Il primo Ottocento – L'autore: Giacomo Leopardi

verifica delle conoscenze

L’AUTORE

La vita

Indica se le seguenti affermazioni su Leopardi sono vere (V) o false (F). 


1 Appartiene a una famiglia di umili origini.

  •   V       F   

2 Il padre possiede una ricca biblioteca di opere classiche.

  •   V       F   

3 La madre è una donna molto religiosa, affettuosa e di grande umanità.

  •   V       F   

4 La "conversione letteraria" è il passaggio dalla fase erudita a quella creativa.

  •   V       F   

5 Con la "conversione filosofica" l’autore si avvicina al neoplatonismo.

  •   V       F   

6 Il soggiorno romano lo delude profondamente.

  •   V       F   

7 A Firenze si innamora, ricambiato, di Fanny Targioni Tozzetti.

  •   V       F   

8 Antonio Ranieri, che lo accompagna a Napoli, è un amico d’infanzia.

  •   V       F   

Collega le due colonne.


9 Unisci le date agli avvenimenti della vita di Leopardi.


  • 1819    A                 1    parte per il soggiorno romano
  • 1832    B                 2    muore a Napoli
  • 1822    C                 3    è a Milano
  • 1798    D                 4    tenta di fuggire da Recanati
  • 1825    E                 5    nasce a Recanati
  • 1837    F                 6    si trasferisce in Campania, insieme a Ranieri

Quesiti a risposta aperta.


10 Che cosa si intende con l’espressione «studio matto e disperatissimo»?


11 Qual è il ruolo di Pietro Giordani nella formazione di Giacomo Leopardi?

Le opere

Scegli l’alternativa corretta fra quelle proposte.


12 La formazione di Leopardi è

  •     curata dal padre. 
  •     affidata a un collegio di religiosi. 
  •     per lo più autodidatta. 
  •     cosmopolita grazie ai viaggi in Europa. 

13 In quali di queste opere Leopardi polemizza con i patrioti risorgimentali? 

  •     Operette morali 
  •     Paralipomeni della Batracomiomachia 
  •     Zibaldone 
  •     Discorso sopra lo stato presente dei costumi degli italiani  

14 Lo stile delle Operette morali è 

  •     immediato e caratterizzato dal frequente ricorso alla lingua parlata. 
  •     lirico e ricco di pathos
  •     vario, ironico e incisivo. 
  •     filosofico e raziocinante.  

15 Le riflessioni contenute nello Zibaldone rivelano

  •     un pensiero mai cristallizzato, in continuo divenire. 
  •     un pensiero monotono e ripetitivo. 
  •     un pensiero morboso e ossessivo. 
  •     un pensiero ordinato e consequenziale. 

16 A quale di queste dottrine filosofiche non può essere accostato Leopardi?

  •     Spiritualismo. 
  •     Sensismo. 
  •     Materialismo. 
  •     Razionalismo.

I grandi temi

Quesiti a risposta aperta.


17 Quali sono le caratteristiche tematiche e strutturali dello Zibaldone e delle Operette morali?


18 Delinea la posizione di Leopardi all’interno del dibattito tra Classicisti e Romantici.


19 Quale concezione ha Leopardi della letteratura?


20 Metti in evidenza come la concezione della natura e della ragione si modifichi nel corso della riflessione leopardiana.


21 In che cosa consiste la "teoria del piacere"?


22 Per quale ragione il pessimismo del poeta non si traduce mai in vittimismo o in lamentosa recriminazione dei propri mali?


23 Che cosa intende Leopardi per "noia"?

I colori della letteratura - volume 2
I colori della letteratura - volume 2
Dal Seicento al primo Ottocento