Nel VI secolo Ravenna è sotto il controllo dell’Impero bizantino. A Ravenna infatti risiedeva l’esarca, il governatore dei territori bizantini in Italia. In pochi decenni la città cambia completamente il suo aspetto: da cittadina di provincia diventa uno dei centri più ricchi d’Italia e la sua arte riflette direttamente quella di Bisanzio.

Il cambiamento è visibile soprattutto negli edifici religiosi costruiti in questi anni. Le chiese e le basiliche presentano tutte un identico contrasto tra esterno e interno: all’esterno sono spoglie, in mattoni, senza decorazioni e con un’architettura molto semplice, mentre all’interno sono interamente rivestite di mosaici a fondo oro, secondo una tradizione dell’Oriente che si era diffusa anche a Roma, nelle prime basiliche cristiane.

Due preziosi cortei

I mosaici della Basilica di San Vitale raffigurano l’imperatore Giustiniano e l’imperatrice Teodora, insieme a un corteo di funzionari e dignitari: avanzano verso l’altare portando le offerte del pane e del vino per la messa. Non è una rappresentazione naturalistica: i personaggi hanno occhi fissi e sono immobili come statue. Né Giustiniano né Teodora visitarono mai la città di Ravenna: si tratta di una rappresentazione simbolica dello stretto legame esistente tra Ravenna e la capitale orientale.

I mosaici di Ravenna

Il Tardoantico

osservo

Il fondo oro crea uno spazio fuori dal tempo e lontano dalla realtà, che non corrisponde al vero, ma suggerisce l’idea del divino. L’oro e i colori brillanti riflettono la luce con le sue infinite sfumature, rendendo visibile al fedele la presenza spirituale di Dio.

L’imperatore Giustiniano e il suo seguito (540-547 ca.), mosaico. Ravenna, Basilica di San Vitale, abside.

L’imperatrice Teodora e il suo seguito (540-547 ca.), mosaico. Ravenna, Basilica di San Vitale, abside.

una tomba preziosa

Galla Placidia, figlia dell’imperatore Teodosio, fu alla guida dell’Impero all’inizio del V secolo mentre il figlio Valentiniano III era ancora minorenne. Secondo la tradizione, il mausoleo che porta il suo nome doveva contenere le sue spoglie, anche se nessun documento lo conferma. L’interno è tutto decorato da mosaici, che probabilmente sono stati realizzati da artisti occidentali che conoscevano bene le tecniche bizantine: l’immagine del Buon Pastore, infatti, ha una resa molto realistica della profondità e dei volumi, che è in genere estranea all’arte orientale.

Fisso i concetti

i MOSAICI DI RAVENNA

sono la testimonianza della diffusione dell’arte bizantina in Italia;

hanno il fondo oro e rivestono gli interni delle basiliche cristiane.

I mosaici di Ravenna

Il Buon Pastore in mezzo al gregge (V secolo), mosaico. Ravenna, Mausoleo di Galla Placidia.

video

<

Artè
Artè
Percorso integrato di Storia dell’arte e Comunicazione visiva. Capitolo DEMO: La Grecia antica