RIEPILOGO E RINFORZO

RIEPILOGO E RINFORZO

                      1  Nei seguenti periodi dividi con una barretta le proposizioni e sottolinea una volta la principale e due volte le subordinate.

1. Andrò a vedere a Roma il concerto dei Pinguini Tattici Nucleari, di cui ho comprato il cd dopo che sono arrivati terzi al festival di Sanremo.

2. Abbiamo studiato che il clima dell’Islanda è mitigato dalla corrente del Golfo.

3. Finiti gli studi in ingegneria, Luigi andrà a lavorare in Svezia perché lì c’è molta richiesta di personale altamente specializzato.

4. Spero che la tua segretaria abbia avvisato tutti i clienti che oggi arriverò in ritardo alla riunione perché il mio volo ha subito una cancellazione.

5. Benché sia stato espulso dalla sua squadra per aver insultato l’allenatore, Giorgio continua ad andare al campo per allenarsi con i suoi compagni.

6. Sebbene tu non ne sia affatto contento, tuo padre ti ha iscritto a un corso di chitarra affinché tu impari a leggere la musica.

7. Correndo troppo forte in bicicletta Nino si è fatto male al braccio che si era rotto già l’anno scorso quando era andato a sciare in montagna con i suoi.


                      2  Collega gli elementi della colonna di sinistra con quelli della colonna di destra per formare dei periodi di senso compiuto. Riscrivi poi nel quaderno i periodi, separa con una barretta (|) le diverse proposizioni e sottolinea la principale.


1. Il documentario che mi hai
consigliato
2. Mio padre pensa
3. Si narra
4. Michela teme
5. Mentre cucinavo
6. La scuola dovette restituire
tutto il denaro
7. Se l’aereo dovesse ritardare
a. che nel bosco vivano strane creature.
b. di essere bocciata perché ha tre
insufficienze gravi.
c. che le famiglie avevano versato
affinché i figli partecipassero alla gita
in Danimarca.
d. sarà necessario trovare una sedia per
poter aspettare comodamente.
e. mi è piaciuto molto.
f. ho schizzato tutto il piano cottura
con l’olio, perché non ho messo il
coperchio sulla padella.
g. che romperò presto il nuovo cellulare
che mi ha regalato per la promozione.

 >> pagina 699 

                      3  Per ogni periodo dell’esercizio precedente riscrivi le subordinate che hai individuato e specifica, per ognuna, il grado e l’orbita a cui appartiene.


                      4  Indica la funzione della completiva in corsivo: soggettiva (S), oggettiva (O), dichiarativa (D), interrogativa indiretta (I).



S

O

D

I

1. Non so se Ines firmerà la petizione.

       

2. Non pensare che tu sia meno importante dei tuoi fratelli: vogliamo bene a tutti indistintamente.

       

3. Non sono sicuro che i cani siano ammessi in questo luogo, perciò prima di entrare chiediamo al cameriere.

       

4. Si dice che l’identità dello scrittore anonimo di questo romanzo verrà svelata stasera in televisione.

       

5. Non voglio altro che questo, che tu ti impegni al massimo.

       

6. Mi domando se sia il caso di chiedere il permesso ai miei prima di invitarti a dormire a casa mia.

       

7. Io desidero solo una cosa: che tu sia felice.

       

8. È sbagliato che tu metta sempre le tue priorità davanti a quelle degli altri.

       

9. Neghi di aver preso il mio telefono per gioco?

       

10. Ho una sola certezza: che voglio diventare un’imprenditrice.

       


                      5  Collega le proposizioni in modo da ottenere frasi di senso compiuto.


1. Preferirei
2. Mi chiedo come
3. Ho capito che
4. Ho capito di
5. Penso questo: che
6. Ti propongo di
7. Non è certo che
a. i più ricchi debbano aiutare i più bisognosi.
b. aver sbagliato grazie alla sincerità dei miei amici.
c. andare a fare colazione nel nuovo bar del centro: ti
andrebbe?
d. per trovare una passione c’è bisogno di
sperimentare cose diverse.
e. stare a casa, questa sera, invece che uscire.
f. il colpevole sia stato lui: la polizia deve ancora
continuare le indagini.
g. lui sia riuscito a risolvere così velocemente il
problema di matematica.

 >> pagina 700 

                      6  Sottolinea i complementi oggetto (con i loro circostanti, se ne hanno) e le oggettive presenti nelle frasi. Trasforma, quindi, i complementi in proposizioni dal significato equivalente e viceversa.


Complemento oggetto

Oggettiva

1. Credo nella tua innocenza.

a.

2.

b. Vorrei che tu fossi più preciso.

3. Immagino la tua stanchezza, dopo questa giornata.

c.

4.

d. Ho notato che non hai il tuo orologio preferito.

5.Ammiro la tenacia della protagonista.

e.

6.

f. Ho paura di fallire domani all’esame.

