I SAPERI FONDAMENTALI

I SAPERI FONDAMENTALI

LA SINTESI

LA VITA

Niccolò Machiavelli nasce a Firenze nel 1469. Riceve dal padre una formazione umanistica e inizia la sua carriera nella Firenze repubblicana di Pier Soderini.

Gli interessi verso diplomazia ed esercito rappresentano sin da subito gli ambiti fondamentali della sua futura elaborazione teorica e del suo impegno militante. Il ritorno dei Medici nel 1512 segna la fine della carriera politica, la condanna al carcere e all’esilio all’Albergaccio. Dopo il periodo di confino, nel 1527 riprende per poco tempo i suoi incarichi politici ma, in seguito alla restaurazione della Repubblica, viene escluso da ogni carica pubblica. Muore qualche mese dopo.

le opere PRINCIPALI

Epistolario Le lettere di Machiavelli sono documenti privati, non destinati alla pubblicazione. In esse l’autore rivela i propri stati d’animo di fronte a vicende politiche e protagonisti della scena pubblica. Non mancano tuttavia racconti di vita intima, descrizioni di incontri d’amore e avventure, battute e facezie.


Il Principe È un trattato politico scritto nel 1513. L’opera analizza i vari tipi di principato, le qualità adatte al principe, la situazione politica italiana.

A differenza della trattatistica medievale, Machiavelli si allontana dal modello di principe ispirato all’etica cristiana: la politica si rende autonoma dalla morale e risponde a leggi specifiche fondate sul criterio dell’utile.

La fortuna sfugge al dominio dell’uomo, che però può arginarla con la virtù. La «verità effettuale della cosa» è l’unico dato in grado di orientare le scelte politiche del principe, nell’interesse dei sudditi e dello Stato. Machiavelli elabora l’idea della politica come professione, che può essere esercitata solo con forza e astuzia; anche la crudeltà, se funzionale al bene comune, può essere ammessa nella pratica di governo. La riflessione di Machiavelli si basa sull’osservazione empirica di dati concreti e si sviluppa mediante un metodo induttivo che mira all’elaborazione di una norma valida sempre. L’esposizione delle sue teorie procede attraverso continue opposizioni (secondo lo schema «o… o») e, con toni sintetici e vibranti, fa coincidere forma e contenuto.

Da un punto di vista stilistico, l’opera è caratterizzata da un lessico vario e presenta una struttura adatta all’esposizione chiara e razionale delle argomentazioni. La stesura del Principe segna la nascita della prosa scientifica.


La mandragola È una commedia, scritta nel 1518, ambientata a Firenze e suddivisa in 5 atti. Protagonista delle vicende è il giovane Callimaco che, per giacere con la bella Lucrezia di cui è innamorato, escogita con l’aiuto del ruffiano Ligurio un raggiro ai danni del vecchio e sciocco messer Nicia. Attraverso la comicità della trama, Machiavelli mette in luce la cinica immoralità della società dell’epoca; al tempo stesso esalta tuttavia le virtù di quei protagonisti che, con astuzia, riescono a volgere a proprio favore le avversità.

Letteratura attiva - volume 1
Letteratura attiva - volume 1
Dalle origini al Cinquecento