APPROFONDIAMO - Il problema dello human factor nella

proprietà di pensiero, da lui definita insight ( intuizione ), in grado di ristrutturare tutte le esperienze passate per riorganizzarle in base alle condizioni presenti. Nell ambito delle scienze sociali, invece, chi portò avanti le teorizzazioni della Gestalt nei suoi studi fu Kurt Lewin. Le branche principali di studio a cui si egli si dedicò furono le dinamiche di gruppo e la ricerca-azione, cioè lo studio di problemi sociali concreti e di possibili strategie di intervento e soluzione. La psicologia della Gestalt suscitò sin dalle sue prime formulazioni reazioni ambivalenti: eccessivamente entusiastiche o molto critiche. Le teorie formulate ebbero comunque una portata trasversale, che penetrò nella psicologia contemporanea, sia in Europa sia in America, specialmente a seguito dell immigrazione forzata negli Stati Uniti dei suoi principali esponenti per sfuggire alle persecuzioni naziste. La grande capacità esplicativa della teoria favorì l incontro con altre scuole di pensiero, in particolare con il comportamentismo. Probabilmente è proprio tale integrazione a segnare il declino del comportamentismo a favore del nascente cognitivismo | APPROFONDIAMO|: infatti, ancora una volta, erano state evidenziate le criticità dell approccio a favore di una visione fenomenologica dell esperienza, secondo cui un fenomeno psichico non poteva essere esaminato in modo oggettivo ma soggettivo. APPROFONDIAMO IL PROBLEMA DELLO HUMAN FACTOR NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE Per comprendere meglio lo sviluppo del cognitivismo, occorre guardare il fenomeno anche da un punto di vista storico: la crisi del comportamentismo in favore del cognitivismo è stata, infatti, incoraggiata anche da una crescente domanda di tipo militare, originata dalla Seconda guerra mondiale. L interazione tra i soldati e le interfacce belliche misero in primo piano il problema dello human factor, ovvero della qualità della prestazione militare, che poteva dipendere non solo da fenomeni quali paura, freddo, caldo, stanchezza, necessità di dover agire al meglio e nel minor tempo possibile, ma anche dalla ricerca sul tipo di caratteristiche che l interfaccia doveva utilizzare (fucile, cabina di aereo, sistema di controllo radar ecc.) per essere azionata nel migliore dei modi possibili. Quindi, si pensò che la prestazione sarebbe stata migliore se 14 | PSICOLOGIA | L importanza dello human factor fu particolarmente rilevante nell ambito dell aviazione militare. nella progettazione dell interfaccia si fosse tenuto conto del tipo e delle caratteristiche dei processi mentali che dovevano essere messi in atto. Per human factor si deve quindi intendere tutti quei punti di forza e di debolezza che caratterizzano la prestazione umana durante la sua esecuzione.

Spazio Scienze umane - volume 1
Spazio Scienze umane - volume 1
Psicologia - Metodologia della ricerca