1 L’EUROPA MODIFICA LA SUA FISIONOMIA

La trasformazione dell Europa | CAPITOLO 1 1 La popolazione europea nel corso del Medioevo. 140 120 Popolazione (in milioni) 100 80 60 40 20 100 200 300 400 500 QUANDO XI secolo Decisa ripresa economica e demografica in Europa La miniatura, tratta da un Apocalisse dell XI secolo, mostra i quattro cavalieri il cui arrivo avrebbe segnato la fine del mondo: la Fame, la Malattia, la Guerra e la Morte. Queste erano le grandi paure che minacciavano la vita degli uomini medievali. Muratori che costruiscono una torre, miniatura dell XI secolo. RICAPITOLANDO 1 Quali ripercussioni si ebbero in Europa in seguito alla formazione di regni romanobarbarici? 2 Quali fattori furono causa di un rinnovato incremento demografico? 600 L EUROPA MODIFICA LA SUA FISIONOMIA NUOVI ANDAMENTI DEMOGRAFICI La formazione dei regni romano-barbarici nei territori che erano appartenuti all Impero romano d Occidente (> C0) non solo aveva determinato una parziale modifica delle strutture politiche ma aveva anche prodotto un peggioramento delle condizioni economiche, con una progressiva diminuzione degli scambi commerciali e, più in generale, della produzione di merci e beni. Manifestazione evidente di questa crisi in Europa fu la generale contrazione demografica, dovuta anche al diffondersi di epidemie. La più recente storiografia ha rilevato che questo andamento cominciò a modificarsi intorno all VIII secolo (se non già nel VII) quando si ebbero primi segni di ripresa sia attraverso un rinnovato dinamismo economico sia con un graduale incremento della popolazione. 700 800 900 1000 1100 1200 1300 1400 1500 Questa fase ebbe una più marcata intensità e Anni visibilità nell Europa dell XI secolo, perdurando fin verso la metà del Trecento. Si calcola che il numero di abitanti del continente passò da circa 30 milioni dell VIII secolo a circa 80 milioni del XIII secolo. A rendere possibile questo processo intervennero fattori di diversa natura. In primo luogo, si erano ormai concluse le ripetute invasioni di normanni, ungari e saraceni che avevano o provocato, tra il IX e il X secolo, devastazione e morte al loro passaggio (> C0). In condizioni di vita più pacifiche ci furono siaa un minor numero di morti, sia un n ridotto rischio di veder rovinati i raccolti dalle incursioni e dallee razzie, sia, infine, la possibilità di lavorare più tranquillamente perr accrescere la produzione agricolaa e alimentare. Un secondo elemento rilevannte fu il miglioramento delle conndizioni climatiche, per cui si ebbero per lunghi periodi tempeerature più calde e secche che favo-rirono lo sviluppo delle coltivaazioni. Questi due fattori vanno connsiderati come condizioni predispoonenti, quasi una sorta di cornicee ambientale entro cui operarono o elementi decisivi per la crescitaa demografica, che ora vedremo in dettaglio. 37 77636R_0000E01_INTE_BAS@0037.pgs 15.09.2021 14:30

Dai fatti alla Storia - volume 1
Dai fatti alla Storia - volume 1
Dal Medioevo all'Età moderna