7. Lei conferma il suo entusiasmo per il progetto.

g.

8.

h. Vincenzo mi ha chiesto di leggergli la storia di Hercules.


                      7  Completa le frasi coniugando adeguatamente il verbo tra parentesi.

1. Ti sei chiesto se (avere) ................................... difficoltà nell’affrontare questo progetto da solo?

2. Sapremo se loro ci (dire) ................................... la verità solo quando parleremo con Flora.

3. Eravamo certi che (arrivare) ................................... tardi.

4. Da piccola ero certa che Babbo Natale (esistere) ................................... .

5. Ho paura che Gioele (capire) ................................... stamattina della festa a sorpresa che gli abbiamo organizzato.

6. Mi chiedo se Carmela (scrivere) ................................... ancora per quella testata giornalistica.

7. Pensavo che Germana (tornare) ................................... dalla vacanza in Australia.

8. Si pensa che (dovere) ................................... molte specie animali ancora essere scoperte.

9. Credo che Dorotea (dedicare) ................................... a questo regalo molte ore, data la cura con cui è stato confezionato.

10. Ignoravo che Giorgio (leggere) ................................... Saramago, il mio scrittore preferito.

 >> pagina 701 

                      8  Sottolinea le proposizioni relative. Attenzione: in alcune frasi non sono presenti.

1. Lo stipendio concordato è superiore a qualsiasi mia aspettativa. 2. Le notizie più belle sono quelle che non ti saresti mai aspettato. 3. Dal momento che ho sonno, andrò a dormire. 4. Il secondo ad aggiudicarsi un premio è stato Martino. 5. Vi avevo chiesto che cosa ne pensaste della nuova lampada: a giudicare dal vostro silenzio, immagino che non vi sia piaciuta. 6. Bernardo, del quale solitamente parlo bene, non è stato corretto perché ha nascosto la verità a Luisa. 7. Mi piacerebbe che tu mi accompagnassi alla festa della scuola. 8. Chi ha finito gli esercizi può consegnarmeli. 9. Accomodati dove preferisci. 10. Il giorno in cui ci siamo incontrati pioveva. 11. Il saggio che hai scritto non rispetta l’impostazione del testo argomentativo.


                      9  Sottolinea i sintagmi nominali che hanno la funzione di antecedenti delle relative.


Spettacolari e spaventosi al tempo stesso, i vulcani sono alcuni tra le più affascinanti strutture geologiche realizzate da Madre Natura. Tutto nasce dalla crosta terrestre sulla quale poggiamo, la quale non è altro che lo strato solido di una palla di roccia fusa con un cuore di ferro, dell’età di 4,5 miliardi di anni. La crosta forma, insieme alla litosfera, l’involucro rigido del pianeta, che è frammentato in placche. Le placche galleggiano sulla parte più fluida e viscosa del mantello, l’astenosfera. Le zone di confine tra le placche sono per queste ragioni le più instabili. La roccia fusa, il magma, approfitta dei punti di debolezza in corrispondenza delle fratture per risalire in superficie. Quando raggiunge l’aria aperta erutta, sotto forma di lava, che poi solidifica. I punti in cui il magma esce allo scoperto sono i vulcani. Le più violente eruzioni vulcaniche possono scagliare in atmosfera grandi quantità di particelle che, schermando la luce del Sole, favoriscono un raffreddamento del clima. L’eruzione del vulcano Tambora nel 1815, che in un paio di mesi espulse in atmosfera circa 40 chilometri cubi di ceneri vulcaniche, emise una tale quantità di anidride solforosa (un gas che interagisce con la radiazione solare), da avere un impatto sul clima non solo dell’Indonesia, ma di tutto il mondo.

(Adattato da focusjunior.it)

 >> pagina 702 

                      10  Completa la tabella inserendo le subordinate del brano nella casella corretta.


Certo, non può essere definita una scienza esatta, ma sempre più persone sono convinte che guardare la leggendaria sitcom Friends sia il miglior modo per approcciarsi alla lingua inglese e impararla in men che non si dica. L’ultimo ad averlo dichiarato è l’allenatore del Liverpool, il tedesco Jurgen Klopp. La combriccola di newyorchesi più famosi al mondo ha infatti contribuito a colmare il gap linguistico del manager tedesco, che ora si trova ad avere dimestichezza con la lingua. Rap Monster, membro della band coreana Bts, ha dichiarato che i sei amici che ogni pomeriggio si riunivano per una tazza di caffè al Central Perk sono stati essenziali perché potesse imparare la lingua. Monster ha addirittura spiegato che, in Corea del Sud, Friends viene proposta ai bambini che vogliono imparare la lingua. «Suggeriscono di metterla in sottofondo mentre i bimbi giocano o mangiano», ha detto. In un sondaggio condotto nel 2012 da una delle principali scuole di inglese, Friends è stata incoronata di gran lunga la serie più popolare tra gli studenti che decidono di iniziare a studiare l’inglese mediante l’uso di film e serie.

