La luce del futuro - volume A

Il metodo I generi UNIT 3 Il giallo e l horror ANALISI passo passo in una taverna e divenuto presto il beniamino della moglie. L animale, guarda Le ANALISI PASSO, corredate Ascolta PASSO il PODCAST e completa l analisi. dai podcast d autore, insegnano o no? aPazzo scrivere un commento al testo Il narratore del racconto coincide con il protagonista della vicenda: è indunque maniera strutturata e coesa. un narratore interno, come risulta evidente dall uso della __________ _________________________________________; la sua visione dei fatti, quindi, UNIT 3 In quale persona parla il narratore: in prima o in terza? caso, ha una macchia bianca sul petto, nella quale il protagonista riconosce I generi Il giallo e l horror èI generi totalmente ________________________________ . I LABORATORI SUL TESTO: esercizi comprendere, Due gatti neri,per una macchia bianca La suspense nel contempo cresce, perché tutto è già successo, ma non analizzare, interpretare, parlare conosciamo nello specifico il delitto che ha determinato la condanna a emorte scrivere bene, discutere del narratore. Certo non si tratterà dell uccisioneedi un secondo gatto che compare a un certo punto sulla scena allargare lo sguardo. (rr. 145 ss.), incontrato per caso PODCAST d autore Il punto di vista è soggettivo oppure oggettivo? Brividi e misteri Egli insiste sulla propria salute mentale, cercando di convincere il Due gatti neri, una macchia bianca ANALISI passo passo PODCAST d autore a Plutone, profezia perchéc Una ____sequenza _________prevalentemente ______________dialogata _________con _________________________________________________ il l analisi. lettore cheAscoltanon ha eacompleta che fare con i deliri di un disperato: Matto non conosciamo nello specifico il delitto che ha determinato la condanna a PODCAST Una ____________________________________________d__elementi ____sequenza ____riflessivi. _____prevalentemente ______________descrittiva _________con __________________. diverse azioni possono riferirsi alla stessa figura. a) Il maresciallo sono e certamente non sto sognando, ma domani morirò e oggi che voglio compare a un certo punto sulla scena (rr. 145 ss.), incontrato per caso Il narratore del racconto coincide con il protagonista della vicenda: è in una taverna e divenuto presto il beniamino della moglie. L animale, guarda c) L autista liberarmi l anima (rr. 4-5). La sua è la confessione di un prigioniero destra. In breve il secondo gattoa)disi attira il medesimo incontenibile odio già rombare 1) acciuffare 2) bestemmia ripetutamente. Perché la macchia sul pelo dell animale è considerata un presagio dal protagonista? 3) ordina che la piazza venga sgomberata. 5) resta immobile nella sua postazione. Che cosa si nasconde in cantina 7) sogghigna. riservato a Plutone. La scena clou del racconto si svolge in un luogo Tuttavia la sua ossessiva insistenza sulla sincerità è sospetta; inoltre domestico e sinistro al tempo stesso: la cantina, spazio chiuso, degradato scrivere bene e claustrofobico, nel quale la ragione cede il passo agli istinti brutali. Qui, scrivere bene ammette diun carattere avereeccitabile, un carattere eccitabile, di aver alla L aggettivo eccitabile ammette di avere di aver mentito senza problemi alla L aggettivo eccitabile mentito senza problemi il protagonista, nel tentativo maldestro di colpire il gatto con un accetta, rappresenta un ottima scelta polizia, di essere stato preda di fantasmi costruiti dalla sua immaginazione o uccide la moglie, che si frappone per salvare la bestiola. A questo punto persone: io lessicale perché assomma in sé sei rappresenta un ottima scelta ue ttro polizia, didell alcol, essere stato preda fantasmi costruiti dalla sua immaginazione o indotti dai fumi del quale abusa. Fino a checinq puntodi si può credere a dire qua vuoto . il Male dilaga senza ostacoli. Al delitto d impulso, tratteggiato in poche varie sfumature: quali ti sembrano allo, «vuol solo posto unproprio il maresci fosse del ciragioni chi non eè neppure in grado di