5   IL PRONOME

1 | CHE COS’È UN PRONOME

Scopri la grammatica!

 a  Leggi il brano e poi rispondi alla domanda.


L’Impressionismo è un movimento artistico originatosi in Francia negli anni Sessanta del XIX secolo. L’Impressionismo ha profondamente influenzato la cultura artistica europea fino agli inizi del Novecento. All’Impressionismo aderirono numerosi artisti, ogni artista sviluppò un proprio approccio personale. Tra i maggiori esponenti, solo Claude Monet rimase impressionista per gran parte della sua vita, mentre per gli altri artisti questa esperienza costituì un momento più o meno lungo, ma circoscritto, della carriera. Tra i personaggi, i personaggi intuirono il potenziale della nuova pittura, la nuova pittura stava nascendo a Parigi, c’è sicuramente Émile Zola, intellettuale, critico d’arte e scrittore, Zola fu amico di molti di quegli artisti innovatori.


  • Noti qualcosa di strano nel brano, soprattutto nell’ultima parte?

Ci sono decisamente troppe ripetizioni nel brano che hai letto, non ti pare?
Si tratta, infatti, di una versione ritoccata (e peggiorata). Ecco quella originale:

L’Impressionismo è un movimento artistico originatosi in Francia negli anni Sessanta del
XIX secolo. Esso ha profondamente influenzato la cultura artistica europea fino agli inizi
del Novecento. Vi aderirono numerosi artisti, ognuno dei quali sviluppò un proprio approccio
personale. Tra i maggiori esponenti, solo Claude Monet rimase impressionista per
gran parte della sua vita, mentre per gli altri questa esperienza costituì un momento più o
meno lungo, ma circoscritto, della carriera. Tra i personaggi che intuirono il potenziale
della nuova pittura che stava nascendo a Parigi, c’è sicuramente Émile Zola, intellettuale,
critico d’arte e scrittore, che fu amico di molti di quegli artist i innovatori.

(Adattato da treccaniscuola.it)


Nella seconda versione del brano alcune parole sono in grassetto. Sono pronomi: servono a evitare inutili ripetizioni e a produrre testi ben strutturati e scorrevoli.

 >> pagina 295 

I pronomi possono sostituire altre parti del discorso come nomi, aggettivi, proposizioni o altri pronomi:

 Anna si siede su questa sedia, Laura su quella. (Il pronome quella sostituisce il nome sedia.)

 Le scarpe di Luigi sono pulite, quelle di Roberto non lo sono affatto. (Il pronome lo sostituisce pulite.)

 Ti faccio vedere come si risolve il problema se tu non lo sai. (Il pronome lo sostituisce come si risolve il problema.)

 Prendi quello che vuoi. (Il pronome che sostituisce quello.)


 TI SFIDO  Confronta la prima e la seconda versione del testo riportato all’inizio di questa unità. Scrivi nel quaderno, per ciascun pronome della seconda versione, a quale parte della prima versione del testo corrisponde.


I pronomi possono avere diverse forme e alcuni di essi concordano in base al genere e al numero con l’elemento a cui sono collegati. Il pronome è dunque una parte variabile del discorso.

       Altre funzioni dei pronomi

In alcuni casi i pronomi non sostituiscono qualcosa che è già stato detto, ma vengono usati perché l’elemento a cui si riferiscono è evidente nel contesto:

 Questo è mio.




Questo si riferisce al quaderno ed è chiaro per chi ascolta o legge la frase anche senza scrivere questo quaderno.

Alcuni pronomi (come tutto, niente o nessuno) hanno un valore autonomo, cioè non hanno bisogno di un elemento a cui riferirsi per essere comprensibili:

 Appena alzato mangerei tutto.


In questa frase il pronome tutto ha un significato assoluto; si potrebbe sostituire con ogni cosa, ma la frase è chiara anche così.