(Adattato da open.online)


Oggettive

Relative

 





 


                      11  Unisci nel quaderno le proposizioni utilizzando i pronomi relativi, come nell’esempio. Attenzione, alcune relative vanno inserite all’interno delle frasi che le reggono.

Ho incontrato Anna. Anna mi ha invitato a cena.

-> Ho incontrato Anna, che mi ha invitato a cena.

1. Il ragazzo è Luigi. Serena vuole bene in modo speciale a Luigi.

2. Fa’ attenzione a non sciupare il libro. Sul libro c’è la dedica del mio scrittore preferito.

3. Marcella è uscita con Tony. Con Tony ha trascorso un bel pomeriggio.

4. Questi sono i compiti. A causa dei compiti ho passato la notte studiando.

5. L’autobus non ci porterà nella direzione giusta. Siamo saliti sull’autobus.

6. La gioielleria si trova in centro. Nella gioielleria ho comprato gli orecchini.

7. Gli studenti frequentano la III A. Ieri abbiamo incontrato gli studenti.

8. Il parco si chiama Parco della Tesoriera. Abbiamo attraversato il parco.

9. Ho perso la borsa. Ti avevo parlato della borsa.

10. Graziella è l’amica. Roberto telefona ogni giorno all’amica.

 >> pagina 703 

                      12  Sottolinea nelle frasi le proposizioni relative distinguendo tra quelle proprie e quelle che hanno sfumature particolari di significato (causale, concessivo, consecutivo, finale). Per queste ultime, specifica quale sia la sfumatura di ognuna.

1. Ho bisogno di qualche fiore che abbellisca la mia stanza. (...........................) 2. Dobbiamo ringraziare il professore, che ha acconsentito ad accompagnarci in gita. (...........................) 3. Chi vuole donare il sangue prima si faccia misurare la pressione. (...........................) 4. Enzo, che di solito non fa sport, ha provato una lezione gratuita di tennis. (...........................) 5. Gabriella, che non aveva voglia di mangiare, ha dovuto provare la nuova ricetta della nonna, altrimenti lei si sarebbe offesa. (...........................) 6. Chi riuscirà a superare questa prova potrà accedere alla finale. (...........................) 7. Abbiamo visto il sindaco che parlava in TV. (...........................) 8. Duilio desidera un lavoro che gli permetta di viaggiare molto. (...........................) 9. La babysitter, che non sta bene, si è scusata di non poter venire stasera. (...........................) 10. Cerco un web designer che mi aiuti nella costruzione del mio sito. (...........................) 11. Ho incontrato Alessandro, che stava facendo la spesa. (...........................) 12. Mi servirebbe una lavatrice che riesca a contenere anche sette chili di indumenti per carico. (...........................)


                      13  Sottolinea le proposizioni subordinate temporali e indica se sono esplicite (E) o implicite (I).

1. Mentre studiavate, tua sorella ha preparato per voi dei toast. (..........) 2. Schierato l’esercito, il comandante ordinò ai suoi uomini di attaccare. (..........) 3. Sono molto preoccupato: non smetterò di chiamarlo fino a quando non mi risponderà al telefono. (..........) 4. Riceveremo notizie da Patrizio prima che sia domani. (..........) 5. Sorto il sole, io e i nonni andammo alla fattoria. (..........) 6. Tornando a casa abbiamo assistito ad una lite tra i nostri vicini. (..........) 7. Ho lasciato la sala prima che finisse il film perché mi squillava il telefono. (..........) 8. Dopo aver terminato l’ora di letteratura, i ragazzi diedero inizio all’assemblea di classe. (..........)


                      14  Completa i periodi inserendo una proposizione temporale adeguata al contesto. Inserisci anche le virgole dove è necessario.

1. Dovremmo finire tutto il programma .............................................................. .

2. .............................................................. controlleremo insieme le risposte.

3. .............................................................. la cuoca si accorse che mancava la conserva.

4. .............................................................. uscimmo a fare una passeggiata.

5. Non potrò uscire di casa .............................................................. .

6. .............................................................. il titolare si ricordò di non aver tolto il guadagno della giornata dalla cassa.

7. .............................................................. ho inciampato in un gradino e temo di aver preso una storta.

 >> pagina 704 

                      15  Scrivi nel quaderno cinque periodi formati dalle seguenti proposizioni.

1. Subordinata di 1° grado temporale implicita + principale + subordinata di 1° grado.

2. Principale + subordinata di 1° grado + subordinata di 2° grado temporale esplicita.

3. Subordinata di 1° grado temporale implicita + principale + subordinata di 1° grado.

4. Subordinata di 1° grado temporale esplicita + principale + coordinata alla principale.

5. Subordinata di 1° grado temporale implicita + subordinata di 2° grado + principale.


                      16  Collega le proposizioni principali della colonna di sinistra con le proposizioni causali della colonna di destra. Le subordinate non causali dovranno rimanere senza collegamento.


