La luce del futuro - volume C

Il mito greco e romano Con sguardo amico mi lasci sperare non so cosa; quando ti tendo le braccia, subito le tendi anche tu; quando sorrido, ricambi il sorriso; e ti ho visto persino piangere, quando io piango; con un cenno rispondi ai miei segnali e a quel che posso arguire dai movimenti della bella bocca, 465 mi ricambi parole che non giungono alle mie orecchie. Io, sono io! L ho capito, l immagine mia non m inganna più! Per me stesso brucio d amore, accendo e subisco la fiamma! Che fare? Essere implorato o implorare? E poi cosa implorare? Ciò che desidero è in me: un tesoro che mi rende impotente. 470 Oh potessi staccarmi dal mio corpo! Voto inaudito per gli amanti: voler distante chi amiamo! Ormai il dolore mi toglie le forze, e non mi resta da vivere più di tanto: mi spengo nel fiore degli anni. No, grave non mi è la morte, se con lei avrà fine il mio dolore; 475 solo vorrei che vivesse più a lungo lui, che tanto ho caro. Ma, il cuore unito in un anima sola, noi due ora moriremo . Dice, e delirando torna a contemplare quella figura, e con le sue lacrime sconvolge lo specchio d acqua, che increspandosi ne offusca lo splendore. Vedendola svanire: 480 «Dove fuggi? esclama. «Fèrmati, infame, non abbandonare chi ti ama! Se non posso toccarti, mi sia permesso almeno di guardarti e nutrire così l infelice mia passione! . In mezzo ai lamenti, dall orlo in alto lacera la veste e con le palme bianche come il marmo si percuote il petto nudo. 485 Ai colpi il petto si colora di un tenue rossore, come accade alla mela che, candida su una faccia, si accende di rosso sull altra, o come all uva che in grappoli cangianti si vela di porpora quando matura. Specchiandosi nell acqua tornata di nuovo limpida, 490 non resiste più e, come cera bionda al brillio di una fiammella o la brina del mattino al tepore del sole si sciolgono, così, sfinito d amore, si strugge e un fuoco occulto a poco a poco lo consuma. Del suo colorito rosa misto al candore ormai non v è più traccia, 495 né del fuoco, delle forze, di ciò che prima incantava la vista, e nemmeno il corpo è più quello che Eco aveva amato un tempo. Ma quando lei lo vide così, malgrado la collera al ricordo, si addolora e ogni volta che l infelice mormora Ahimè , rimandandogli la voce ripete Ahimè , 460 464. arguire: dedurre. 479. increspandosi: agitandosi con piccole onde che ne movimentano la superficie. 488. in grappoli cangianti: in grappoli che mutano colorazione. 490. al brillio: allo scintillio. 75

La luce del futuro - volume C
La luce del futuro - volume C
Epica