ire, spiegare comportamento , diss che le lessicale perché assomma in sé e, «non so: le più consonanti? righe, segue una puntigliosa descrizione dell occultamento del cadavere, «Qualcuno zo di ricordar autobus part inquieto forse agitato questo nello sfordel o cause o colpito? e le delle disgrazie chedell alcol, l hanno più, indotti dai fumi quale abusa. Fino a che punto si può credere a di vist mut o mai spre murato in una parete come si legge facessero i monaci del Medio-Evo eran o sei, , tutt non ho irritabile to impulsivo varie sfumature: quali ti con sembrano o cinque o disse l autista o al mio pos o non eran «Non so , le loro vittime (r. 235). Il racconto pare spostarsi verso il giallo, con relativo irascibile istintivo c è: mi infil per dire; cert così del gente che ,tarlo la dico . mai o, Il dubbio da rdo ènonneppure in grado le ragioni del proprio comportamento stra spiegare gua le che piùnonconsonanti? qualcun chi non intervento delle forze dell ordine, riescono a scoprire nulla. Ma un e la di capito , per guardar pieno... Io eraLentamente, pagano nervi. «Ho midubbio il tarlo si insinua nel lettore, il racconto l autobus ta edai rdo,del urlo sconvolgente, ___________________________________________________________________________________________________, Riporta il passaggio del testo aio, o stira strada gua o il bigliett ia una man agitato inquieto to vers a facc che mostra come il protagonista e via... Solo roci sull il fantastico. L ottica soggettiva visione distorta in infeuna e lascivola le delle disgrazie che l hanno colpito? in extremis riporta in scena il gatto, che appare ritto sul cadavere putrefatto, passò rdi siverso voltòoffre allocause descriva l urlo; esso mostra come one e le gua ma tu , e si Il marescidell accaduto. persun da; somiglia stra la La conti ledietro verità a un ombra vetro rezza, devi nelle sue vere e definitive sembianze di mostro vendicatore: il suo atroce venga da lui percepito a livello il resto:intravista impulsivo irritabile guardi solo sicu dài i, di «tu e, sold era i diss camdel __________________________. Da tre e in emotivo, più che sensoriale. A quale personaggio mitologico gattodi Plutone (un nome cherdar evoca quello miagolio rivela la verità taciuta, consegnando l assassino al boia. biglietti, Ilpren eli.. ismerigliato. ia rico dirm chi facc i stac ne dev i te «tu immediatamente il nome lo i nom se rimanda irascibile istintivo amico affettuoso siè trasforma _______________vuo ________i___che _________________________s, _____________eno ___) dadiec Italia: ilinpae del gatto? ia... E se non obu alm idi e misteri Tuttavia la sua ossessiva insistenza sulla sincerità è sospetta; Brivinoltre 9) ANALIZZARE E INTERPRETARE Spunti per l interpretazione Che cosa pensi della riflessione del protagonista sulla perversità? Anche tu ritieni che in tutti gli uomini esista un innata predisposizione alla malvagità, oppure pensi che essa sia dovuta a fattori esterni? scivola verso il fantastico. L ottica soggettiva offre una visione distorta Spunti per il confronto dell accaduto. La verità somiglia a un ombra intravista dietro un vetro Hai mai sentito parlare di creepypasta? La parola deriva dall unione dei termini inglesi: creepy, raccapricciante, inquietante e paste, incollare . In origine si riferiva a del brano? e poi copiate e incollate su internet. Con il passare del tempo, i creepypasta hanno finito per confondersi con le leggende metropolitane, vale a dire con quei racconti che si diffondono rapidamente per via orale, ambientati in luoghi comuni (la città, un appartamento, un negozio ecc.) e che riguardano episodi il cui nucleo centrale è rappresentato da un incidente, per cui, da un avvio banale, gli avvenimenti si svolgono in modo ora angoscioso, ora misterioso, facendo leva su paure ataviche. Trova almeno due esempi da raccontare in classe e confrontali con le suggestioni di un testo narrativo come quello di Poe. rimanda immediatamente il nome del gatto? antagonista: la sua natura demoniaca, in sintonia con la superstizione che dugia in minute descrizioni del paesaggio e della fisionomia dei personaggi, effettuando numerose riflessioni. 