1. Passeremo la giornata in giro per la città

2. Questo zaino è troppo pesante

3. Nella mia scuola è stata aggiunta la sezione G

4. Cercherò un posto nel parcheggio sotterraneo

5. Eravamo molto contenti

6. Faremo la spesa oggi stesso

7. L’allenatrice esortò i suoi ragazzi

a. quando sarò al telefono.

b. dato che in strada non c’è spazio.

c. perché avevamo comprato il televisore nuovo per la nostra camera.

d. perciò sbrigati.

e. dato che i supermercati sono aperti anche la domenica mattina.

f. perché erano giù di corda.

g. poiché oggi è festa.

h. che mancava l’anno scorso.

i. perché contiene troppi quaderni.

l. visto che sono aumentate le iscrizioni.


                      17  Completa i seguenti periodi con una proposizione causale adeguata al contesto e poi scrivi tra parentesi se si tratta di una subordinata esplicita (E) o implicita (I).

1. Non si dovrebbero uccidere i lupi ..................................................... .(.........)

2. Laura è parecchio dispiaciuta ..................................................... .(.........)

3. Attilio ha sottoscritto un contratto telefonico con un altro operatore ..................................................... .(.........)

4. ..................................................... , la fiera sarà rimandata alla prossima domenica.(.........)

5. ..................................................... , Luigi e Carola furono rimproverati da tutti.(.........)

6. In gita mi sono tolta il maglione ..................................................... .(.........)

7. ....................................................., porterò per qualche settimana il cappello.(.........)

8. ....................................................., presi un autobus per tornare a casa.(.........)

 >> pagina 705 

                      18  Correggi gli errori compiuti nell’analisi dei seguenti periodi.

1. Ieri sera dopo aver cenato sono andato subito a letto e stamattina mi sono svegliato presto perché dovevo ripassare la lezione di storia.

Ieri sera sono andato subito a letto: principale;

dopo aver cenato: subordinata di 1° gr. temporale esplicita;

e stamattina mi sono svegliato presto: principale di 2° gr.;

perché dovevo ripassare la lezione di storia: subordinata di 1° gr. causale esplicita.

2. Essendoci ancora pochi invitati, c’erano molti posti liberi e io ho chiamato mio fratello, che mi ha raggiunto immediatamente.

Essendoci ancora pochi invitati: subordinata di 1° gr. temporale esplicita;

c’erano molti posti liberi: principale;

e io ho chiamato mio fratello: coordinata copulativa alla principale;

che mi ha raggiunto immediatamente: subordinata di 1° gr. alla principale oggettiva esplicita.

3. Martina sostiene che io e Luca ci siamo riappacificati dopo tanto tempo perché siamo entrambi delle persone troppo orgogliose che non chiedono mai scusa.

Martina sostiene: principale;

che io e Luca ci siamo riappacificati dopo tanto tempo: subordinata di 1° gr. relativa esplicita;

perché siamo entrambi delle persone troppo orgogliose: subordinata di 2° gr. causale esplicita;

che non chiedono mai scusa: subordinata di 3° gr. soggettiva esplicita.

4. Stasera non verrò al cinema perché devo studiare il capitolo 7 di matematica e devo fare la ricerca di arte che la professoressa ha assegnato quando ero assente.

Stasera non verrò al cinema: principale;

perché devo studiare il capitolo 7 di matematica: subordinata di 1° gr. causale implicita;

e devo fare la ricerca di arte: coordinata copulativa alla subordinata causale.

che la professoressa ha assegnato: subordinata di 2° gr. oggettiva esplicita;

quando ero assente: subordinata di 2° gr. temporale esplicita.


                      19  Nei testi sottolinea le proposizioni finali e poi scrivi in parentesi se sono esplicite (E) o implicite (I).


1.

Seppur con mille difficoltà e criticità che conosco e non voglio sottovalutare, oggi quasi tutti gli studenti sono coinvolti nella didattica a distanza. Cancellare quel quasi è il mio principale impegno quotidiano affinché presto si possa sanare una diseguaglianza non più tollerabile.

(...............................)

(orizzontescuola.it)


2.

Affinché tutti i partecipanti possano vivere l’evento nelle migliori condizioni possibili e per ridurre l’impatto ambientale, invitiamo i corridori, gli accompagnatori, i volontari e gli spettatori a informarsi sull’eccezionale dispositivo di mezzi pubblici messo in opera durante l’UTMB®.

(...............................)

(utmbmontbalnc.com)


3.

Nessuno scrive perché è bello farlo: gli scrittori scrivono perché i lettori leggano, non è importante se ad alta o a bassa voce!

(...............................)

(Lele G., Tre fratelli, 2012)


4.