 >> pagina 296 

       Tipi di pronomi

Esistono diversi tipi di pronomi, con significato e funzioni diverse all’interno della frase.

Alcuni possono essere usati solo come pronomi.

  • I pronomi personali (per esempio io, tu, lui, lei, egli, esso, essi, lo, li, ci, vi):
     Io non vi ho visto.
  • I pronomi relativi (per esempio che, il quale, i quali):
     Indossa i pantaloni che gli hai regalato.


Alcune parole invece possono essere usate sia come aggettivi sia come pronomi.

  • Possessivi (mio, tuo, suo ecc.):
     Se non hai la penna puoi prendere la mia.
  • Dimostrativi (questo, quello, stesso ecc.):
     Il tuo posto è questo.
  • Indefiniti (qualcuno, ogni, ognuno, altro, tutto, niente ecc.):
     Qualcuno può aiutarti.
  • Interrogativi ed esclamativi (che, quale, chi, cosa ecc.):
     Quale vuoi?
  • Numerali (uno, due, primo, secondo ecc.):
     Mi piacciono molto questi biscotti: ne ho già mangiati tre.
 LO SAPEVI? 

Come puoi capire se una parola è un pronome oppure un aggettivo? Se accompagna un nome, allora è un aggettivo, se invece non accompagna alcun nome, allora è un pronome:

Verso l'analisigrammaticale Nell’analisi grammaticale di un pronome devi specificarne il tipo, il genere e il numero (nel caso dei pronomi personali e possessivi si può specificare anche la persona):
 sua: pronome possessivo, 3a persona femminile singolare.

Fissa i concetti

I pronomi servono a sostituire parti di testo come nomi, aggettivi, proposizioni o altri pronomi.

Il pronome è una parte variabile del discorso e cambia in base al genere e al numero dell’elemento a cui si riferisce.

Ci sono sette tipi di pronomi: personali, possessivi, dimostrativiindefiniti, relativi, interrogativi, numerali.

 >> pagina 297 

In pratica

                      1  Sottolinea i pronomi nelle seguenti frasi.

1. Quante ne vuoi? – Dieci. 2. Il tuo è davvero bello; il mio disegno, invece, ha qualche dettaglio da migliorare. 3. Non ho bisogno della tua biro, ho la mia, ma grazie comunque. 4. Salvo casi straordinari, chiunque può votare, se ha compiuto 18 anni ed è cittadino italiano. 5. Matteo mi ha ferito, ma non voglio fare lo stesso con lui. 6. Francesca è la ragazza con cui ho condiviso la stanza quando siamo andati in gita. 7. Quali sono i tuoi preferiti? 8. Se dovessi scegliere, non prenderei questo libro, ma quello. 9. Qualcuno ha mangiato i biscotti che erano sul tavolo? 10. La commessa mi ha informato della promozione sui prodotti ittici.


                      2  Sottolinea una volta i pronomi, due volte gli aggettivi.

1. Ho rassettato la mia stanza. Tu lo hai fatto con la tua? 2. Quello è tuo, te lo ha portato Greta. 3. – Io ho ventisei anni, e tu? – Io ne ho ventotto. 4. Ho noleggiato un film per stasera: ti va di vederlo? 5. Per favore, portami delle medicine per il mal di testa, ne ho davvero bisogno. 6. Le foglie di quell’albero sono rosse e gialle, le foglie di questo invece sono ancora verdi. 7. Il mio smartphone ha sedici gigabyte, mentre quello di mia sorella ne ha soltanto otto. 8. Lei è brillante e sagace, lui è gentile e generoso.


                      3  Scrivi nel quaderno se i pronomi presenti nelle frasi dell’esercizio 1 sono personali, relativi, possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi o esclamativi, numerali.


                      4  Indica, nelle seguenti frasi, se il pronome in corsivo sostituisce una parola (P), una proposizione (PR) o se si riferisce a un elemento ricavabile dal contesto (C).

