APPROFONDIAMO - Rinforzo parziale e gioco d’azzardo

APPROFONDIAMO RINFORZO PARZIALE E GIOCO D AZZARDO 3HUFK« LO *UDWWD 9LQFL RWWLHQH FRV® WDQWR VXFFHVVR" *OL LQYHQWRUL OR SXEEOLFL]]DQR SDUODQGR GL YLQFLWH PLOLRQDULH FKH WXWWDYLD VRQR DVVDL LPSUREDELOL &KL DFTXLVWD XQ *UDWWD 9LQFL H VILGD OD IRUWXQD D TXHVWR JLRFR YLHQH DWWUDWWR GD GXH PHFFDQLVPL IRQGDPHQWDOL ,O SULPR ª TXHOOR GHOOD JHQHUDOL]]D]LRQH , QXPHUL QRQ YLQFHQWL VRQR PROWR YLFLQL D TXHOOL YLQFHQWL SHU HVHPSLR VH LO QXPHUR YLQFHQWH ª PROWR VSHVVR QHOOD VFKHGD FRPSDLRQR LO R LO R LO H QRQ QXPHUL PROWR GLYHUVL FRPH ,Q TXHVWR PRGR LO JLRFDWRUH KD OD VHQVD]LRQH GL HVVHUFL DQGDWR YLFLQR R GL DYHU PDQFDWR LO SUHPLR SHU SRFR HG ª TXLQGL LQGRWWR D ULSURYDUH DFTXLVWDQGR XQD QXRYD FDUWHOOD ,O JLRFR G D]]DUGR FRPSRUWD ,O JLRFR G D]]DUGR FRPSRUWD ,O VHFRQGR PHFFDQLVPR ª TXHOOR GHO ULQIRU]R SDU]LDOH YDULDELOH LQ DOVSHVVR OD SHUGLWD GL LQJHQWL VSHVVR OD SHUGLWD GL LQJHQWL FXQH RFFDVLRQL FLUFD XQD VX WUH ª SRVVLELOH VFRSULUH GL DYHU YLQWR XQ VRPPH GL GHQDUR H SX VRPPH GL GHQDUR H SX FDXVDUH GLSHQGHQ]D FDXVDUH GLSHQGHQ]D SLFFROR SUHPLR GL VROLWR HTXLYDOHQWH DO FRVWR GHOOD FDUWHOOD ,Q TXHVWR PRGR ULQIRU]DWL GD SLFFROH YLQFLWH L JLRFDWRUL VRQR LQGRWWL D FRPSUDUH QXRYDPHQWH GHOOH FDUWHOOH SRLFK« OD VSHUDQ]D GL YLWWRULD ª DOLPHQWDWD GD TXHVWL SLFFROL LQFHQWLYL ,Q UHDOW¢ OD FLIUD LQYHVWLWD GDL JLRFDWRUL QHO VXR FRPSOHVVR ª PROWR VXSHULRUH DL SUHPL GLVWULEXLWL H SXUWURSSR HVLVWRQR SHUVRQH FKH VSHQGRQR PROWR GHQDUR LQ TXHVWR JLRFR PHWWHQGR D ULVFKLR OD ORUR VLWXD]LRQH HFRQRPLFD H OH ORUR UHOD]LRQL Il modellaggio | Skinner si interessò anche a un altra questione fondamen- tale: è possibile indurre nel soggetto un comportamento che non si verifica mai spontaneamente? Se sì, come? Questa domanda era cruciale se, per esempio, il topo dei suoi esperimenti non mostrava alcun interesse per la leva nella gabbietta. Egli introdusse allora il modellaggio (shaping) per approssimazioni successive. Questa tecnica si basa sull individuazione e il rafforzamento di un comportamento spontaneo che si avvicina alla risposta desiderata. Quando il topo nella gabbia non premeva mai la leva, Skinner somministrava un rinforzo positivo nel momento in cui vi si avvicinava. Aumentando la frequenza di questo comportamento si favoriva la possibilità che il roditore la premesse casualmente; a quel punto il rinforzo veniva associato a questa nuova risposta, fino a stabilizzarla. Il modellaggio è pertanto una tecnica di apprendimento che consiste in una serie di condizionamenti operanti in successione, partendo dalla risposta più spontanea fino ad arrivare a quella desiderata. Pertanto, esso induce nel soggetto una risposta che non produce mai spontaneamente. molto applicato nell addestramento animale, con risultati notevoli, ma anche in procedure educative (scrittura) e training sportivi. Skinner si interessò molto anche alla scuola: egli sosteneva che i metodi educativi e di insegnamento dovevano essere aggiornati alla luce delle scoperte comportamentiste. La crescente scolarizzazione di massa diminuiva i rinforzi ottenuti dal prestigio dello studio e dalla promessa di una posi- unità 7 | L apprendimento | 179

Spazio Scienze umane - volume 1
Spazio Scienze umane - volume 1
Psicologia - Metodologia della ricerca