Non credo sia impossibile trovare una ragazza giovane che si impegni a incaricarsene per un’oretta. Magari può essere la figlia studentessa dei vicini di casa dei nonni che lo fa volentieri per guadagnare qualche euro.

(...............................)

(L. Rizzi, Fate famiglia!, 2011)

 >> pagina 706 

                      20  Completa le frasi con una proposizione finale adeguata al contesto.

1. ................................................., la mamma di Carlotta si è fatta fare un taglio di capelli corto.

2. ................................................., devi usare il collirio.

3. Credo sia necessario che vi portiate il giubbotto ................................................. .

4. ................................................., devi farlo lievitare con calma.

5. Ti ho fatto leggere il mio articolo ................................................. .

6. ................................................., mio padre fece nascondere tutti i miei amici in cantina.

7. ................................................., chiamami quando torni a casa.


                      21  Con ciascuna principale scrivi nel quaderno due periodi: nel primo aggiungi una subordinata finale, nel secondo una subordinata causale.

1. L’idraulico ha sistemato la caldaia...

2. Prendiamo la macchina...

3. Alice ha chiamato Mara...

4. Fabrizio ha letto l’oroscopo...

5. Ho mandato i bambini in giardino...

6. Ci hanno raggiunto i miei cugini dalla Francia...


                      22  Nei periodi completa la proposizione consecutiva con il connettivo che ritieni più adeguato, scegliendolo tra quelli seguenti.

che di cosicché da in modo che in modo da per

1. Ma sei davvero così ingenua .............................. credere a questa notizia? 2. Il professore di disegno ci ha consigliato di comprare i colori a tempera, oltre a quelli a pastello, .............................. possiamo realizzare un disegno più vivace. 3. Luca ieri era talmente furioso .............................. avrebbe litigato con chiunque. 4. Mio fratello ha ripassato tutto il programma di chimica .............................. arrivare preparato all’esame di domani. 5. Credo che l’ingegner Tullio sia degno .............................. ricoprire il ruolo che gli è stato assegnato dall’assemblea. 6. Viviana è troppo timida .............................. accettare la candidatura alla carica di capo d’Istituto. 7. La professoressa ci ha dato una lista di libri .............................. possiamo fare la ricerca più facilmente.

 >> pagina 707 

                      23  Completa le proposizioni principali con una subordinata consecutiva, secondo le indicazioni in parentesi.

1. Giulia è troppo veloce per (implicita) .................................................... .

2. Mia nipote era talmente contenta di andare allo zoo che (esplicita) .................................................... .

3. Abbiamo fatto in modo che (esplicita) .................................................... .

4. Mio fratello è talmente preciso da (implicita) .................................................... .

5. Reputo il mio medico degno di (implicita) .................................................... .

6. Gli sposi hanno ordinato tutti i segnaposto necessari, cosicché (esplicita) .................................................... .


                      24  Scrivi nel quaderno cinque periodi seguendo gli schemi proposti.

1. Principale + subordinata di 1° grado consecutiva esplicita.

2. Principale + subordinata di 1° grado consecutiva implicita.

3. Subordinata di 1° grado causale implicita + principale + subordinata di 1° grado soggettiva esplicita + subordinata di 2° grado consecutiva implicita.

4. Principale + subordinata di 1° grado oggettiva esplicita + subordinata di 2° grado consecutiva implicita.

5. Principale + subordinata di 1° grado consecutiva implicita + subordinata di 2° grado relativa esplicita + subordinata di 3° grado temporale esplicita.


                      25  Completa i periodi con una proposizione concessiva adeguata al contesto e specifica poi se è esplicita (E) o implicita (I).

1. ........................................... , non riuscimmo ad arrivare in cima al monte. (.......)

2. Parteciperò alla tua presentazione, ........................................... . (.......)

3. Mi hanno presentato un ragazzo che, ........................................... , non rientra nei miei canoni di bellezza. (.......)

4. Stamattina sono uscita alle 7 e, ........................................... , il traffico era già molto intenso. (.......)

5. Mi piace la pizza così tanto che, ........................................... , non riuscirei mai a rifiutarne un trancio. (.......)

6. ........................................... , io e Mattia abbiamo cercato di parlarle per chiarire il nostro punto di vista. (.......)

 >> pagina 708 

                      26  Unisci le proposizioni riscrivendole nel quaderno in modo da formare un periodo composto da una proposizione principale e da una subordinata concessiva (esplicita o implicita).

