COSTRUISCO I MIEI SAPERI FONDAMENTALI

COSTRUISCO I MIEI SAPERI FONDAMENTALI Leggo, ascolto e ripasso I cocktail Il cocktail è una bevanda miscelata ottenuta dalla combinazione di diverse basi, alcoliche o meno, a cui si possono aggiungere altri elementi e aromi. Il totale degli ingredienti va da un minimo di tre a un massimo di sette: perché risulti equilibrato è necessario che questi siano bilanciati e preservino le proprie caratteristiche organolettiche. La lista di cocktail diffusi a livello internazionale è periodicamente aggiornata, anche in base alle tendenze più recenti, che prediligono l attenzione alla salute (per esempio i cocktail senza alcol, chiamati mocktail), alla sostenibilità o all abbinamento con l esperienza gastronomica. I cocktail possono essere classificati in base a vari fattori, come la temperatura di servizio o la composizione. Per esempio, in base alla quantità si possono distinguere short drink, medium drink e long drink, mentre in base all occasione di consumo cambia il gusto e il contenuto alcolico: un cocktail pre dinner sarà tendenzialmente poco alcolico e mirato a stimolare l appetito. L attrezzatura del bar Come in tutte le professioni, anche per svolgere il lavoro al bar si usa una specifica attrezzatura con precise funzioni. In primo luogo, i bicchieri sono fondamentali per servire le bevande e per una funzione estetica. La forma cambia in base al tipo di bevanda e al tipo di locale: per esempio un locale storico potrebbe avere bicchieri di cristallo, ma in linea generale tutti per servire uno short drink come il Martini useranno la coppetta da cocktail e per servire bevande alcoliche calde useranno un tankard, dotato di manico. La capienza invece dipende dall uso: gli shot, bicchieri molto piccoli, si usano per distillati bianchi, 358 UDA 14 LE BEVANDE MISCELATE: I COCKTAIL Audio RIPASSO correzioni e caffè, mentre il bicchiere da long drink (per i quali si usa anche il tumbler alto o highball) ha grandi dimensioni per ospitare anche il ghiaccio ed eventuali decorazioni. Oltre ai bicchieri, un bar deve avere numerosi altri utensili, a seconda delle esigenze. Per esempio, per realizzare i cocktail è fondamentale l utilizzo di un cucchiaio miscelatore o di uno stirrer per mescolare il drink nel bicchiere, di uno shaker (continentale o americano) per mescolare le basi del cocktail, di un misurino per includere la giusta quantità di ingredienti e di un muddler per pigiare ingredienti come la menta, da aggiungere nei cocktail pestati. Un bar che si occupa della realizzazione di cocktail è sempre dotato di macchinari professionali. Tra i più importanti ci sono il frullatore o blender, che ha lo scopo di miscelare gli ingredienti, l estrattore, la centrifuga e lo spremiagrumi, che servono per ricavare il succo da frutta e verdura, e il tritaghiaccio. Alcuni di questi macchinari possono essere combinati nel gruppo bar. In un bar l organizzazione della zona di lavoro per la preparazione delle bevande miscelate è fondamentale. La mise en place per la preparazione dei cocktail prevede che al centro sia posizionato un tappetino di gomma (bar mat), e che siano a portata di mano in posizioni precise e ordinate tutti gli strumenti necessari per realizzare i miscelati, come gli utensili, i bicchieri, il ghiaccio, le guarnizioni e le bottiglie più utilizzate degli ingredienti. Per realizzare i cocktail si utilizza il ghiaccio alimentare, prodotto a partire dall acqua destinata al consumo umano, secondo le norme previste dalla legislazione in materia, perché potenzialmente pericoloso per la salute.

Qualità in Sala
Qualità in Sala
Per il primo biennio. DEMO: UDA 2 - L’organizzazione delle risorse