APPROFONDIAMO - ECONOMIA E SOCIETÀ - Il tulipano e la Borsa

SEZIONE D | LA COSTRUZIONE DEGLI STATI EUROPEI Tonnellaggio La capacità, la portata e il volume di una nave, in tonnellate; il peso delle merci che una nave mercantile può imbarcare. LA RICCHEZZA Amsterdam, la capitale olandese, che aveva superato i 150 000 abitanti nel 1650, divenne uno dei centri più floridi d Europa, dove transitavano prodotti provenienti e diretti in ogni luogo del pianeta. Nel porto facevano rotta le moderne navi da carico (erano chiamate Fluyt, flauti ), agili e nello stesso tempo in grado di costituire la più potente flotta mercantile del mondo, considerando il tonnellaggio globale. La sua Borsa, fondata nel 1608, era il cuore pulsante delle attività commerciali e finanziarie per mercanti provenienti da ogni parte. Anche i cittadini delle Province partecipavano attivamente alla mole di traffici contrattando in Borsa le azioni, quote di partecipazione alle Compagnie commerciali. L adesione diffusa fruttò profitti anche considerevoli per molti (> A ). APPROFONDIAMO ECONOMIA E SOCIET IL TULIPANO E LA BORSA Un vero caso di bolla finanziaria, per usare un espressione moderna, fu la vicenda che investì la società olandese del Seicento quando scoppiò l ossessione dei tulipani. Il fiore era stato importato in Olanda dall Impero ottomano nella seconda metà del Cinquecento (in turco t lbent significa turbante ). Piacque così tanto che divenne in pochi anni un oggetto di lusso e si cominciò a coltivarlo. Le specie più pregiate attirarono l aristocrazia e i ricchi, disposti a spendere cifre notevoli per avere gli esemplari più rari. In un Olanda sempre alla ricerca di affari e investimenti nacque così la corsa ai bulbi, i grossi germogli da cui il fiore nasce. Il bulbo diventò ò una sorta di garanzia del futuro fiore. In più i bulbi, ulbi, se attaccati da un virus, producevano fiori ori con particolari e imprevedibili screziature ature di colore: l effetto sorpresa esa aumentò l attenzione degli egli investitori e dei produttori, ttori, disposti a scommettere re su un possibile colpo fortunato tunato che creasse una pianta particolarmente articolarmente bella e ricercata. Il tulipano più prestigioso gioso fu il Semper Augustus, nome impegnativo egnativo per una varietà che era in possesso di un solo imprenditore. Nel 1625 un bulbo di questo tipo costava 20 volte la paga di un salariato. ariato. LA BOLLA DEI BULBI ULBI Sulla base di aspettative, ve, possibili speculazioni e anche he di componenti emotive e irrazionali ionali (come capita in alcuni casi anche oggi ggi nel mondo borsi- stico internazionale), alcuni mercanti cominciarono a fare contratti su bulbi che ancora non possedevano, innescando un meccanismo a catena che portò nel 1635 a vere e proprie Borse del tulipano . Molti olandesi vendettero i loro beni o lasciarono il lavoro per investire in questo affare dove sembrava si potesse solo guadagnare. Gli scambi raggiunsero cifre da capogiro, nella convinzione che il prezzo non potesse che crescere indefinitamente. I compratori presero a pagare solo una parte del prezzo dei bulbi che acquistavano, per saldare solo successivamente il conto, innescando un rialzo senza limiti: con un paio di bulbi si potev poteva acquistare una casa di prestigio sui canali di Amsterdam. Amst Sul finire del de 1636 l andamento dei prezzi segnava un u rialzo forsennato, ma all inizio dell anno successivo qualche investitore con minciò a rendersi conto della follia di m quel mercato. E prese a vendere. m La tendenza alla vendita incrinò la fiducia degli tende operatori operator con un effetto a valanga: le quotazioni crollarono fino a perdere il 90% del valocro re. Furono Furon in tanti a cadere in rovina con quella che è sta stata ritenuta una vera e propria bolla finanziaria, la prima della storia. p vicenda ispirò un romanzo dello scrittore Nel 1850 la vic Alexandre Dumas padre (l autore dei Tre moschettieri e del Conte di Montecristo), Il tulipano nero: una storia d amore e di spionaggio induambientata nell Olanda del Seicento, il cui striale am protagonista è un medico e floricultore che tenta protagonis di produrre il tulipano più raro e più affascinante, appunto quello nero. qu Il tulipano Semper S Augustus in un acquerello seicentesco. 532 77636R_0000E01_INTE_BAS@0532.pgs 15.09.2021 14:53

Dai fatti alla Storia - volume 1
Dai fatti alla Storia - volume 1
Dal Medioevo all'Età moderna