Letteratura attiva - volume 2

I grandi temi dati all improvvisazione degli attori, che impersonano caratteri stereotipati (il servo sciocco, il mercante avaro, il dottore presuntuoso), riconoscibili grazie alle maschere che indossano. Goldoni si propone di superare questa consuetudine attraverso una riforma del teatro che operi su due piani strettamente connessi: quello tecnico-formale e quello contenutistico. In primo luogo abbandona lo strumento del canovaccio, scrivendo tutte le battute e attribuendo quindi un ruolo prioritario all autore. Trasforma inoltre le maschere tradizionali in personaggi autentici, ispirati alla realtà quotidiana e dotati di una psicologia individuale. In questo modo, egli interviene anche sul piano dei contenuti, portando il teatro ad assumere un ruolo, oltre che di intrattenimento, di riflessione Maurice Sand, Arlecchino, 1860. critica su temi morali e sociali. Per spiegare la genesi della sua riforma, Venezia, Casa di Carlo Goldoni. Goldoni ricorre a una metafora. Le sue più importanti fonti di ispirazione, afferma, sono state due: il libro del Mondo, costituito dall esperienza e dall osservazione della società e di tutti i suoi ambienti (botteghe, case, piazze, porti); il libro del Teatro, rappresentato dalla conoscenza degli artifici scenici e degli aspetti pratici della professione le esigenze economiche degli impresari, il lavoro concreto degli attori, le attese del pubblico , appresi nella sua attività di uomo di teatro. Da queste due dimensioni deriva una riforma fondata, anziché su princìpi astratti, sull autentica realtà del teatro, e capace quindi di abbinare tradizione e innovazione, gusto personale e richieste del mercato. LA RIFORMA DI GOLDONI FISSO I CONCETTI libro del Mondo: osservazione della realtà con tutte le sue sfaccettature libro del Teatro: conoscenza degli artifici scenici e delle regole imprenditoriali dell attività teatrale superamento della commedia dell arte (canovaccio, improvvisazione, maschere) testo scritto, personaggi con una loro psicologia, attenzione alla realtà sociale, riflessione critica DAI TEMI AI TESTI: T1 > p. 218 214 / IL SETTECENTO

Letteratura attiva - volume 2
Letteratura attiva - volume 2
Dal Seicento al primo Ottocento