303 PAROLA DI TRECCANI Dopo l assassinio di Plutone, la casa prende fuoco; tutto viene incenerito, per usare le parole in modo Con quali parole il narratore indica a eccezione, afferma il protagonista, di ___________________________________________________________ consapevole. l unica parte della casa rimasta scuole italian c Inizialmente statico, per la presenza di sequenze dal ner- «[...] devi dirmi subito chi c era sull autobus, almeno die- sci meglio di me... . «Meglio di lei il paese non può co- noscerlo nessuno , disse il bigliettaio sorridendo, come le loro vittime (r. 235). Il racconto pare (rr.spostarsi verso il giallo, con relativo a schermirsi da un complimento 61-65). descrittive, ma poi dinamico, per la prevalenza di sequenze dialogiche. intervento delle forze dell ordine, che non riescono a scoprire nulla. Ma un SCRIVERE PER... d Inizialmente dinamico, per la presenza di sequen- ze narrative, ma poi statico, per la prevalenza di sequenze descrittive. 6. RACCONTARE Immagina, in non più di 80-90 paro- urlo sconvolgente, __________le,___chi___è_l uomo ______ucciso, ______chi ___l ha ____ucciso _____e__perché. _______________________________________________________ 3. Una sequenza. Rileggi il primo paragrafo. Secondo te, quale tipo di sequenza rappresenta? 7. ESPRIMERE Immagina di essere il venditore di pa- nelle, meravigliato e curioso (r. 104): che cosa hai in extremis riporta in scena gatto, appare ritto sul cadavere putrefatto visto e il cosa hai provato?che Che cosa pensi realmente a Una sequenza prevalentemente riflessiva con elementi di dialogo. b Una sequenza prevalentemente narrativa con mentre il maresciallo ti interroga? Scrivi, in prima per- un paio di paragrafi. nelle sue vere e definitivesona, sembianze di mostro vendicatore: il suo atroce elementi descrittivi. miagolio rivela la verità taciuta, consegnando l assassino al boia. 292 e. compare stampigliato il profilo del felino barbaramente ucciso. Questa e contratta dai nervi: tesa, 10. stirata sofferenza. vosismo e dall in del parlato consiste nell anticipazione dell oggetto e nella sua ripresa con il pronome: per esempio Il libro l ho letto , oppure Carla la conosco da molti anni . Rileggi lo stralcio del dialogo seguente e regolarizza le frasi che presentano questa costruzione, adottando l ordine standard soggetto-verbo-oggetto. Spunti per l interpretazione Che cosa pensi della riflessione del protagonista sulla perversità? Anche tu ritieni che in tutti gli uomini esista un innata predisposizione alla malvagità, oppure pensi che essa sia dovuta a fattori esterni? integra? su, ledi essa, a incendio domato, __________________________________________________12. ___scuo ____le__patrie ____:_le__scuol ____e__della _; patria endersi almente, rappr ende: letter Qui si11. si rappr si solidifica. a . liquido che me consistenz si dice di un de forma , assu gnifica pren 8) inasprire 5. La costruzione della frase. Una costruzione tipica ci nomi devi dirmeli... Da tre anni che fai questa linea, da murato in una parete come legge i monaci del Medio-Evo con tre annisi ti vedo ogni sera alfacessero caffè Italia: il paese lo cono- guono sequenze narrative e sequenze dialogiche, e l azione procede piuttosto rapidamente. ________________________________________________________________________________________________________________________________ rapprendersi righe, segue una puntigliosa descrizione dell occultamento del cadavere, b Complessivamente dinamico, perché si susse- vede nel gatto nero un segno di sventura, determina la trasformazione in negativo del narratore, il quale fa di tutto per sbarazzarsene. 