1. Mio fratello era stanco. Mio fratello è andato a dormire molto tardi.

2. Paolo è dimagrito di cinque chili. Alcuni suoi vestiti gli stanno ancora stretti.

3. Conoscevamo la sua bravura. Siamo rimasti a bocca aperta per la sua esibizione.

4. Non ho risposto. Sono stato interpellato in maniera diretta.

5. Abbiamo seguito la guida con molta attenzione. Noi conoscevamo la città.

6. Numerosi cantanti non hanno una fama immediata. Molti cantanti sono molto bravi.

7. Eravamo arrivati in orario al ristorante. Il nostro tavolo non era ancora pronto.


                      27  Distingui, tra le proposizioni in corsivo, le temporali (T) dalle avversative (A).

1. Quando ero piccola, mi divertiva molto fare le trecce alle mie amiche: forse è allora che è nata la passione che mi ha portato a diventare parrucchiera! (........) 2. Io non guido perché mi spavento, mentre Paolo non lo fa perché ancora deve prendere la patente. (........) 3. Quando sarai maggiorenne avrai maggiori responsabilità, oltre che libertà. (........) 4. Gabriele canta sempre, mentre io preferisco il silenzio. (........) 5. Luigi è stato tutto il giorno a sistemare l’album di figurine quando avrebbe potuto aiutarmi sbrigando alcune commissioni importanti. (........) 6. Mentre Giuseppe studia, di solito tiene la TV accesa in sottofondo, sebbene io glielo sconsigli. (........) 7. Mentre stavamo cenando, ci siamo accorti che il nostro cantante preferito sedeva al tavolo vicino al nostro: che emozione! (........) 8. Oggi Nicola ha fatto due lavatrici, quando si sarebbe potuto rilassare un po’: ha davvero un forte senso del dovere. (........)


                      28  Sottolinea una volta le comparative, due volte le modali.

1. Ho scartato il regalo come mi hai insegnato tu: in questo modo non ho rotto la carta, che posso utilizzare nuovamente. 2. Più che mangiare, divora il cibo. 3. Mi piace il caffè nel modo in cui lo preparano gli americani, ossia lungo. 4. Ho perso una mattinata a fare la fila in banca. 5. Si allontanò correndo. 6. L’azione bellica fu efficace tanto quanto si aspettava il comandante. 7. Sarebbe più utile concentrarsi sulla trama da scrivere, piuttosto che perdersi in dettagli inutili. 8. I cani mi piacciono più di quanto credessi: ne vorrei adottare uno del canile. 9. Marta è più alta di quanto ricordassimo: ciò è probabilmente dovuto al fatto che non l’abbiamo vista per mesi. 10. Piangendo, Cristina mi ha chiesto se la potessi aiutare a ripetere per l’interrogazione di letteratura. 11. Finalmente sono riuscito a smettere di fumare, come mi aveva detto il medico.

 >> pagina 709 

                      29  Analizza nel quaderno le subordinate in corsivo, indicando anche il grado di subordinazione e se sono implicite o esplicite. Poi inventa un finale per il racconto.


Due principi se ne andarono in cerca di avventure e finirono con il condurre una vita viziosa e dissoluta, sicché non fecero più ritorno a casa. Il più giovane, chiamato il Grullo, se ne andò alla ricerca dei fratelli, ma quando li trovò essi lo presero in giro perché egli voleva farsi strada nel mondo, mentre loro non ci erano riusciti pur essendo più avveduti. Si misero in cammino e giunsero a un formicaio. I due maggiori volevano buttarlo all’aria, per vedere le formichine andare qua e là impaurite. Ma il Grullo disse: «Lasciatele in pace quelle bestie, non sopporto che le disturbiate». Proseguirono e giunsero a un lago dove nuotavano tante tante anatre. I due fratelli volevano catturarne un paio per farle arrostire, ma il Grullo ripeté: «Lasciatele in pace quelle bestie, non tollero che le uccidiate». I tre fratelli arrivarono a un castello. Giunsero a una porta con tre serrature, ma in mezzo alla porta c’era uno spioncino attraverso il quale si poteva vedere nella stanza. Videro un omino grigio seduto a un tavolo. Senza dire neanche una parola egli li condusse a una tavola riccamente imbandita e, quand’ebbero mangiato e bevuto, diede a ciascuno di loro una camera da letto.

(Adattato da J. Grimm e W. Grimm, Le fiabe dei Grimm, 2015)


                      30  Correggi gli errori nella costruzione delle comparative presenti nelle frasi.

1. Scrivi sicuramente meglio di che scrivo io, Melania.

...................................................................................

2. Le pesche si abbinano ai gamberi meglio di come le fragole.

...................................................................................

3. Preferisco lavorare al computer, che ha uno schermo grande, di sforzarmi a leggere sul tablet.

...................................................................................

4. Siete tanto intelligenti siete svogliati, per questo non vi premierò alla fine dell’anno.

...................................................................................

5. Preferiamo passare una serata al cinema rispetto come passeggiare per la città.

...................................................................................

6. Ester ama tanto giocare a calcio come cucinando.

...................................................................................

7. Ci piace meno sbrigare le faccende domestiche quanto prepariamo dolci.

...................................................................................

8. Odio di più essere criticato alle spalle rispetto rimproverato apertamente.

...................................................................................

