T12 - Temporale

Temporale / T12 / Myricae / Suoni e colori dell inizio di un temporale / L osservazione della natura coinvolge anche fenomeni atmosferici la cui genesi per millenni è stata percepita come oscura e inesplicabile. Dimentico delle scoperte scientifiche raggiunte nella sua epoca, il poeta-fanciullo si pone con inquieto stupore di fronte alle immagini che annunciano un temporale e di fronte al lampo e al tuono che si manifestano al suo inizio, cogliendo in questi fenomeni motivi di turbamento e paura. Riportiamo qui di seguito tre liriche di Myricae tematicamente legate tra loro, sebbene composte in momenti diversi: Temporale viene concepita durante un viaggio a Siena nel 1892 ed è pubblicata nella terza edizione della raccolta. Audio LETTURA METRO Ballata minima di settenari. Un bubbolìo lontano 5 Rosseggia l orizzonte, come affocato, a mare; nero di pece, a monte, stracci di nubi chiare: tra il nero un casolare: un ala di gabbiano. 1 bubbolìo: il brontolìo del tuono. 3 affocato: infuocato (preziosismo letterario). a mare: dalla parte del mare. 5 stracci di nubi: nubi sfilacciate come stracci. 7 un ala di gabbiano: il casolare del v. 6 è una macchia bianca come un ala di gabbiano. Il lampo / T13 / Myricae La lirica è composta nel 1891 e viene pubblicata nella terza edizione di Myricae. Per quanto tematicamente legata a Temporale e in particolare al Tuono, con cui condivide la forma strofica, da esse si distingue per la sensazione disarmante di paura che la natura può trasmettere quando si mostra in tutta la sua incontrollata potenza. La rapida apparizione della casa bianca sembra corrispondere alla visione fulminea di un occhio umano stupefatto, tanto che il componimento è stato interpretato come una «metafora degli ultimi momenti del padre agonizzante (Nava). / Un illuminazione improvvisa / Audio LETTURA METRO Ballata minima di endecasillabi. E cielo e terra si mostrò qual era: 5 la terra ansante, livida, in sussulto; il cielo ingombro, tragico, disfatto: bianca bianca nel tacito tumulto una casa apparì sparì d un tratto; come un occhio, che, largo, esterrefatto, s aprì si chiuse, nella notte nera. 1 cielo qual era: il lampo rivela le forme autentiche della realtà prima nascosta dal buio; il verbo al singolare per due soggetti è una costruzione a senso, che sottolinea l unità indistinta di cielo e terra. 3 ingombro: sottinteso di nubi . 476 / IL SECONDO OTTOCENTO 4 tacito: perché non è ancora scoppia- to il tuono. Le parole valgono disfatto C è in questo participio passato dal valore aggettivale tutto il significato di una ro- vina. Gli ambiti in cui usiamo disfatto possono essere svariati, ma in ogni caso affiora sempre l idea di una corruzione a cui è impossibile porre rimedio. Aggiungi un sinonimo coerente di disfatto accanto ai seguenti sostantivi: città; esercito; ghiaccio; corpo.

Il magnifico viaggio - volume 5
Il magnifico viaggio - volume 5
Dal secondo Ottocento al primo Novecento