6) tuonare h) il Male dilaga senza ostacoli. Al delitto d impulso, tratteggiato in poche a Complessivamente statico, perché il narratore in- un autore sconosciuto quale personaggio mitologico smerigliato. Il gatto Plutone (un nome che evoca quello del _________________brevi ____storie ____inquietanti _ scritte da A ___________________________________________________________________) da amico affettuoso si trasforma in estro uccide la moglie, che si frappone per salvare la bestiola. A questo punto 2. Il ritmo narrativo. Come si può descrivere il ritmo Lentamente, il tarlo del dubbio si insinua nel lettore, e il racconto 4) inventiva f acchiappare pigrizia i) il protagonista, nel tentativo maldestro di9) colpire il gatto con un accetta, 10) sembra che faccia uno sforzo intenso per ricordare. Il tarlo del dubbio 2) svignarsela svicolare e claustrofobico, nel quale ragione cede il passo agli istinti brutali. Qui, 7) addensarsi g) laesasperare esprime meraviglia e curiosità. 8 si guarda una scarpa. 10 facc al caff aut ogni sera chi c eralasull antagonista: sua natura ann demoniaca, con la superstizione che ito i ti vedinosintonia dirmi sub a, da tre iettaio sorquesta linenero un segno di sventura, determina la trasformazione disse il biglin anni che faivede nel gatto nessuno , me... . rlo lio di del osce meg con negativo narratore, il quale fa di tutto per sbarazzarsene. osci può con non e... ento. lei il paese tu: va ben plim io e poi un com «Meglio di Dopo l assassinio Plutone, la casa prende fuoco; incenerito, maviene rsidida «pritutto ae a schermi ghignando, ori che c er com sog , giat Con quali parole il narratore indica ndo allo viag i a eccezione,eafferma protagonista, di _______________per _________uno ___________________________________ 65 ride marilesci uno l unica parte della casa rimasta e , diss il ricorderei «E va ben __________________s___non _______o, _____ché _____________________________________inar ________mel _________i . _______________________________ riintegra? obu __________c er re, non mi i devi nom mad diec mia Ma io sull_ aut eno imaadi di essa, incendio domato, nando . ______tocc _________a ____a___te, _______alm ________________________________________«sul ___; sul an sog aio, sto iett che bigl il no: dunque , disseil profilo del felinorico compare rdo stampigliato barbaramente ucciso. Questa e d anni di rdo, mi pare paio «Non mi rico di niente mi , «con un iva. esciallo altre sorprendenti spingono diffidare delle astrusepret spiegazioni sto momento ò il amar quecoincidenze ore che ven in furi o; al s in , cord 70 incontro ti svegelio ionarratore viaggiatori, liodal fornite a ipotizzare el intervento di forze soprannaturali. per andare «Ti sveg e la fuga dei s interrupp del morto lio... , ma to o mancasa identità galera ti sveg se fuori pos riferiva sull tre abiqualcosa stes al pretore care alle nos il senso che E mentre ente a man più non 302 l autobus, ebbe improvvisam tri sensi e e nos vien guardando ai a una cosa rrimento, tudine si ferm e quando vuoto sma 75 se: com uso o consue o un piccolo cosa che per che cerchiam nza genera cosa asse la tudini, una hé sua la pera: finc mente, ma che ci esas arriva alla za di luce 11 che, col diintermitten ere Sposito come una rapprende. al carabini ieri di S., a mente si maresciallo ione Carabin il di colpo nell e Staz a diss dell lcosa , la colonna DI «Manca qua 80 aveva, era PAROLA oniere che ploma di ragi lcuno... . Non si lcosa, o qua Smarrimentonto gli oggetti. e«manca qua il carabini perdono solta, qualche volta, ro , disse amo così A venir meno ità abituale. Entri «Il panella può arlo lucid è la nostra di smarrimento. A caus timore: . esultò il re Sposito sorpresa, un di in uno stato o panellaro , notizia, una le essere una ttiti, non siamo in grad larci, «Perdio: il 85 rego delle scuo turbati, sbigosappiamo più come , e pensò maresciallo reagire, non appunto perduti. al primo ve12 n lo dànno ci sentiamo re . patrie no onie oma di ragi nuto, il dipl implorare d) domestico e sinistro al tempo stesso: la 5)cantina, spazio chiuso, degradato indolenza pregare e) 6) sorride In breve il secondo gatto si attira il medesimo incontenibile odio già salvare la pelle. 