Eden - volume 3

12.000 a.C. EUROPA ASIA scienze AFRICA L evoluzione degli ominidi e le migrazioni preistoriche L Homo habilis, la specie più antica del genere Homo, ebbe la sua origine evolutiva in Africa (nell area della Rift Valley) circa 2,5 milioni di anni fa. Successivamente comparve l Homo erectus che, meno di 2 milioni di anni fa, lasciò il continente africano. Gli ominidi si stabilirono in Medio Oriente e poi, circa 1 milione di anni fa, proseguirono a est verso l Asia e a ovest verso l Europa, passando a sud del Mar Nero, attraverso lo Stretto del Bosforo. Durante questo lungo cammino, definito espansione areale , continuarono a evolver- 2 milioni a.C. 1 milione a.C. si, adattandosi agli ambienti dei luoghi in cui giungevano. Gli studiosi distinguono varie specie umane evolutesi nell arco di centinaia di migliaia di anni, tra cui l uomo di Neanderthal e la nostra specie, l unica sopravvissuta, ovvero l Homo sapiens, comparso circa 200.000 anni fa in Africa e poi diffusosi in tutto il mondo. Osserva la carta qui sopra, che mostra le prime migrazioni umane; poi cerca sul libro di scienze ulteriori informazioni sulle diverse specie di ominidi e integrale nella tua esposizione orale. inglese Immigration in the United Kingdom By the 17th century, the British Empire had expanded to every continent, becoming the largest of the European colonial empires. Over time, the United Kingdom established a common language and strong economic and cultural ties with its colonies. These ties were still active in the 20th century and led to the founding of the Commonwealth of Nations in the 1930s. The Commonwealth is an association of former British colonies that slowly be- came independent from Britain but were still united by loyalty to the British monarchy and strong trade agreements. For these reasons, many people from Commonwealth Nations immigrated to the United Kingdom, particularly after World War II during the 1950s and 1960s. Respond to these questions: which countries belonged to the British Empire? When did they become independent? storia L emigrazione italiana tra Ottocento e Novecento Osserva il grafico, che rappresenta la media degli espatri annuali nei due periodi considerati nelle varie zone d Italia. Quali sono le principali differenze tra le due ondate migratorie? Quali sono state le zone d Italia più interessate? 25 Nord-Ovest (ogni 1000 abitanti) Nel periodo compreso tra il 1876 e il 1914, circa 14 milioni di italiani hanno abbandonato il Paese per trasferirsi altrove; quasi 5 milioni di questi non vi hanno più fatto ritorno. I motivi che hanno spinto un tale numero di persone a cercare condizioni di vita migliori risiedono nella crisi economica che aveva colpito l Italia dopo l Unità. Le mete degli emigranti erano gli Stati europei più industrializzati (la Francia, seguita dall Austria, la Germania e la Svizzera) e quelli d Oltreoceano (Stati Uniti, Canada, Argentina, Brasile e Australia). Nord-Est 20 Centro 15 Sud Isole 10 5 0 1876-80 1911-13 347

Eden - volume 3
Eden - volume 3
Il mondo