I LUOGHI DI TASSO

I luoghi di Tasso

1. Sorrento

Nel 1544 qui nasce Torquato Tasso. Il padre, membro di una famiglia nobile e colta, è attivo come cortigiano e militare in diverse corti signorili.


2. Padova

In gioventù segue il padre nei suoi spostamenti e nella città veneta, dal 1560 al 1565, studia legge.


3. Ferrara

Si stabilisce in città nel 1565, al seguito del cardinale Luigi d’Este, e ottiene subito il favore dei principi; nel 1572 entra a servizio della corte. Quando inizia a dare segni di follia, viene rinchiuso prima in un monastero e poi nell’Ospedale di Sant’Anna.


4. Mantova

Tornato in libertà, nel 1586, è accolto presso la corte del duca Vincenzo Gonzaga. L’inquietudine lo porta a lasciare la città per soggiornare a Bologna, Roma, Napoli e Firenze.


5. Roma

Debole e malato, trascorre gli ultimi anni sotto la protezione di papa Clemente VIII. Muore nel 1595.

LA cella di Tasso

Nei sotterranei degli edifici rimanenti dell’ex Ospedale Sant’Anna di Ferrara (creato nel 1454 e abbattuto negli anni Trenta del Novecento) è stata ricostruita, sulla base di accurati studi, la cella dove Tasso fu rinchiuso dal 1579 al 1586. Con la caduta del Ducato di Ferrara, la stanza era stata usata come deposito e dimenticata, ma nel Settecento i letterati che giungevano per visitare i luoghi di Tasso si adoperarono perché fosse riportata alla  luce.

Classe di letteratura - volume 1
Classe di letteratura - volume 1
Dalle origini al Cinquecento