La luce del futuro - volume B

I generi UNIT 3 Scena d amor cortese tra una dama e un cavaliere, XIV sec., Codice Manessiano. La poesia d amore Caravaggio, Amor vincit omnia (Cupido), 1602. dell amore, anzi. A partire dall XI secolo alcuni poeti della Provenza, nella Francia meridionale, i trovatori (dal verbo trobar, cioè comporre versi ), si fanno interpreti del cosiddetto amor cortese , basato su una totale adorazione della donna lontana e irraggiungibile, spesso perché sposata con signori di alto rango. Il «dolce stil novo L esaltazione della bellezza dell amata e i sintomi dell amore sono costanti che ritroviamo anche in un movimento letterario fiorito in Italia tra Duecento e Trecento, noto, a partire da un verso di Dante Alighieri, con il nome di «dolce stil novo . Per poeti come Guido Cavalcanti (1258 ca.-1300) e lo stesso Dante (1265-1321), la devozione per la donna, possibile solo ai cuori gentili , dotati cioè di nobiltà interiore, diventa il tramite per raggiungere la salvezza dell anima: la figura femminile è equiparata a una donna-angelo , capace di mediare tra il cuore del poeta e Dio e di trasmettere la grazia attraverso lo sguardo o il saluto. Elementi tipici della tradizione cortese e dello Stilnovo si ritrovano nel Canzoniere di Francesco Petrarca (1304-1374), che accentua nelle sue liriche la profondità dell introspezione psicologica. Laura, donna bellissima e irraggiungibile, suscita nel suo animo una fortissima lacerazione tra desiderio amoroso e impossibilità di appagarlo: a combattersi, senza conciliazione, sono le seduzioni dell amore terreno e la morale cristiana, che porta il poeta a condannare le proprie debolezze e la propria incapacità di dedicarsi completamente alla vita spirituale. La passione romantica Lungo i secoli, i poeti approfondiscono il lato emotivo dell amore, analizzato in tutti i suoi effetti. In particolare, nell Ottocento, il Romanticismo valorizza la forza travolgente della passione come esperienza inquieta e spesso tragica. Tipico dell immaginario romantico è l uomo che si aggira solitario per paesaggi naturali in tumulto: scogliere, montagne, lande ventose e inospitali... La tempesta che muove gli elementi è la stessa che ruggisce nell animo, scatenando un indomabile struggimento, che spesso conduce alla pazzia o alla morte. 170

La luce del futuro - volume B
La luce del futuro - volume B
Poesia e teatro