Tua vivit imago - volume 1

L autore Terenzio 30 Sòstrata Ti scongiuro, Pànfilo mio, perché non ti rassegni tu a sopportare una contra rietà, qualunque essa sia? Se tutto il resto va come tu desideri, e come a me pare che vada, fammi questo favore, figlio mio, riprendila in casa. Pànfilo Oh, povero me! Sòstrata Ed io non sono da meno, perché questo fatto non fa a me meno male che a te, figlio mio! (trad. O. Bianco) Analisi del testo Un esempio di humanitas e di femminismo Nel passo proposto Sòstrata si mostra sempre più lontana dal personaggio stereotipato della vecchia litigiosa caratteristico della palliata. Il dialogo presenta, al contrario, una donna amareggiata perché innocente, ma che comunque non nutre astio, bensì soltanto il desiderio di riportare la pace in famiglia. Grata al figlio per aver preferito restare con lei piuttosto che con la moglie, è pronta a sacrificarsi rinunciando ai piaceri della vita cittadina e alle amicizie: benché lo stesso Pànfilo tenti di dissuaderla, la donna si rivela per la prima volta decisa e ferma nelle sue intenzioni. La sua risolutezza (dettata anche dalla volontà di non esporsi al giudizio malevolo del prossimo) e la sua onestà infrangono tutti gli stereotipi misogini tipici della commedia e fanno di Sòstrata un esempio di quella humanitas tanto cara a Terenzio. una scelta, quella di Sòstrata, della cui portata generale sembra consapevole lei stessa, quando afferma di volersi sottrarre alla «cattiva fama che hanno generalmente le donne (r. 25): una frase nella quale la critica ha visto un implicita espressione della polemica di Terenzio contro la tradizionale misoginia romana e una valorizzazione, viceversa, del punto di vista femminile. Il personaggio di Pànfilo Quello di Pànfilo è un personaggio che, agli occhi almeno di noi lettori moderni, può apparire controverso e persino contraddittorio. Una volta appreso che Filùmena è rimasta incinta dopo essere stata violentata, decide di abbandonarla, con una scelta che trova riscontro nella mentalità antica, ma che certo non si può dire ispirata agli stessi nobili sentimenti che guidano il com- portamento dei personaggi femminili; d altra parte è lui stesso a dispiacersi della propria scelta, confermando il proprio amore per la moglie: «Quanto a riprendere Filùmena con me, non credo proprio che mi convenga, ed io non lo farò, anche se l amo ancora come prima. Mi vengono le lacrime, se penso a quanto sarà vuota la mia vita (vv. 403-406, trad. M. Scaffidi Abbate). La stessa contraddizione si coglie nelle parole che Pànfilo rivolge alla madre nel passo in esame: ufficialmente deve far vedere che considera la moglie una sciocca («Cedendo alla sua insipienza, tu te ne vai via dalla città, per confinarti a vivere in campagna? , rr. 13-14), ma dentro di sé afferma di stimare e amare allo stesso modo entrambe le donne («Quanto sarei fortunato per tutto il resto, se non ci fosse solo questo, io che ho una madre simile ed una moglie come lei! , rr. 26-27: ovviamente è una battuta pronunciata a parte , cioè senza che Sòstrata la ascolti). Si può, dunque, affermare che tutti i personaggi principali della commedia vivono un conflitto tra la volontà di adeguarsi alle convenzioni sociali e quella di esprimere liberamente i propri sentimenti; ma, mentre i personaggi femminili pur preoccupati anche loro del proprio buon nome sono disposti al sacrificio personale per consentire la propria e, soprattutto, la altrui felicità, Pànfilo al contrario appare bloccato dalla necessità di adeguarsi alle convenzioni, tanto che si riunirà alla moglie solo dopo la rivelazione finale sull identità del padre del bambino. Mettiti alla prova Laboratorio sul testo ONLINE 263

Tua vivit imago - volume 1
Tua vivit imago - volume 1
Letteratura latina per il triennio. CAPITOLI DEMO: L’età di Cesare; La letteratura della crisi della repubblica; Cicerone.