Traumi legati a circostanze: guerre e pandemia

I primi sintomi del DPTS sono spesso ritardati e separati dal trauma; il disturbo tende poi a seguire un decorso cronico, senza che i sintomi si attenuino con il trascorrere dei giorni. Questo significa che a distanza di tempo il vissuto traumatico continua a ripresentarsi indipendentemente dalla volontà del soggetto. 1.3 TRAUMI LEGATI A CIRCOSTANZE: GUERRE E PANDEMIA | Il feno- | T2 Le ragioni della guerra p. 318 meno della guerra e le componenti psichiche che portano l uomo a uccidere e a rischiare la propria vita durante un conflitto sono state studiate e approfondite da diversi studiosi. Secondo lo psicoanalista italiano Franco Fornari | L AUTORE| l avvento della bomba atomica ha messo in crisi il senso della guerra, perché l utilizzo di un arma così distruttiva comporterebbe la morte di tutti i combattenti, non garantendo la vittoria a nessuno. Altri studi hanno messo in luce come il potere traumatizzante della guerra colpisca non soltanto i soldati | APPROFONDIAMO, p. 304|, ma anche i civili: la costante sensazione di rischiare di morire e l ipervigilanza che ne consegue, protratti per lungo tempo, diventano vissuti troppo difficili da elaborare e integrare nel proprio mondo psichico. Il timore per la propria la vita, la morte di una persona cara, la perdita della casa e della quotidianità, il tentativo di mettersi in salvo fuggendo sono tutti aspetti che rendono i conflitti bellici veri e propri traumi difficilmente elaborabili. Purtroppo, nonostante la consapevolezza di quanto dolore le guerre portano con sé, ancora oggi sono presenti conflitti in diverse parti del mondo. Un altro evento inatteso, imprevisto e imprevedibile che ha coinvolto recentemente tutta l umanità è stata la pandemia da Covid-19, che moltissime persone hanno vissuto come un fattore di forte stress con caratteristiche traumatiche. Non conoscere il virus nemico , la paura per la propria salute e quella dei propri cari, l isolamento, l incertezza del futuro sono stati aspetti difficili da fronteggiare. Il mondo non era pronto a fare i conti con una situazione simile e con gli effetti negativi che ne sono conseguiti: molte persone hanno fatto fatica a tornare alla propria quotidianità; in tanti hanno riferito L AUTORE Franco Fornari Franco Fornari (1921-1985) è stato uno psicoanalista e medico italiano. Allievo di Cesare Musatti, nel 1968 ottiene alla facoltà di sociologia di Trento la cattedra di Psicologia generale e dinamica. Nel suo insegnamento Fornari, a partire da uno studio rigoroso della psicoanalisi freudiana, introduce numerosi elementi innovativi che portano il pensiero psicoanalitico a studiare e a interpretare fenomeni di ordine sociale, politico, antropologico e culturale. Dal 1973 al 1978 è presidente della Società psicoanalitica italiana e dal 1979 docente di Psicologia all università statale di Milano. Nel 1985 fonda il Minotauro Istituto di analisi dei codici affettivi a Milano, specializzato nella psicoanalisi dell adolescenza. Studioso delle dinamiche di guerra, Fornari si impegna molto nel cercare di dare un contributo psicoanalitico alla risoluzione dei conflitti e alla ricerca della pace. unità 11 | Affrontare traumi ed emergenze | 303

Spazio Scienze umane - volume 1
Spazio Scienze umane - volume 1
Psicologia - Metodologia della ricerca