricavati da un legno locale denominato Iroko, ricercando un dialogo con l’ambiente circostante.

1

2

osservo

I sottili elementi lignei delle facciate sembrano le canne di un organo, e come uno strumento musicale vibrano sotto l’azione dei venti provenienti dall’oceano Pacifico, producendo un suono simile al fruscio delle fronde degli alberi.

Il Centro culturale Tjibaou

Fisso i concetti

Il Centro culturale Tjibaou

è concepito come un villaggio con gli spazi collegati da percorsi pedonali immersi nel verde;

gli edifici sono realizzati affiancando materiali moderni a quelli tradizionali, come per esempio l’acciaio e il legno locale.

Video

racconto

<

Artè
Artè
Percorso integrato di Storia dell’arte e Comunicazione visiva. Capitolo DEMO: La Grecia antica