Una bottiglia per ogni tipo di vino

Una bottiglia per ogni tipo di vino Ciascun vino è destinato a un particolare tipo di bottiglia. Vediamo le tipologie principali. La BORDOLESE, originaria della Francia, è impiegata soprattutto per i vini rossi. La BORGOGNONA, nata nella Borgogna (Francia), serve per vini rossi di lungo invecchiamento. La CHAMPAGNOTTA è tipica degli spumanti, ha il fondo ricurvo e un vetro spesso per resistere all alta pressione del vino ( no a circa 12 bar). La RENANA è di origine tedesca e con la sua forma slanciata è adatta ai vini bianchi. L ALBEISA è originaria di Alba, in provincia di Cuneo, ed è adatta ai grandi vini rossi delle Langhe, come Barolo e Barbaresco. La PULCIANELLAprende il nome da Montepulciano, in Toscana. Si usa per imbottigliare l Orvieto e i Riesling tedeschi. Il FIASCO, ormai raro, è una grossa bottiglia tondeggiante rivestita di paglia, tipica del Chianti. La MARSALESE è il tipico contenitore per il vino Marsala. L ANFORA è utilizzata per il Verdicchio e per i vini della Provenza (Francia). Che cosa contiene il vino? Il vino contiene molte delle sostanze presenti nel mosto da cui deriva: composto da acqua (75-85% in peso), al posto dello zucchero contiene alcol etilico o etanolo (8-17%, mediamente 9-15%) che, essendo igroscopico (cioè assorbe meno acqua dall ambiente), lascia una sensazione di asciutto e di calore nella bocca. Inoltre, il vino contiene glicerina, responsabile della morbidezza, sorbitolo e propandiolo (minimo 80 mg/l). Le proprietà organolettiche del vino La gradazione alcolica La gradazione alcolica viene descritta in vari modi. Alcol svolto: è espresso in etichetta sotto forma di volume % ; misura l effettiva quantità di alcol presente nel vino. Alcol potenziale: è quello che può essere prodotto dall eventuale fermentazione degli zuccheri rimasti nel vino; ha particolare importanza nei vini dolci. Alcol totale o complessivo: è la somma dei valori precedenti. DALLA VITE ALLA BOTTIGLIA CAPITOLO 1 229

Qualità in Sala
Qualità in Sala
Per il primo biennio. DEMO: UDA 2 - L’organizzazione delle risorse