Il futuro dell’Unione

Il futuro dell Unione VERSO UN GRANDE STATO MULTINAZIONALE? Il periodo che stiamo vivendo rappresenta una fase cruciale per il processo di integrazione europea e per il risultato più importante che ha raggiunto finora, cioè l Unione Europea. I prossimi anni probabilmente ci diranno se l UE vincerà le resistenze di Governi e dei popoli che la compongono per diventare un grande Stato multinazionale, oppure se le diffidenze reciproche e i sentimenti euroscettici di sfiducia e critica verso il processo di integrazione avranno la meglio e la funzione dell Unione Europea dovrà essere ripensata. Le prospettive di allargamento La regione in cui l Unione Europea ha le maggiori prospettive di espandersi nei prossimi anni è quella dei Balcani, dove si trova la maggior parte dei Paesi attualmente candidati a diventare membri: Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro e Serbia. Gli abitanti di questi Stati vedono l ingresso nell UE come un opportunità di sviluppo economico e come un modo per lasciarsi alle spalle i difficili anni del loro recente passato (vedi p. 247). Più complesso appare un ulteriore allargamento dell Unione a est. Nel 2022 l Ucraina, dopo l invasione del Paese da parte della Russia (vedi p. 201), è stata ufficialmente riconosciuta come candidata. L adesione, però, è inevitabilmente legata agli esiti della guerra. E ugualmente in salita appare il cammino di integrazione verso nord: nel 2009 l Islanda, in seguito a una grave crisi che aveva colpito il sistema bancario e finanziario, aveva presentato formale richiesta di adesione all UE, e i negoziati erano iniziati nel 2010. Ma nel 2013 il Governo islandese ha ritirato la propria candidatura, che al momento è considerata sospesa dai vertici dell UE. VERSO UNO STATO FEDERALE? Il costituirsi degli Stati Uniti d Europa, con una struttura simile a quella degli Stati Uniti d America, era il sogno di molti dei padri fondatori dell UE. Un passo che l Unione Europea potrebbe intraprendere in questa direzione, cioè verso una più compiuta unione e integrazione, sarebbe evolversi fino a diventare uno Stato federale a tutti gli effetti, con istituzioni dotate di sempre maggiori poteri e in grado di sostituirsi a quelle dei singoli Stati membri; a questi verrebbero lasciate solo le competenze in materia locale, come accade oggi con le regioni di molti Paesi. Una federazione di questo tipo dovrebbe essere in grado di gestire la propria difesa ed esprimere una politica estera comune, due obiettivi che al momento l UE fatica a raggiungere. L Unione Europea infatti non ha un esercito comunitario, e spesso gli Stati membri non reagiscono in modo univoco di fronte a importanti eventi della scena mondiale. Nonostante rimangano alcune divergenze tra i vari Paesi, nel 2022 l Unione ha però mostrato una notevole compattezza nell imporre dure sanzioni alla Russia per l invasione dell Ucraina. 30 STUDIO CON METODO Uso le domande-guida: seleziono e sottolineo le informazioni sull allargamento dell UE, poi rispondo. Perché i Paesi balcanici vedono l ingresso nell UE come una grande possibilità? Quali difficoltà incontra il processo di integrazione dell Ucraina? E quello dell Islanda? Osservo la carta in atlante p. 14 e individuo i Paesi protagonisti dell allargamento a est e a nord dell Unione Europea.

Eden. Il nuovo Geo2030 - volume 2
Eden. Il nuovo Geo2030 - volume 2
L’Europa