architettura

scultura

pittura

Dal Barocco al Rococò

conosco e riconosco

Il fine dell’artista barocco è la meraviglia. Gli architetti adottano la linea curva che accentua il movimento sia negli edifici sia nella progettazione delle piazze delle città.

Piazza San Pietro. Roma.

Chiese e palazzi sono riccamente decorati con sculture e affreschi. Si usano effetti illusionistici che amplificano lo spazio per stupire lo spettatore.

Cupola della Chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane. Roma.

In scultura si raggiungono straordinari risultati di verosimiglianza nei volti e nella raffigurazione del corpo umano. Si prediligono soggetti in movimento e si rappresentano i sentimenti con forte senso di teatralità ed espressioni cariche di passione ed emozione.

Gian Lorenzo Bernini, Apollo e Dafne (1622-1625).

Il Seicento si apre con Caravaggio, che sperimenta nuovi effetti di luce e chiaroscuro. Nel corso del secolo si affermeranno altri grandi pittori europei come Rubens, Rembrandt e Velázquez.

Diego Velázquez, Las meninas (1656).

Si affermano nuovi generi che spesso hanno come soggetti temi della vita quotidiana, come la natura morta, la pittura di interni e il paesaggio.

Claude Lorrain, Porto marino con l’imbarco di Sant’Orsola (1641).

stili a confronto

SEICENTO

Il Settecento

SETTECENTO

Si affermano figure di pittrici ritrattiste come Le Brun, Carriera o Kauffmann. Gli artisti veneziani, come Longhi, dipingono scene vivaci e realistiche e Tiepolo grandi affreschi.

Élisabeth Vigée Le Brun, Autoritratto con cappello di paglia (1782).

I vedutisti dipingono paesaggi di città e monumenti. Il loro stile, legato all’osservazione razionale della realtà, procura ammirazione per l’arte italiana in tutta Europa.

Canaletto, Il Bucintoro al molo il giorno dell’Ascensione (1740 ca.).

In Europa si diffonde il Rococò, stile che, coinvolgendo tutte le arti, porta all’estremo il gusto barocco esasperando gli aspetti bizzarri, decorativi e ornamentali.

Reggia di Caserta (1752-1774).

In questo periodo i nobili si fanno costruire grandiose regge e palazzi, con arredamenti sfarzosi, specchi e stucchi dorati, circondati da meravigliosi giardini e fontane.

Palazzina di Stupinigi (1729-1731). Torino.

Nelle opere di scultura, le linee curve e sinuose, realizzate con grande abilità tecnica, mostrano la tendenza al virtuosismo con risultati in certi casi esasperati.

Francesco Queirolo, Il Disinganno (1753). Napoli, Cappella Sansevero.

A. Riconosci quale di queste opere è del Seicento (S), quale del Settecento (R) e qual è l’intruso (I).

B. L’intruso a quale stile appartiene? Da che cosa lo hai capito?

A. Quale di questi dipinti non è un’opera del Vedutismo?

C. Individua quale architettura è del Seicento (A) e quale del Settecento (B).

stili nel tempo
stili nel dettaglio
temi nel tempo

I musei sono parte integrante delle città di tutto il mondo. Ma non è stato sempre così: nell’antichità non esistevano musei e in altre epoche erano luoghi privati, a cui non tutti avevano accesso. Nel Settecento nascono i primi musei moderni, luoghi in cui si conservano le opere e dove i visitatori possono conoscerle. Fra i più importanti ci sono il British Museum a Londra, il Pio-Clementino in Vaticano, il Louvre di Parigi e gli Uffizi a Firenze.

fino a noi. Ci sono tanti tipi di musei. Per esempio, il museo archeologico raccoglie reperti d’arte antica, la pinacoteca raccoglie solo opere di pittura; il museo d’arte moderna conserva opere dell’Ottocento e del Novecento ecc.

Verso l’esame

verso l’esame

B. Distingui le sculture di Bernini.

D. Uno di questi ritratti è in stile Rococò. Quale?

Hai mai visitato un museo? Ci sono dei musei presenti nel luogo dove abiti? Prova a individuare a quale tipo di museo appartengono.

E. Riconosci l’autore: Vermeer (V) Canaletto (C) Caravaggio (CA)

10

e lode!

Crea un percorso multidisciplinare

Verso

il colloquio

SvolgiVerifica

Test

interattivo

Dopo aver individuato gli artisti sapresti dire il titolo delle opere rappresentate?

<

Artè
Artè
Percorso integrato di Storia dell’arte e Comunicazione visiva. Capitolo DEMO: La Grecia antica