Dai fatti alla Storia - volume 1

SEZIONE C | NUOVI MONDI, NUOVE VISIONI DEL MONDO 1522-23 Rivolta dei cavalieri QUANDO LA RIVOLTA DEI CAVALIERI Esaltati dalle idee di Lutero e con l intento di risollevare il ruolo del loro ceto, sempre meno influente nei centri di potere, nel 1522 i cavalieri della piccola nobiltà feudale della Renania fecero scoppiare una rivolta. Essa fu promossa da un intellettuale e uomo politico, Ulrich von Hutten (1488-1523), che incitava i cavalieri tedeschi a realizzare un rinnovamento delle energie sociali in nome di un nascente sentimento nazionale, soprattutto incentrato sull odio contro la Chiesa romana. Alla guida militare del movimento era il condottiero Franz von Sickingen (1481-1523) che, passato al luteranesimo, decise di attaccare il potente arcivescovo di Treviri, grande elettore imperiale. Ma i principi dell alta nobiltà si coalizzarono contro la minaccia e costrinsero i cavalieri nei loro castelli, obbligandoli rapidamente alla resa (1523). LA RIBELLIONE DEI CONTADINI Le agitazioni che percorrevano la Germania in quella fase di sconvolgimenti si fecero più preoccupanti e minacciose quando nel 1524 scoppiò la ribellione dei contadini. I lavoratori della terra sin dagli QUANDO ultimi decenni del Trecento erano stati sottoposti a uno sfruttamento signorile 1524-25 Ribellione dei contadini sempre più duro e proprio la Chiesa, con le sue proprietà, era tra i maggiori titolari della signoria fondiaria tedesca. La parola di Lutero fu come una fiamma che appiccò il fuoco a un mondo già in fibrillazione. Le rivolte scoppiarono in varie regioni Le rivolte in Germania nel XVI secolo della Germania quasi contemporaneamente. Ispirandosi alle Sacre Scritture, sognando un ritorno a un epoca incontaminata in cui far Aree interessate Mar Mare del dalle rivolte (1524-25) Baltico Nord rivivere pace e giustizia, circa 300 000 contaCentri urbani interessati dini scossero la Germania da nord a sud. Governo degli anabattisti &RQ QL GHOO Impero &RQ QL GHOO Impero M NTZER ALLA GUIDA DEI RIBELLI La guida di questo enorme movimento fu assunta da un predicatore, Thomas M ntzer Franke Fra a enh nhha haausen (1489-1525), che propugnava cambiamenti radicali prospettando l instaurazione di un regno di uguaglianza e di collettivizzazione della proprietà. In un documento, detto I dodici articoli, i contadini tentarono di trovare un programma comune chiedendo la riduzione delle tasse e delle corvées dovute ai signori, l abolizione della servitù della gleba, la restituzione delle terre comuni espropriate, il diritto di eleggere il pastore della propria comunità. Le idee luterane fecero da guida al movimento, in quanto ispirarono alcune parole d ordine dei contadini, anche se non possono esserne ritenute la causa diretta. Sotto la guida di M ntzer la rivolta prese una piega radicale: i contadini, nella sua visione, avrebbero dovuto sconvolgere l ordine sociale e imporre un nuovo ordine ispirato alla giustizia divina. Egli stesso si era fatto promotore di una simile iniziativa, instaurando a M hlhausen, in Turingia, una sorta di teocrazia costituita da una comunità di santi che si erano fatti ribattezzare in età adulta e che ricorrevano anche alla violenza per colpire i ricchi. Ren o Battaglia 414 77636R_0000E01_INTE_BAS@0414.pgs 15.09.2021 14:01

Dai fatti alla Storia - volume 1
Dai fatti alla Storia - volume 1
Dal Medioevo all'Età moderna