1. Devi mandare all’ufficio il tuo curriculum, la fotocopia della tua carta d’identità e una lettera di presentazione: ti è chiaro o lo devo ripetere? (.......) 2. Ho mangiato le polpette di melanzane che hai preparato: le adoro. (.......) 3. Questo è davvero colorato e sgargiante, ti sta benissimo. (.......) 4. Ho visitato Ragusa, che è una delle città più suggestive d’Italia. (.......) 5. Elio è timido, riservato e introverso. Ciò non lo aiuta in situazioni come feste e cene di gruppo. (.......) 6. Questa è più veloce ma è anche molto spaziosa: si guida con naturalezza. (.......)


                      5  Sottolinea i pronomi, poi specifica se sono personali (PE), possessivi (PO), dimostrativi (D), o indefiniti (I).

1. Vorrei aggiungere qualcosa in più su questa torta, ma non so se lui sarà d’accordo. (...........) 2. Non le piace questo disegno, preferisce quello del tuo amico. (...........) 3. Io non ho fatto niente, perciò non sgridarmi. (...........) 4. Serve calma in situazioni come questa. (...........) 5. I tuoi cognati sono davvero amichevoli, i miei no. (...........) 6. Hai visto quello? Non si è fermato allo stop e dopo non ha nemmeno chiesto scusa! (...........)

 >> pagina 298 

                      6  Completa il seguente testo in base al tipo di pronome richiesto. Attenzione, in alcuni casi puoi scegliere tra più opzioni.


Quando la dirigenza della scuola primaria ha comunicato che non c’erano abbastanza iscritti per formare la ...................... (numerale ordinale) e che dunque l’istituto sarebbe stato chiuso, un gruppo di mamme ha raccolto più di 800 firme e ...................... (personale) ha portate all’assessore di Montale, il comune ...................... (relativo = preposizione + pronome) Fognano è frazione. Ma non si sono limitate a ...................... (dimostrativo): all’assessore queste mamme hanno portato anche un’idea. Spiegano le promotrici del progetto: «Visto che gli istituti dei paesi vicini faticano a organizzare tempo pieno e servizi di prescuola o doposcuola, ci offriamo ...................... (personale), nel nostro tempo libero, di promuovere iniziative ludico-didattiche per ...................... (indefinito). Purché in cambio si tenga aperta la nostra primaria».

(Adattato da espresso.repubblica.it)

 GIOCHI DI PAROLE  Uno studente sceglie una delle domande nella colonna a sinistra e la pone al suo compagno, che dovrà rispondere scegliendo una frase dalla colonna a destra e utilizzando i pronomi adeguati. Se la risposta è corretta, lo studente guadagna un punto e ci si scambia di ruolo. Se la risposta è sbagliata, lo studente cede il turno senza guadagnare il punto. Vince chi ottiene più punti.

Dove hai comprato quel tailleur?

No, non ....... ho vist .......

Chi ha preso la mia penna?

Sono ....... , ma non prender ....... perché Marco non vuole.

Quanti lime ci sono in quella cesta?

....... ho comprat ....... in un negozio vintage.

Quel cane è della mia vicina?

....... ....... sono tredici.

Il piccolo Mattia ha già mangiato?

No, ....... è di Sara, l’ ....... è della tua vicina.

Tesoro, che cos’hai?

Non ....... preoccupare, non ho .......

Hai visto le mie scarpe?

Anche io provo lo ....... per te.

Ti voglio bene. E tu?

No, ....... di solito mangia alle 12,00.

Di chi sono quei guanti così eleganti?

....... ha ....... Giuseppe.

 GIOCHI DI PAROLE  Risolvi il seguente rebus (5; 3; 2; 3). Poi, individua al suo interno il pronome nascosto.

La Grammatica Treccani - volume A
La Grammatica Treccani - volume A
Morfologia, sintassi, lessico, fonologia, ortografia