60 b) riservato a Plutone. La scena clou del racconto si svolge in un luogo afflosciarsi 3) accasciarsi c) 4) si passa nervosamente una mano sul viso. da perdere, senza interesse a mentire, voglioso di raccontare e non di 55 gli, per ciascuna, il sinonimo giusto dalla colonna 1) si allontana verso la chiesa. che non ha a che fare con i deliri di un disperato: Matto non _______________di _____________________________________________________________________________________. dalettore perdere, senza interesse a mentire, voglioso di raccontare e non sono e certamente non sto sognando, ma domani morirò e oggi voglio salvare la pelle. alla vigilia dell esecuzione: a parlare è un uomo che non ha più nulla PARLARE E SCRIVERE BENE Che cosa si nasconde inNelcantina 4. I sinonimi. testo trovi le seguenti parole: sce- d) Il bigliettaio una forca, immagine inquietante che accende, al tempo stesso, un ricordo e a Plutone, profezia perché ______________________________________________________________________________________ e Nessuna delle opzioni precedenti. b) Il panellaro In quale persona parla il narratore: dunque un narratore interno, come risulta evidente dall uso della __________ caso, ha una macchia bianca sul petto, nella quale il protagonista riconosce liberarmi l anima (rr. 4-5). La sua è la confessione di un prigioniero in prima o in terza? _________________________________________; la sua visione dei fatti, quindi, elementi narrativi. 1. I personaggi in scena. Associa azioni e personaggi: morte del narratore. Certo non si tratterà dell uccisione di un secondo gatto, Il punto di vista è soggettivo è totalmente ________________________________. una profezia: ricordo perché l impiccagione è il supplizio che ha fatto patire alla vigilia dell esecuzione: a parlare è un che non ha più nulla oppure uomo oggettivo? Egli insiste sulla propria salute mentale, cercando di convincere il una LABORATORIO profezia: ricordo perché l impiccagione è il supplizio che ha fatto patire SUL TESTO COMPRENDERE La suspense nel contempo cresce, perché tutto è già successo, ma non Pazzo o no? giallo e l horror unaIl forca, immagine inquietante che accende, al tempo stesso, un ricordo e UNIT 3 289 altre coincidenze sorprendenti spingono a diffidare delle astruse spiegazioni fornite dal narratore e a ipotizzare l intervento di forze soprannaturali. Spunti per il confronto Hai mai sentito parlare di creepypasta? La parola deriva dall unione dei termini inglesi: creepy, raccapricciante, inquietante e paste, incollare . In origine si riferiva a brevi storie inquietanti scritte da un autore sconosciuto L Educazione civica e poi copiate e inc tempo, i creepypa le leggende metro che si diffondono in luoghi comuni ecc.) e che riguar rappresentato da gli avvenimenti si misterioso, facend Trova almeno due confrontali con le quello di Poe. 302 I PERCORSI DI EDUCAZIONE CIVICA sono dedicati al mondo dei lettori e delle lettrici di oggi. Con laboratori sul testo e attività sul testo argomentativo Verso l Esame di stato. I generi UNIT 3 1. Le sfide della scienza Teniamoci forte. Vivere nella modernità è come stare su un automobile in costante accelerazione. Funziona così almeno dall Ottocento, quando una serie di invenzioni straordinarie ha modificato radicalmente la percezione dello spazio e del tempo nel mondo occidentale. L elettricità, i motori a scoppio, il telefono, gli aerei, e poi la radio, la televisione, internet A volte ci risulta difficile capire come si potesse vivere senza tutto questo. Eppure lo si è fatto per millenni. Il giallo e l horror 90 95 Un carabiniere fu mandato di corsa ad acchiappare il panellaro: sapeva dove trovarlo, ché di solito, dopo la partenza del primo autobus, andava a ven- Percorsi di dere le panelle calde nell atrio delle scuole elementari. Dieci minuti dopo il educazione maresciallo aveva davanti il venditore di panelle: la faccia di un uomo sorpreso civica nel sonno più innocente. «C era? , domandò il maresciallo al bigliettaio, indicando il panellaro. «C era , disse il bigliettaio guardandosi una scarpa. «Dunque , disse con paterna dolcezza il maresciallo, «tu stamattina, come al solito, sei venuto a vendere panelle qui: il primo autobus per Palermo, come al solito... . «Ho la licenza , disse il panellaro. «Lo so , disse il maresciallo alzando al cielo occhi che invocavano pazienza, «lo so e non me ne importa niente della licenza; voglio sapere una cosa sola, me la dici e ti lascio subito andare a vendere le panelle ai ragazzi: chi ha sparato? . «Perché , domandò il panellaro, meravigliato e curioso, «hanno sparato? . Gli SPECCHI DI CARTA, dopo ogni testo antologizzato, coinvolgono emotivamente e attualizzano le parole degli autori. 