La città e i suoi problemi

Sono sempre più numerose le persone che scelgono di vivere in città, attratte dalle opportunità di lavoro, di studio e di svago che solo una realtà ricca e variegata come quella cittadina può offrire. Tutto ciò, però, ha anche alcuni effetti negativi.

Il pendolarismo, cioè lo spostamento quotidiano di chi studia o lavora in città ma abita in periferia o fuori dai confini urbani, causa un aumento del traffico e quindi dell’inquinamento atmosferico e acustico. Inoltre, anche i trasporti pubblici devono far fronte a un afflusso sempre maggiore di passeggeri.

L’inquinamento è dovuto non solo ai trasporti ma anche agli enormi consumi di energia e risorse da parte degli abitanti della città, per esempio per il riscaldamento delle case in inverno o per i condizionatori in estate.

Nelle città molto popolose viene prodotta una grandissima quantità di rifiuti. Oggi molte discariche in cui venivano smaltiti i rifiuti urbani sono ormai piene e la raccolta differenziata, che consentirebbe il riciclo di alcuni materiali, non è effettuata ovunque.

La difficoltà a garantire spazi e servizi adeguati può portare allo sviluppo, nelle aree periferiche, di quartieri dormitorio, in cui le persone ritornano solo la sera per dormire e in cui scarseggiano luoghi di ritrovo, negozi ecc. La costruzione incontrollata di edifici avviene spesso a scapito di parchi e aree verdi, influendo pesantemente sulla qualità della vita dei cittadini.

Il piano regolatore

Uno degli strumenti di cui le amministrazioni cittadine si servono per tentare di risolvere i problemi dei centri abitati è il piano regolatore: un documento in cui si fissano le regole per lo sviluppo equilibrato di una città o di un paese, in modo da garantire la presenza e la diffusione dei servizi necessari andando incontro alle esigenze degli abitanti.

Climaticamente

andrea giuliacci

Un albero può fare la differenza?

Uno da solo magari no, ma tanti sì, eccome! Gli alberi non solo possono influenzare il clima, ma hanno anche un impatto importante sulla qualità dell’aria in città. Le foreste infatti sono dei veri e propri “polmoni” per la Terra, perché assorbono l’anidride carbonica, che è uno dei principali gas serra, e in cambio restituiscono ossigeno: più foreste ci sono, meno il nostro Pianeta si surriscalda. Gli alberi sono importanti anche per il clima urbano: facendo ombra, rendono la città meno calda; riparano dal vento e attutiscono i rumori; il fitto fogliame, il tronco e le radici catturano il pulviscolo e altre sostanze inquinanti, contribuendo a migliorare la qualità dell’aria.

studio CON METODO

Leggo il testo e organizzo una mappa sui problemi della città utilizzando le parole-chiave qui sotto, poi ripeto.

pendolarismo inquinamento rifiuti quartieri dormitorio

Seleziono e sottolineo le informazioni nel testo.

Che cosa è il piano regolatore.

Qual è la sua funzione.

Cumuli di spazzatura

per le vie di una città.

Una strada urbana intasata dal traffico.

<

Eden. Il nuovo Geo2030 - volume 1
Eden. Il nuovo Geo2030 - volume 1
L’Italia e l’Europa. Capitoli DEMO: Montagna e collina; Clima