Qualità in Sala

SALA E STORIA Il successo del cacao nella Storia Il primo popolo a coltivare il cacao sarebbe stato quello degli Olmechi, abitanti dell odierno Messico fra il XV secolo e il IV secolo a.C. Per trovare informazioni attendibili sull uso del cacao, però, bisogna arrivare ai Maya, il popolo che, sviluppatosi nello stesso periodo, giunse a controllare una vasta area del Centro America. Nel Codice di Dresda, uno dei pochissimi esistenti in lingua maya, alcune incisioni mostrano divinità con in mano i semi di cacao: le Kakaw uhanal, o cibo degli dei . Questi semi erano usati come moneta di scambio: in un tariffario del 1545 si legge che un pomodoro o un avocado costavano un seme; un coniglio o uno schiavo ne costavano 100 e un tacchino 200. Nonostante la colonizzazione delle Americhe, il cacao stentò a raggiungere l Europa. Secondo la Historia del nuovo mondo scritta nel 1575 da Girolamo Benzoni, Cristoforo Colombo avrebbe assaggiato la bevanda degli dei a base di cacao rimanendone disgustato: l avrebbe definita beveraggio da porci . Più tardi, Hernan Cortés, nel suo viaggio di conquista, ebbe modo di assaggiare una bevanda a base di cacao, mais e peperoncino, offertagli dall imperatore Montezuma: dovette piacergli, perché decise di inviarla in Spagna dove l esperienza erboristica di alcuni frati li portò a sostituire il peperoncino con la vaniglia e lo zucchero. La deliziosa bevanda così prodotta era destinata alla tavola di nobili e clero. Bisognerà aspettare un paio di secoli: la rivoluzione industriale porterà la cioccolata nelle case di tutti. La prima fabbrica di cioccolato sorge in Francia nel 1776: è solo il primo esempio di un interesse sempre più vasto che coinvolgerà via via tutta l Europa. Alla fine del secolo, per esempio, a Torino il signor Doret sviluppa una macchina in grado di impastare in modo automatico cacao, vaniglia e zucchero producendo i primi cioccolatini: una tradizione che porterà nel 1852 Michele Prochet a produrre i primi gianduiotti aggiungendo le nocciole all impasto. Pochi anni dopo (1826), sfruttando la macchina di Doret, Pierre Paul Caffarel inizia la sua produzione di oltre 300 kg di cioccolato al giorno, mentre nel 1828 il chimico olandese Coenraad Johannes van Houten sviluppa un processo industriale per privare il cacao del gusto amaro e ridurlo in polvere, fondando un azienda ancora oggi all avanguardia nella produzione di cacao e cioccolata. La prima tavoletta di cioccolato viene prodotta a Birmingham, nel cuore del Regno Unito, dove le chocolate house ebbero un successo tale da fare concorrenza ai tradizionali pub. il farmacista Joseph S. Fry che, insieme al figlio, mescola burro di cacao, zucchero e liquore di cioccolato, preparando la prima barretta e avviando un ricco commercio. Il cioccolato al latte, invece, viene inventato più tardi: il fabbricante di alimenti per l infanzia Henry Nestlè, tedesco naturalizzato svizzero, e l imprenditore svizzero Daniel Peters riuscirono a rimuovere l acqua dal latte e produrre cioccolato al latte in grado di conservarsi più a lungo. Nello stesso periodo, sempre in Svizzera, Rudolph Lindt, fondatore di un azienda ancora oggi leader nel mondo della cioccolata, inventa il concaggio (1879), un procedimento che amalgama gli ingredienti nella cioccolata garantendone la perfetta miscelazione. L americano Milton Hershey è il primo produttore di cioccolato veramente popolare : dopo aver sviluppato un proprio modo di produrre una varietà al latte, mette sul mercato la sua Hershey bar (1900), una barretta di cioccolato venduta a prezzi molto bassi e quindi accessibili a tutti. IL MONDO DEL CACAO CAPITOLO 5 307

Qualità in Sala
Qualità in Sala
Per il primo biennio. DEMO: UDA 2 - L’organizzazione delle risorse