LA PROVA DEL DIECI

LA PROVA DEL DIECI

 1  Sottolinea tutti i pronomi usati nel brano, dunque classificali nella tabella (inserisci una volta sola quelli ripetuti). Infine rispondi alle domande.


Il meraviglioso istinto materno del canguro

L’istinto materno è spesso considerato un dono della vita e ci sono animali che ne sono un ottimo esempio. Chi non ha sospirato vedendo un piccolo di canguro nel marsupio della sua mamma? Bene, oggi vogliamo parlarvi dell’istinto materno del canguro, caratteristica che lo differenzia dagli altri animali.

Conosciamo bene la riproduzione di molti mammiferi esistenti sulla terra. La cosa più comune è che, quando nascono i cuccioli, le madri li allattano e dopo pochi giorni li spingono con il muso per farli camminare da soli.

È il ciclo della vita e, anche se può sembrarci strano perché un bambino dipende molto più a lungo dalla madre, il mondo animale è così. Nonostante ciò, c’è un animale che si distingue dagli altri: il canguro.

Il piccolo di canguro può trascorrere circa 250 giorni nel marsupio della madre, cosa che la riempie di gioia, durante i quali lo aiuta a svilupparsi. Questo succede per una ragione ben precisa: lo sviluppo fetale dei canguri è molto diverso da quello di molti altri animali.

Curiosamente, le femmine di canguro possono produrre due latti diversi. I bisogni nutrizionali di un neonato non sono gli stessi di un cucciolo che ha già abbandonato il marsupio. I canguri possono avere fino a tre cuccioli insieme: uno fuori dal marsupio, uno dentro che viene allattato e uno nell’embrione in attesa di essere portato in grembo.

Risulta evidente che l’istinto materno del canguro è quanto meno impressionante. La madre è disposta a farsi carico dei propri cuccioli dopo la nascita e di portarli con sé per una media di 12 mesi, durante i quali li protegge, nutre e accudisce.

(Adattato da imieianimali.it)


personali

possessivi

dimostrativi

indefiniti

relativi

interrogativi ed esclamativi

 

         


1. Quali colonne sono rimaste vuote?

....................................................................

2. Nella frase «uno fuori dal marsupio, uno dentro che viene allattato e uno nell’embrione» appare per tre volte uno: è un pronome? E se sì, di che tipo?

....................................................................

3. Motiva la risposta alla domanda 2.

....................................................................


...../29

 >> pagina 345 

 2  Inserisci il pronome adatto dove manca.

1. Non ............ importa ............ tu sia: per me, ............ sia in difficoltà deve essere aiutato. 2. I miei amici sono tutti qui, mentre ............ non ............ vedono. Chiama ............ , per favore. 3. ............ affido Poldo per il pomeriggio. Portate ............ fuori almeno ogni tre ore e non date ............ da mangiare cose ............ possano farmale. 4. ............ desidera, signora? La taglia 48? Purtroppo ............ abbiamo finita, ma possono dar ............ la 50, se vuole provar ............ .


...../15


 3  Riscrivi le frasi unendo le due parti con i pronomi relativi adatti.

1. Salutami tanto quel tuo amico. Mi hai presentato quel tuo amico l’altro giorno.

................................................................................

2. Mi piacerebbe visitare la città. Mi ha parlato Giulia della città.

................................................................................

3. Non ho trovato la persona. Avevo appuntamento con la persona.

................................................................................

4. Hai poi visitato il sito? Nel sito ci sono le informazioni per l’iscrizione in piscina.

................................................................................

5. Il pezzo del puzzle l’ho visto prima sotto una sedia. Manca il pezzo.

................................................................................

6. Ti piace la moto? La moto è appena passata.

................................................................................


...../6


 4  Nelle frasi seguenti indica se le forme in corsivo sono aggettivi (A) o pronomi (P) e specifica il tipo di aggettivo o pronome (personale, dimostrativo, relativo ecc.).

1. È proprio lei la signora che mi ha aiutato in banca con quella ricevuta illeggibile.

................................................................................

2. Quale vestito ti piace di più tra questi due?

................................................................................

3. Non capisco per quale motivo dovrei fidarmi delle tue parole se tu non ti fidi mai delle mie? Questa è la ragione per cui litighiamo tanto spesso.

................................................................................

4. Qualunque cosa accada puoi sempre contare sul nostro aiuto.

................................................................................

5. Ognuno di voi ha diritto a uno sconto del 20%, il quale potrà essere utilizzato per ogni libro del primo piano.

................................................................................

6. Con tutta la sua buona volontà non è riuscito ad allenarsi come gli altri.

................................................................................


...../22

PUNTEGGIO TOTALE ...../72

La Grammatica Treccani - volume A
La Grammatica Treccani - volume A
Morfologia, sintassi, lessico, fonologia, ortografia.