Dai fatti alla Storia - volume 1

SEZIONE A | RINASCITA E CRISI DELL EUROPA MEDIEVALE Hulagu, nipote di Gengis Khan e conquistatore di Baghdad, con la moglie Dokuz Khatun in una miniatura persiana quattrocentesca. IL CONTRIBUTO DELLA CULTURA ARABA Notevole significato ebbe il grande sviluppo culturale del mondo arabo che offrì un contributo notevole e duraturo anche alla cultura occidentale. Infatti i testi della cultura classica che riguardavano l astronomia, la matematica e la filosofia, ormai perduti in Europa nell originale greco, poterono essere nuovamente conosciuti grazie alle traduzioni dall arabo. Meritano di essere ricordati i nomi del filosofo e medico Avicenna (980-1037), che produsse trattati di medicina e di scienza basandosi sul criterio dell osservazione e della sperimentazione come metodo di studio, e del filosofo e astronomo Averroè (1126-98), che cercò di conciliare fede islamica e cultura greca attraverso la traduzione di opere di Aristotele, che in questo modo giunsero agli studiosi europei. Fu anche grazie all autorevolezza dei commenti scientifici e filosofici svolti da questi e da altri studiosi arabi che la cultura occidentale poté rifiorire. I MONGOLI DI GENGIS KHAN Il maggiore ostacolo incontrato dai musulmani nella loro espansione verso Oriente fu costituito dall impero dei mongoli, popoli nomadi, dediti alla pastorizia, provenienti dalle steppe asiatiche, da cui si spostavano alla ricerca di pascoli e cibo. Abilissimi guerrieri a cavallo, avevano costituito una società tribale-militare che esaltava il valore delle armi e della forza. In Europa erano chiamati tartari o tatari. Si unificarono sotto la guida di un eroico condottiero, Gengis Khan (il re universale ; 1162-1227). In uno straordinario susseguirsi di conquiste, egli condusse i suoi cavalieri-arcieri in travolgenti attacchi con cui assoggettò un area vastissima, occupando territori che andavano dalla Siberia alla Cina, dall Asia centrale alla Crimea, sul Mar Nero. I tartari seminarono il terrore dovunque, colpendo i principati russi e arrivando in piena Europa fino alle coste dell Adriatico. Mare Ad ria iattico iat ia L impero mongolo nella sua massima estensione e la divisione in khanati Mar di Ohotsk Ob Lag agggo Baj B ajk aj jkal jk kkal M r Mar Caspi Ca C a pi pio i io M Mar arr del Giappone Lago Balkhas B alkh kh kh Mar Giallo e ng H Hua e GIallloo) ium (Fiu e fo P Golf o rsicc Rosso Mar R M Cavalieri mongoli inseguono il nemico, miniatura persiana. La cavalleria, perfettamente addestrata e abilissima nell uso del arco, era il punto di forza dell esercito mongolo. Lago ago go o Ind eA um (F i ) rro zz u Gannggee Impero mongolo Oceanoo Pacifico P acificoo Oceano Indiano Stati vassalli o tributari Grande muraglia m glia 90 77636R_0000E01_INTE_BAS@0090.pgs 15.09.2021 14:00

Dai fatti alla Storia - volume 1
Dai fatti alla Storia - volume 1
Dal Medioevo all'Età moderna