Tua vivit imago - volume 2

L ET DI AUGUSTO 15 20 25 Meri Lo avevi sentito, e lo dicevano, ma i nostri canti valgono tanto, o Lìcida, tra le armi di Marte, quanto, si dice, le colombe caonie1 al sopraggiungere dell aquila. Se dal cavo di un elce a sinistra una cornacchia non mi avesse ammonito2 a troncare comunque le nuove liti, ora il tuo Meri non vivrebbe, e neppure Menalca. Lìcida Ahi, può cadere alcuno in così grave misfatto? Si può quasi eliminare con te il tuo conforto, Menalca? Chi canterebbe le Ninfe? Chi spargerebbe il terreno di erbe fiorite o riparerebbe di verdi ombre le fonti? O chi canterebbe i versi che ieri ti rubai silenzioso mentre ti recavi a incontrare Amarilli, nostra delizia? «Tìtiro, finché ritorno (breve è la via) pascimi le capre e dopo portale a bere, ma attento nel farlo, evita il capro che colpisce di corna .3 Meri O piuttosto i versi, non ancora finiti, che cantava per Varo: «Varo, il tuo nome, purché conserviamo Mantova, Mantova ahi troppo vicina alla sventurata Cremona4 i cigni, cantando, lo porteranno in alto tra le stelle . 30 35 Lìcida Così si allontanino gli sciami dai tassi di Corsica5 così alle mucche pasciute di cìtiso si tendano le mammelle, comincia, se hai da cantare. Anche me fecero poeta le Pieridi, anch io compongo versi, anche me i pastori dicono vate; ma io non sto ad ascoltarli. Infatti, sinora non mi sembra di aver cantato cose degne di Vario e di Cinna:6 ho strepitato, oca fra i cigni canori. Meri Ci penso, o Lìcida, e tra me stesso in silenzio rimugino, se riesco a ricordare; non è un canto da poco. 1. colombe caonie: della Caonia, regio ne dell Epiro. Profetavano nel santuario di Zeus a Dodona. 2. a sinistra ammonito: si riteneva che il verso della cornacchia fosse di malau gurio. Il presagio sarebbe stato attendibile solo se proveniente da sinistra. 104 3. Tìtiro... di corna: da qui Lìcida e Meri intonano, alternandosi, alcuni versi di Me nalca. 4. Cremona: il territorio di questa città, schierata dalla parte di Bruto e Cassio, dopo la battaglia di Filippi fu diviso fra i veterani. 5. gli sciami Corsica: aveva un sapore amaro il miele fatto da api che si erano posate sui tassi. 6. di Vario e di Cinna: Lucio Vario Rufo e Gaio Elvio Cinna, poeti rispettivamente contemporanei di Virgilio e di Catullo.

Tua vivit imago - volume 2
Tua vivit imago - volume 2
Età augustea