3. Il tempo del testo narrativo

Le tecniche unità 3 Il tempo del testo narrativo La dimensione del tempo è centrale nella nostra vita Il tempo è una dimensione imprescindibile per qualunque opera narrativa, dal racconto orale al romanzo, dalla serie tv al fumetto. La narrazione, infatti, non è confinata nella letteratura, ma riguarda la maggior parte delle forme di creatività tipiche dell essere umano. Il forte legame tra tempo e narrazione, nella cultura, nelle arti e nel pensiero, deriva dalla centralità del tempo stesso nella nostra esperienza di vita. Nasciamo in un attimo preciso, e da lì in poi viviamo soggetti all inesorabile avanzare dei minuti, delle ore e degli anni, che scandiscono le nostre percezioni e le nostre azioni. In letteratura, il testo narrativo non può fare a meno della temporalità, perché i romanzi e i racconti si costruiscono con le parole, e le parole sono legate allo scorrere del tempo. Infatti, nel linguaggio verbale, termini e concetti si dispongono in fila, uno dopo l altro, tra il prima del passato e il dopo del futuro. I testi narrativi sono come potenti macchine per viaggiare tra i secoli, portarci indietro di millenni o proiettarci in un lontano domani: con le parole possiamo evocare il passato, fingere il presente, anticipare il futuro, evadere in dimensioni parallele e alternative. La lettura aiuta a ricordare il passato e a immaginare il futuro I testi narrativi sono potenti macchine per viaggiare nel tempo Del resto la memoria del passato, sia personale sia collettiva, è composta da storie e da infiniti repertori di racconti che, facendo parte del patrimonio degli uomini e delle civiltà, continuano a essere narrati, sopravvivendo ai loro protagonisti; inoltre, viaggiare nei mondi della lettura vivendo le più strane e disparate avventure può aiutarci a immaginare il nostro futuro, preparandoci meglio ad affrontare le sue sfide. su timone p. 65 67

La luce del futuro - volume A
La luce del futuro - volume A
Narrativa