 >> pagina 710 

                      31  Sottolinea le implicite presenti e analizzale; poi, distinguile tra modali, strumentali, relative e limitative.

1. Ho finito la serie TV impiegando ogni momento libero (..........................) 2. Stando al sindaco, a causa dell’alto livello di polveri sottili nell’aria domenica sarà vietato circolare con le auto. (..........................) 3. La verifica svoltasi lunedì era incentrata sull’analisi del testo dei Promessi sposi. (..........................) 4. Quanto a decorare gli oggetti, Lucrezia è un portento. (..........................) 5. Sentire, sente: il problema è che non ascolta. (..........................) 6. Sandra ha molte erbe aromatiche coltivate con amore: il suo balcone emana un profumo meraviglioso. (..........................) 7. Chiudendo di colpo la porta, Antonella è uscita dalla stanza. (..........................) 8. Stando a quanto dice lo sceneggiatore, ci sarà una seconda stagione della tua serie TV preferita. (..........................) 9. Stando in officina con mio padre ho imparato tanto sulle macchine e sui motori. (..........................) 10. Saremo i primi ad arrivare, perché oggi c’è poco traffico e siamo partiti in anticipo. (..........................)


                      32  Sottolinea nelle frasi i tipi di subordinate corrispondenti a quelli elencati di seguito. Indica, quindi, tra parentesi, di quale tipo è la subordinata che hai sottolineato.

limitativa (3 volte) eccettuativa (3 volte) aggiuntiva (2 volte) esclusiva (2 volte)

1. Secondo quanto riferito dalle autorità, l’edificio sarebbe crollato per danni strutturali. (.......................................)

2. Ho trascorso la giornata facendo molte attività interessanti, fuorché leggere. (.......................................)

3. Senza che tu te ne preoccupi, ho già riordinato la dispensa, che era davvero caotica. (.......................................)

4. Oltre a fare la pulizia del viso, vorrei anche prenotare una manicure. (.......................................)

5. Oltre a fare sempre polemica, Giovanni tende anche a criticare tutti. (.......................................)

6. A meno che tu non debba uscire per altro, non andare a comprare la pasta: cucineremo altro, non preoccuparti. (.......................................)

7. Stando a Ilenia, ci verranno a prendere verso le 18. (.......................................)

8. Salvo che non ci siano nuove disposizioni, la palestra della scuola non potrà essere utilizzata per tutto questo mese. (.......................................)

9. Senza dirti ogni dettaglio della storia, sappi che adesso Teresa e Franco non si parlano più. (.......................................)

10. Parlare, parla sempre: è insopportabile. (.......................................)

 >> pagina 711 

                      33  Sottolinea tutte le modali del seguente brano, poi rispondi nel quaderno alle domande.


Era bravissima nel cucinare, perché non le mancava né la diligenza né la fantasia, ma dove metteva le mani lei non si sapeva che sorprese mai potessero arrivarci in tavola: certi crostini di paté di fegato di topo, e non ce l’aveva detto che quando li avevamo mangiati e trovati buoni; e i codini di porco arrostiti come fossero ciambelle. Erano, questi piatti di Battista, delle opere di finissima oraferia animale o vegetale: una testa di porco dalla cui bocca usciva, come cacciasse fuori la lingua, un’aragosta rossa, e l’aragosta nelle pinze teneva la lingua del maiale come se gliel’avesse strappata. Poi le lumache: era riuscita a decapitare non so quante lumache, e le teste le aveva infisse ognuna su un bignè, e parevano, come vennero in tavola, piccolissimi cigni. Il modo in cui le lumache eccitavano la macabra fantasia di nostra sorella, ci spinse, mio fratello e me, a una ribellione, che era insieme di solidarietà con le povere bestie straziate, di disgusto per il sapore delle lumache cotte e d’insofferenza per tutto e per tutti, tanto che non c’è da stupirsi se di lì Cosimo maturò il suo gesto e quel che ne seguì.

(Adattato da I. Calvino, Il barone rampante, 1957)


1. Hai sottolineato la proposizione Il modo in cui le lumache eccitavano la macabra fantasia di nostra sorella? Perché?

2. Quale tipo di subordinata è dove metteva le mani lei?

3. Quale tipo di subordinata è come vennero in tavola?


                      34  Completa i periodi con una subordinata del tipo richiesto tra parentesi.

1. ............................................................., domani ci sarà l’incontro tra i vari capi di Stato. (limitativa all’indicativo)

2. ............................................................., a breve ci chiameranno per organizzare una serata in pizzeria con il gruppo di danza. (limitativa al gerundio)

3. ............................................................., ho dovuto anche cantare. (aggiuntiva)

4. ............................................................., questa torta è venuta proprio bene. (esclusiva al congiuntivo)

5. Ci si può confrontare ............................................................. . (esclusiva all’infinito)

6. ............................................................., io non ci sarò. (eccettuativa al congiuntivo)

7. Ho finito le commissioni ............................................................. . (eccettuativa all’infinito)

 >> pagina 712 

                      35  Nei seguenti periodi sottolinea le proposizioni ipotetiche; specifica poi tra parentesi se sono esplicite (E) o implicite (I).

