Dai fatti alla Storia - volume 1

SEZIONE A | RINASCITA E CRISI DELL EUROPA MEDIEVALE determinò la sostanziale instabilità. In questo contesto si ebbe la nascita di ordini monastici monast di tipo cavalleresco, posti a presidio della Terrasanta e a difesa dei pellegrini. pellegrin I più importanti fra essi furono i Templari, i cavalieri Teutonici e gli Ospitalieri. Ospitalier Salah ad-din in una miniatura araba della fine dell XI secolo. QUANDO 1204 Quarta crociata: presa di Costantinopoli Approfondisci VIDEO LE ALTRE CROCIATE C Una prima risposta islamica alla presenza occidentale si ebbe bee nel 1144 con la riconquista di Edessa, che i cristiani provarono inutilmente a riprendere nel corso della seconda crociata, ma soprattutto nel 1187 quando sultano d Egitto, Salah ad-din (chiamato dai cristiani Saladino; il su 1138-93), approfittando dello scarso coordinamento delle signorie create in Terrasanta, riprese il controllo di Gerusalemme. Con una terza spedizione (1189-92), che coinvolse i re di Inghilterra e Francia e l imperatore Federico Barbarossa, i crociati ricont quistarono San Giovanni d Acri ma non Gerusalemme. La quarta crociata, voluta da papa Innocenzo III (> C2.4), fu gestita da c Venezia in seguito a un accordo che prevedeva la fornitura di navi e V uomini in cambio di denaro e territori, in caso di successo e nuove conquiste. In una situazione politica e militare molto confusa, sia tra i crociati (che rischiarono di non poter neanche partire perché non avevano raggiunto la cifra concordata), sia nell Impero bizantino (sempre più colpito dai Selgiuchidi che ne stavano riducendo il territorio e la forza economica), nel 1204 i crociati giunsero a saccheggiare Costantinopoli. Ancora una volta gli episodi di ferocia e di devastazione fecero da accompagnamento alla conquista, che portò alla temporanea caduta dell Impero bizantino e alla fondazione dell Impero latino d Oriente. Solo nel 1261 l Impero bizantino tornò in vita grazie a una nuova dinastia imperiale, i Paleologhi, ma La quarta crociata e l Impero latino d Oriente LE CROCIATE 1095-99 I crociata Indetta da Urbano II, guidata da Goffredo di Buglione, Raimondo di Tolosa, Roberto di Fiandra, Boemondo d Altavilla, si concluse con la conquista di Gerusalemme. 1145-47 II crociata 1189-92 III crociata Indetta da Eugenio III, guidata dall imperatore Corrado III di Svevia e dal re di Francia Luigi VII, che cercarono invano di recuperare la contea di Edessa, caduta in mano musulmana (1144). Bandita da Clemente III dopo la conquista di Gerusalemme da parte di Saladino (1187). Presenti i più importanti sovrani europei: l imperatore Federico Barbarossa, Riccardo Cuor di Leone d Inghilterra e Filippo II Augusto di Francia. Venne riconquistata San Giovanni d Acri e si giunse a un accordo che concedeva ai cristiani di visitare Gerusalemme. Bandita da Innocenzo III, deviata dai veneziani verso Costantinopoli, che fu saccheggiata e diventò capitale di un effimero Impero Latino d Oriente, sino al 1268. 1202-04 IV crociata 1217-21 V crociata Voluta da papa Onorio III, guidata da Andrea re d Ungheria e da Giovanni di Brienne, re di Gerusalemme. Fu diretta contro l Egitto, ma dopo alcuni successi (presa di Damietta, 1219) fallì. Vi partecipò anche Francesco d Assisi, che predicò davanti al sultano. 1228-29 VI crociata Promossa da Federico II, scomunicato nel 1227 da papa Gregorio IX per i continui rinvii. Ottenne per via diplomatica il ritorno in mano cristiana di Gerusalemme per dieci anni. 1248-49 VII crociata Bandita da Innocenzo IV dopo la caduta di Gerusalemme in mano musulmana (1244); vi aderì solo il re di Francia, Luigi IX. Sconfitto e catturato in Egitto, venne liberato dietro riscatto. 1270 VIII crociata Diretta a Tunisi sotto la guida di Luigi IX, terminò con la morte del sovrano per un epidemia di peste. L ultimo possedimento cristiano in Terrasanta, San Giovanni d Acri, cadrà nel 1291. 86 77636R_0000E01_INTE_BAS@0086.pgs 15.09.2021 13:59

Dai fatti alla Storia - volume 1
Dai fatti alla Storia - volume 1
Dal Medioevo all'Età moderna