100 COME CONTINUA Leonardo Sciascia, Il giorno della civetta, Adelphi, Milano 1993 Le indagini procedono con fatica: i testimoni sono reticenti e nessuno vuole parlare. Nonostante le difficoltà, però, il capitano dei carabinieri reperisce numerose prove che lo convincono di essere di fronte a un delitto di mafia. La verità può però compromettere persone potenti. Meglio non farla venire a galla, pensa qualcuno... SPECCHI di CARTA Farsi gli affari propri. Una raccomandazione che abbiamo sentito tante volte. Ma che cosa veramente mi riguarda? Fino a che punto ciò che accade intorno a me ha a che vedere con la mia personale esistenza? Tanti di noi si lasciano affascinare da comportamenti fondati sull individualismo estremo: ottenere successo, raggiungere una posizione, percorrere risolutamente una carriera sembrano priorità assolute. Può accadere che si perda di vista che nessuno di noi è un isola: viviamo, studiamo, lavoriamo assieme agli altri e tutto ciò che accade al nostro vicino, al nostro amico, o anche a un perfetto sconosciuto contribuisce al cambiamento della società di cui anche noi facciamo parte. Che cosa succederebbe allora se, come ci mostra Sciascia, voltassimo la faccia davanti al delitto e all ingiustizia? Che cosa accadrebbe se tutti noi restassimo vittime della paura, della sfiducia nella legge, ma anche del cinismo o dell egoismo che nutrono silenzio e omertà? Nell Agenda 2030 stilata dall Onu leggiamo, all interno 290 dell obiettivo 16, importanti traguardi, tra cui «ridurre ovunque e in maniera significativa tutte le forme di violenza , e «combattere tutte le forme di crimine organizzato . Sono traguardi di civiltà, irraggiungibili senza il contributo di noi cittadini. Peter Kennelly, The Brood, 1989. Collezione privata. AGENDA 2030 C ome sostiene il biologo Edoardo Boncinelli, la scienza è un impresa collettiva che ha bisogno di essere comunicata in modo chiaro e corretto, per evitare fraintendimenti ( T2). I progressi delle scienze infatti possono disorientare e impongono sfide sempre più ardite, che sollevano questioni morali di straordinaria importanza. Pensiamo per esempio alla genetica, un campo in cui le novità a partire dalla clonazione prospettano ricadute rivoluzionarie, affascinanti e pericolose al tempo stesso, secondo il genetista Francesco Cavalli Sforza ( T1). Andiamo forse incontro a un futuro in cui i robot proveranno sentimenti come gli umani, mentre gli umani potranno estirparli da sé, come già succede ai soldati, che assumono pastiglie per inibire le reazioni emotive in battaglia e trasformarsi in macchine di morte implacabili. Ma i robot potranno anche guidare l automobile per noi, salvarci la vita con operazioni chirurgiche di altissima precisione, regalarci più tempo libero, o forse rubarci il lavoro, come temono in molti. A ben guardare le questioni di fondo non sono cambiate dai tempi in cui il soffio delle prime locomotive a vapore appestò l aria pura delle campagne, suscitando un ondata di profezie apocalittiche. La tecnologia aumenterà il benessere, porterà giustizia, farà scemare le diseguaglianze, o accadrà il contrario? In realtà non c è in essa niente di buono o di cattivo: sta all uomo decidere che uso farne, come ci ricorda un articolo apparso sulla rivista inglese The Economist ( T3). Se prevarrà il buon senso, allora davvero potremo dire che vivere in un epoca come la nostra «significa essere tra le persone più fortunate che abbiano mai vissuto . 257

La luce del futuro - volume A
La luce del futuro - volume A
Narrativa