La luce del futuro - volume A

Lavoriamo sui testi | 1. COME analizzare 25 45 Federigo Tozzi, Bestie, Piero Manni, Lecce 2001 5. fantoccia: bambola, fanciulla avvenente. 6. organetti, briachi: organetti ubriachi. L organetto è una piccola fisarmonica di uso popolare, diffusa nelle regioni dell Italia centro-meridionale; briachi è toscanismo. La ripetizione dell aggettivo intensifica la caratterizzazione cromatica della grandine. 50 Con un altra metonimia, l ubriachezza viene associata allo strumento musicale invece che al suonatore. 40 Lunga enumerazione costituita da frasi nominali con il verbo al participio, coordinate per asindeto e inframmezzate da qualche subordinata, per lo più relativa. L elenco comprende elementi ed episodi legati all infanzia del narratore, trascorsa nella campagna senese: l impressione di commossa nostalgia è accresciuta dalla sintassi resa concitata dal fitto uso di virgole e dalla presenza di diverse frasi esclamative. 35 30 intere per la strada che gira intorno alle case, amare qualche ricca fantoccia.|5 E, sopra a tutto, avere ancora i due carri verniciati di rosso. |Il gallo che la mattina fa tremare il cuore di gioia; le noci mangiate con il pane, ancora in maniche di camicia; le cipolle strofinate sul sale tenuto nel palmo della mano. La dolcissima aia costruita bene e spazzata! Fedeltà ed amicizia dei campi verdi! Le prime pesche vendute, i vitelli comprati alla fiera, il vino assaggiato dai tini, ancora caldo e torbido; e il suo afrore! Gli acquazzoni che fanno ridere; la terra che sporca le mani!| E le feste di campagna con gli |organetti, briachi,|6 a singhiozzare lontano tra i campi; e fanno venir voglia di andarci anche noi, dietro; le feste che restano per sempre nell anima con i fuochi artificiali e i palloni di carta che vanno a cadere quando pigliano fuoco! E la cometa che fa paura! E il temporale livido, con la |grandine bianca bianca|; con i lampi che accecano! E tutte queste case del paese, che ci sono non si sa perché; con le strade lontane per la maremma7 di Grosseto e verso Siena; e si sperdono, giù nelle vallate, dopo dieci o quindici chilometri; le strade che aspettano. |In vece, non l ho né meno8 più visto questo bernoccolo di case! I miei carri non mi destano più; e il gallo, benché duro, l ho mangiato.| Il lungo elenco si conclude, improvvisamente, con un brusco cambio di tono. Il narratore non può più vedere i mucchi di vecchie abitazioni del paese (bernoccolo di case è una metafora), non possiede più i carri (venduti per debiti) e ha dovuto persino mangiarsi il gallo, spinto, si intuisce, dalla fame. significativo che la sequenza si chiuda con lo stesso animale con cui è iniziata (Il gallo che la mattina fa tremare il cuore di gioia, rr. 27-28), passando però dal ricordo commosso dell infanzia idealizzata all amaro disincanto, causato dalla miseria sofferta nella vita adulta. 7. maremma: zona costiera pianeggiante spesso paludosa. Il termine è frequentemente usato per indicare il territorio della campagna toscana. 8. né meno: grafia arcaizzante dell avverbio composto nemmeno . 147

La luce del futuro - volume A
La luce del futuro - volume A
Narrativa