Tua vivit imago - volume 1

Il contesto letterario La letteratura della crisi della repubblica Analisi del testo Il ritratto di un uomo esemplare Sappiamo che alla figura di Catone il Censore Cornelio Nepote ave va dedicato una biografia più ampia, precedente e a sé stante rispetto al De viris illustribus. Quel che ci resta è invece un sintetico abbozzo biografico, in cluso nel libro dedicato agli storici romani, nel qua le l autore si sofferma soprattutto sulle eccezionali capacità possedute da Catone in ogni ambito della vita pubblica e privata, sulle quali, d altra parte, con cordano anche molti altri scrittori. Dell eloquenza di Catone (probabilis orator, r. 14), per esempio, ecce zionale per l epoca in cui visse, tesse un elogio anche Cicerone nel Brutus (6568), riconoscendovi, sebbe ne accompagnate da una inevitabile durezza dovuta all arcaicità della sua lingua, tutte le indispensabili qualità che caratterizzano un grande oratore: egli lo definisce infatti, a seconda delle necessità imposte dalla situazione, gravis, acerbus, argutus, subtilis. Il confronto con Livio Anche Tito Livio, in età au gustea, traccia un ritratto encomiastico di Catone (Ab Urbe condita XXXIX, 40, 310), che per molti aspetti combacia con quello di Cornelio Nepote: an ch egli ne mette in luce l incredibile versatilità (dice Nepote: In omnibus rebus singulari fuit industria, rr. 1213), che gli permetteva di risultare tra i miglio ri in qualsiasi campo si cimentasse, così come la rigida moralità per la quale divenne famoso e che lo spinse a scontrarsi, soprattutto nel periodo del la sua censura, con alcuni dei più influenti cittadini romani, membri delle più illustri famiglie. Anche in questo caso, l accordo fra i due autori farebbe pen sare all utilizzo di fonti storiche, biografiche e aned dotiche comuni. Un paradigma etico In ogni caso, la figura di Ca tone, fortemente idealizzata e limata nelle sue ec cessive asperità, era già da tempo divenuta para digmatica, assurgendo a simbolo di tutti quei valori fondamentali che costituivano il modello del perfetto cittadino romano. Il racconto di Nepote ha dunque senza dubbio una forte valenza etica, che a tratti diviene esplicita: è evidente il tono moraleggiante e nostalgicamente passatista, per esempio, nel ricor do dell integrità che ai tempi di Catone governava lo Stato, impedendo che le influenze personali avessero la meglio sul diritto (cum quidem Scipio principatum in civitate obtine ret quod tum non potentia, sed iure res publica administrabatur, rr. 68). Il dettato in questo brano è piuttosto piano e re golare, in accordo con l usuale semplicità e scorrevo lezza dello stile di Cornelio Nepote. Laboratorio sul testo COMPRENSIONE 1. Quali tratti della società al tempo di Catone vengono messi in risalto nel passo? Rispondi basandoti anche sulle tue conoscenze pregresse. 2. Qual è l atteggiamento di Nepote nei confronti di Catone e del periodo storico in cui vive? Rispondi con precisi riferimenti al testo. 3. possibile definire Catone un uomo eclettico? Perché? ANALISI 4. L ammirazione nei confronti di Catone è accentuata dall uso di diverse figure retoriche nella sua descrizione; individua dunque nel testo: a) l iperbato; b) il chiasmo; c) il parallelismo; d) le allitterazioni; e) la litote. COMPETENZE ATTIVE cazion CA e CIVI Per raccontare Immagina che Marco Porcio Catone potesse disporre, durante i suoi incarichi pubblici, di un profilo Facebook e che, come tutti i personaggi politici odierni, lo utilizzasse per far conoscere il proprio programma politico e per sostenere la limitazione dell uso dei beni di lusso, l ostracismo nei confronti della cultura greca e la necessità della distruzione di Cartagine. Hai la possibilità di esprimere la tua opinione di sostenitore o di detrattore del suo operato politico: scrivi un commento di 500 caratteri, per spiegargli, nel rispetto della netiquette, qual è la tua valutazione del suo operato politico. 357 Edu

Tua vivit imago - volume 1
Tua vivit imago - volume 1
Letteratura latina per il triennio. CAPITOLI DEMO: L’età di Cesare; La letteratura della crisi della repubblica; Cicerone.