Il primo grande protagonista della pittura del Seicento è Caravaggio (pseudonimo di Michelangelo Merisi), che si forma in Lombardia tra Milano e Caravaggio (cittadina d’origine dei genitori, da cui prende il nome). Ombroso e irascibile, facile ai colpi di testa, riesce nonostante tutto a entrare nelle grazie del cardinale Del Monte, a Roma, che diventa il suo principale mecenate. A Roma inizia la sua produzione più importante, ma dopo aver ucciso un uomo in una rissa deve lasciare la città. Si rifugia a Napoli, poi a Malta, e ancora in Sicilia fino a che, dopo una fuga avventurosa, muore a Porto Ercole, sull’Argentario.

La sua pittura si stacca radicalmente dalle tendenze precedenti. Caravaggio dipinge la realtà, rifiutando ogni idealizzazione, tanto che spesso per i suoi personaggi usa modelli presi dalla strada: per questo è accusato di involgarire l’arte e la religione, raffigurando rozzi popolani e addirittura donne di strada in veste di santi e madonne.

Caravaggio, a quanto sembra, non effettua disegni preparatori prima di dipingere, ma lavora direttamente sulla tela con il colore. Usa spesso tinte scure e dettagli crudi e brutali. La sua grande innovazione è l’uso della luce, che fa emergere le forme dal buio con forti contrasti.

UN GIOCO DI TRASPARENZE

Il Bacco è un’opera giovanile in cui è già evidente la grande capacità del pittore di giocare con la luce e il colore. Il dipinto raffigura il dio greco-romano del vino, che porge una coppa colma. È probabile che il quadro alluda anche a Cristo che offre il calice della salvezza dal peccato; peccato che è simboleggiato dalla frutta in primo piano, in parte già marcia, e dalla foglia di fico, l’unica copertura per Adamo ed Eva dopo il peccato originale. Colpisce la straordinaria capacità di Caravaggio di rendere le trasparenze del vetro della coppa e della caraffa.

Bacco (1598 ca.), olio su tela, 95x85 cm. Firenze, Gallerie degli Uffizi.

Il Seicento

Caravaggio

Milano 1571 - Porto Ercole (Grosseto) 1610

Caravaggio fa emergere la realtà, oltre che nella natura morta ( p. 327) in primo piano, anche in altri due dettagli: il lenzuolo, che sulla sinistra scopre un semplice materasso dal tipico rivestimento a righe, e le unghie di Bacco, profilate di sporco, che rivelano la probabile provenienza popolare del modello.

osservo

LUCI E OMBRE

A Napoli Caravaggio esegue Le sette opere di misericordia per il Pio Monte di Misericordia, un’istituzione benefica napoletana, dove tuttora è conservato. Il soggetto riunisce le sette opere richieste da Gesù nel Vangelo per ottenere il perdono dei peccati commessi. Nel movimentato dipinto si notano alcune caratteri­stiche tipiche della pittura di Ca­ra­vaggio: l’ambientazione popolare della scena, immaginata come se si svolgesse per strada; il contrasto molto intenso di luci e di ombre; i dettagli fortemente realistici, come i piedi del cadavere che si vedono al centro della tela.

Caravaggio

Fisso i concetti

Caravaggio

dipinge la realtà rifiutando ogni idealizzazione;

usa spesso un’ambientazione popolare;

gioca con il contrasto tra luci e ombre.

Le sette opere di misericordia (1606-1607), olio su tela, 390x260 cm. Napoli, Pio Monte di Misericordia.

<

Artè
Artè
Percorso integrato di Storia dell’arte e Comunicazione visiva. Capitolo DEMO: La Grecia antica