Tempo, spazio, storia - volume 2

UNIT 7 L Alto Medioevo fuori dall Europa tipo di sfruttamento, il cosiddetto neocolonialismo. inoltre necessario riconoscere che i soggetti colonizzati e oppressi, proprio perché nel discorso coloniale rappresentavano l altro contrapposto al noi , sono stati privati di parola e della propria stessa identità, spinti all imitazione dei colonizzati per potersi conquistare un posto nella società, oscurati dal racconto sia storico sia culturale o rappresentati soltanto attraverso punti di vista stereotipati o mortificanti. Un buon punto di partenza può essere quello di cominciare a identificare e riconoscere quello che rimane del passato coloniale e del discorso coloniale nelle nostre città: nomi di vie, monumenti, targhe e lapidi. Non si tratta di cancellare e rimuovere il passato coloniale, ma di prenderne consapevolezza, di decodificarlo, di inquadrarlo storicamente. Si tratta di costruire un modo di pensare più libero, più capace di comprendere e di accogliere le differenze, più adatto a immaginare e realizzare un futuro migliore per la nostra società e per il mondo. DOMANDE 1. Che cos è è il pensiero postcoloniale? 2. Il colonialismo ha ancora delle conseguenze a livello mondiale? Elencane alcune. 3. Quali effetti ha la globalizzazione sul rapporto tra culture e identità differenti? 4. A che cosa serve l elaborazione di una cultura postcoloniale? Compito autentico PER UN ITALIA POSTCOLONIALE Fase 1 (tempo: 5 minuti) La classe consulta il sito Postcolonial Italy e legge la spiegazione del progetto. Consulta il sito gtvp.it/geostoria-labo07-01 Fase 2 (tempo: 25 minuti) La classe viene divisa in gruppi di 4-5 persone. All interno di ciascun gruppo viene individuato un relatore. Ogni gruppo consulta la mappa di una città fra le seguenti: Cagliari Roma Torino La stessa città può essere assegnata a più di un gruppo. Ogni gruppo individua i toponimi riferibili al passato coloniale dell Italia e ne legge la descrizione, preparando una relazione da presentare alla classe. Cagliari imperiale gtvp.it/geostoria-labo07-02 Roma imperiale gtvp.it/geostoria-labo07-03 Torino imperiale gtvp.it/geostoria-labo07-04 Fase 3 (tempo: 25 minuti) Il relatore di ogni gruppo presenta la relazione sui toponimi individuati, spiegandone il collegamento con il colonialismo italiano. Si riportano sulla lavagna tutti i toponimi. Fase 4 (tempo: 25 minuti) Utilizzando Google Maps, ogni gruppo esegue una ricerca dei toponimi individuati e verifica in quante località d Italia vengono utilizzati. Per ogni nome si dovranno effettuare più ricerche, per esempio: corso/via/viale/piazza Dogali. Fase 5 (tempo: 40 minuti) Il relatore di ogni gruppo espone i risultati della ricerca. La classe riflette sull incidenza del passato coloniale nella toponomastica italiana attraverso un dibattito guidato, utilizzando come guida le seguenti domande: Immaginavate che ci fossero così tante tracce del colonialismo nella toponomastica delle città italiane? Secondo voi, questi nomi andrebbero mantenuti o modificati? Secondo voi, sarebbe importante inserire vicino a ogni targa una spiegazione del toponimo utilizzato? Che cosa dovrebbe contenere questa spiegazione? Come la realizzereste? Quale ruolo può avere la scuola nello sviluppare una corretta cultura postcoloniale? 358

Tempo, spazio, storia - volume 2
Tempo, spazio, storia - volume 2
Da Roma imperiale all'anno Mille