1. Andando al mercato la mattina presto potremo trovare la verdura migliore. (.........) 2. Se arrivassi prima del dovuto, vi avvertirei. (.........) 3. Ti avrei lasciato usare il mio pc se solo tu fossi stato attento a quello che scarichi. (.........) 4. A gridare così ti si infiammeranno le corde vocali. (.........) 5. Se avessi smesso di fare di testa tua, a quest’ora non saresti stato nei guai. (.........) 6. Ci divertiremo moltissimo se verrai alla festa con noi. (.........) 7. Friggendo così tante frittelle, finirai per avere la nausea. (.........) 8. Se asciugassi bene il pianerottolo, nessuno rischierebbe di cadere. (.........) 9. Se avrai cura dei miei dvd te ne presterò volentieri quanti ne vuoi. (.........) 10. A correre così tanto, ti verrà di sicuro il fiatone. (.........)


                      36  Ricopia nel quaderno i periodi ipotetici che trovi nei testi, quindi scrivi a fianco di ciascuno la sua tipologia (realtà, possibilità o irrealtà).


1.

La strega strinse gli occhi e si avvicinò all’uomo: «Così aspettate un bambino eh... Bene! Se volete aver salva la vita mi dovrete consegnare quel bambino non appena nato, lo tratterò come fosse figlio mio, non preoccupatevi».


2.

«Così tu hai una figlia... dovrei ucciderti, ma se in cambio della tua vita, tu porterai tua figlia qui, lei vivrà per sempre insieme a me e tu sarai libero!»


3.

«Se io non ti avessi chiesto in dono questa rosa, tu adesso non saresti in questa situazione... non è giusto!» Bella insistette così tanto che alla fine costrinse suo padre ad accompagnarlo al castello della Bestia.


4.

La fata venne a sapere della festa e si presentò al castello, più arrabbiata che mai. «Vedo che state festeggiando senza di me» disse con sarcasmo. «E vedo che la principessa ha già ricevuto molti doni. Nessuno si offenderà se le offrirò anche il mio.»


5.

Il pesce d’oro si rituffò in acqua con un gran salto, ma mentre si allontanava gridò al pescatore: «Grazie, Ivan, non dimenticherò il tuo gesto. Se ti dovesse servire qualcosa, devi solo venire a chiamarmi».

(fabulinis.com)

 >> pagina 713 

                      37  Nel quaderno, trasforma i seguenti periodi ipotetici in modo da ottenere i tipi mancanti (per esempio se una frase contiene un periodo ipotetico della realtà, devi trasformarlo per ottenerne uno della possibilità e uno dell’irrealtà).

1. Se continuerà a piovere in questo modo, la strada sotto casa si allagherà.

2. Se masticassi il cibo lentamente, digeriresti meglio.

3. Finiresti entro stasera se non ti fermassi a chiacchierare di continuo.

4. Se avessi preparato la valigia con calma non avresti dimenticato nulla.

5. Se mi ricorderò del tuo compleanno ti farò un bel regalo.

6. Se dicessi la verità, nessuno ti accuserebbe di essere inaffidabile.


                      38  Il gerundio può avere molti valori, non sempre distinguibili l’uno dall’altro, anche nella stessa frase. Stabilite il valore o i diversi valori del gerundio nelle seguenti subordinate (temporale, causale, concessivo, strumentale, ipotetico) e poi, secondo i valori individuati, trasformate, se possibile, le subordinate da implicite in esplicite, oppure in un complemento con un infinito sostantivato.

1. Mi lagnerò tacendo.

.................................................................................................

2. Potendo non ti aiuterei.

.................................................................................................

3. Guardando imparo.

.................................................................................................

4. Cambierai crescendo.

.................................................................................................

5. Ascoltandola comprese tutto.

.................................................................................................

6. Avendola ascoltata comprese tutto.

.................................................................................................

7. Provocandolo non lo aiuti.

.................................................................................................

8. Lavorano viaggiando.

.................................................................................................

9. Ubbidendo, protestai.

.................................................................................................

10. Protestai ubbidendo.

.................................................................................................


 giochi di PAROLE  Ogni studente inventa e scrive un motto che lo/la rappresenti e che contenga una strumentale (per esempio, uno studente molto studioso potrebbe scrivere: «A furia di studiare tante cose puoi imparare»). Successivamente, i motti vengono raccolti, estratti a sorte e letti dall’insegnante. Tutta la classe, quindi, prova a indovinare a chi appartiene ciascun motto.

La Grammatica Treccani - volume A
La Grammatica Treccani - volume A
Morfologia, sintassi, lessico, fonologia, ortografia. CAPITOLO DEMO: Il verbo