APPROFONDIAMO - Deficit sensoriali e comunicazione

APPROFONDIAMO DEFICIT SENSORIALI E COMUNICAZIONE Perché le persone sorde dalla nascita sono definite sordomute ? Poiché, pur avendo un apparato fonatorio perfettamente funzionante, non hanno mai potuto ascoltare i suoni della propria lingua madre, e di conseguenza imparare a usarli. Per questo motivo, oltre a non poter sentire, non possono nemmeno parlare in maniera chiara. Per comunicare i sordomuti usano le lingue dei segni, che utilizzano come codice comunicativo gesti, espressioni e movimenti, del tutto simili nella struttura alle lingue parlate. A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X/Y Z L alfabeto nella lingua dei segni italiana. Ogni Paese ha una propria lingua dei segni, ma solo alcuni Stati hanno riconosciuto ufficialmente la lingua dei segni usata dalle persone sordomute nel proprio territorio. Per esempio, la lingua dei segni italiana (Lis) non ha ancora ricevuto lo statuto di lingua. I ciechi comunicano attraverso l alfabeto Braille, che ha preso il nome dal suo inventore, il francese Louis Braille (1809-1852). Si tratta di un codice basato su sei punti in rilievo su una superficie, disposti in modo differente per formare le lettere: il non vedente, toccando con i polpastrelli la superficie, identifica le parole attraverso la posizione dei puntini. L alfabeto Braille. to correttamente, e, in generale, di percepire la reazione del suo interlocutore. Per esempio, egli può annuire in segno di assenso oppure corrugare la fronte per esprimere di non aver capito o non essere d accordo. Il modello circolare, inoltre, evidenzia l importanza del contesto (dal latino contextus, legame ) entro cui si svolge la comunicazione, in grado di influenzarla e venirne a sua volta influenzato. A questo proposito, il concetto di rumore, inteso come elemento esterno al messaggio che impedisce una perfetta simmetria fra il processo di codifica e quello di decodifica, rappresenta un primo aspetto di contesto. Tuttavia, mentre secondo Shannon il contesto era una variabile di disturbo nella decodifica di un messaggio, con 100 | PSICOLOGIA |

Spazio Scienze umane - volume 1
Spazio Scienze umane - volume 1
Psicologia - Metodologia della ricerca