T32 LAT ITA - Dolore per la morte di Tullia

L autore Cicerone T32 Dolore per la morte di Tullia tratto da Ad Atticum XII, 14, 3 latino italiano Nel febbraio del 45 a.C. Tullia muore, dando al padre il più grande dolore della sua vita. Da Astura l 8 marzo Cicerone indirizza questa lettera all amico Attico. 5 10 3. Quod me ab hoc maerore recreari vis, facis ut omnia; sed me mihi non defuisse tu testis es. Nihil enim de maerore minuendo scriptum ab ullo est quod ego non domi tuae legerim. Sed omnem consolationem vincit dolor. Quin etiam feci quod profecto ante me nemo, ut ipse me per litteras consolarer. Quem librum ad te mittam, si descripserint librarii. Adfirmo tibi nullam consolationem esse talem. Totos dies scribo, non quo proficiam quid sed tantisper impedior non equ dem satis (vis enim urget) , sed relaxor tamen ad omniaque nitor non ad animum sed ad vultum ipsum, si queam, reficiendum idque faciens interdum mihi peccare videor, interdum peccaturus esse nisi faciam. Solitudo aliquid adiu vat, sed multo plus profice ret, si tu tamen interesses. Quae mihi una causa est hinc discedendi; nam pro malis recte habebat. 3. Tu vuoi che io mi risollevi da questa mia profonda afflizione: ciò corrisponde interamente al tuo modo di agire; però proprio tu puoi attestare che dal canto mio non sono mai venuto meno a me stesso. Di fatto, sul tema del sollievo da apportare all amarezza angosciosa non esiste scritto di qualsiasi autore, che io non abbia letto durante il soggiorno in casa tua. Ma il dolore la vince su ogni forma di conforto. Anzi ho fatto ciò che certamente nessuno aveva escogitato prima di me: ho offerto consolazione a me stesso componendo un testo letterario. Te lo invierò non appena i copisti lo avranno trascritto. Ti confermo che non esiste forma di conforto pari a questa. Scrivo a giornate intere, non perché io ottenga qualche risultato immediato, ma perché durante tutto questo tempo mi sento impegnato non davvero quanto basta (siccome la violenza del dolore incalza) , però, se non altro, mi si allenta l affanno. Quindi faccio tutti gli sforzi per riprendermi, non già nell animo, bensì, magari, nell espressione del volto, se ci riesco, e mentre faccio ciò ho, qualche volta, l impressione di cadere in colpa, altre volte mi pare che cadrei in colpa se non lo facessi. La solitudine mi giova non poco, ma mi procurerebbe un risultato molto più soddisfacente se tu, a dispetto di quel che ho detto, ti trovassi al mio fianco. Unicamente per questo motivo potrei scegliere di andar via da questo luogo; di fatto, tenuto il debito conto della mia sventura, qui mi trovo bene. 3. Quod me amabas Quod: dichiarativo: quanto al fatto che . facis ut omnia: vi si sottintende facere soles: fai come sei solito fare ogni cosa , cioè amichevolmente. tu testis es: tu sei testimone [del fatto che] ; regge l infinitiva me mihi non defuisse. Nota l allitterazione* della dentale t. Nihil enim scriptum ab ullo est: lett. niente infatti è stato scritto da alcuno . de maerore minuendo: complemento di argomento. Quin nemo: nemo è ellittico di fecit. ipse me per litteras consolarer: Cicerone si rife- risce alla Consolatio per la morte di Tullia (à p. 558). Quem librum: nesso relativo. non quo proficiam quid: la proposizione finale presenta quo anziché ut per l idea comparativa che essa esprime rispetto a quanto segue; proficio quid vale letteralmente fare qualche progresso . ad omniaque: vale et ad omnia. non ad animum reficiendum: nota l antitesi* non sed all interno della proposizione finale implicita. videor: qui Cicerone usa la costruzione personale, il soggetto sottinteso è ego; videor regge i due infiniti, peccare e peccaturus esse. peccaturus esse: perifrastica attiva. Cicerone si sente paradossalmente in colpa, per motivi opposti, sia quando cerca di superare il lutto, o almeno di nascondere il dolore, sia quando non riesce a farlo. Quae mihi una causa est: e questa è l unica ragione ; Quae è nesso relativo. pro malis recte habebat: lett. in considerazione dei mali andava bene ; la locuzione recte habe re appartiene alla lingua parlata. 659

Tua vivit imago - volume 1
Tua vivit imago - volume 1
Letteratura latina per il triennio. CAPITOLI DEMO: L’età di Cesare; La letteratura della crisi della repubblica; Cicerone.