Dormire a sufficienza

Avere cura di sé Dormire a sufficienza Quante ore dormi abitualmente? Prova a rispondere a questa semplice domanda, per capire se lo stato di tensione durante la giornata può essere dovuto a un man cato riposo. Durante il sonno il nostro corpo si rinnova, rigenerandosi nelle cellule e rilassan dosi nella psiche, per cui ci deve essere sempre un giusto rapporto tra il tempo di veglia e quello di sonno. Il sonno dovrebbe essere continuo e non agitato ma pur troppo spesso siamo vittime di tensioni dovute a preoccupazioni che ci svegliano in maniera più o meno brusca. L attività onirica, cioè sognare, accompagna spes so il sonno ed è un meccanismo di liberazione della psiche che può dar spazio li beramente al proprio inconscio. Conciliare un buon riposo garantisce inoltre una buona qualità della nostra giornata; qualche sem plice accorgimento può migliorare la qualità del no stro sonno: andare a dormire nelle ore notturne. Il nostro cor po funziona con ritmi che sono influenzati anche dalla luce del sole e dalla progressione temporale delle ore del giorno; cercare di rilassarsi prima di andare a letto. Non svolgere attività che stressano. Anche l uso ec cessivo di computer, cellulari, apparecchi televi sivi può interferire. Non mangiare troppo pesante e, in caso di necessità, un bagno caldo o e una ti sana possono aiutare; porre attenzione alla cura dell ambiente dove si dorme e cercare di creare un luogo confortevole, dove non ci sono rumori molesti e c è un ricam bio d aria. Alimentarsi in maniera corretta L alimentazione riveste nella nostra vita un impor tassimo spazio (vedi Capitolo 2 di questa Sezione), che va al di là delle necessità nutrizionali che garan tiscono la vita biologica rifornendo di energia il no stro corpo; il mangiare ha a che fare infatti con am biti più ampi di consuetudine e occasione sociale e celebrativa, oltre che compensare forme di mancan za, noia, frustrazione. Adottare un corretto regime alimentare significa sa per calibrare la qualità e la quantità dei cibi secon do le proprie vere necessità. Questi due ultimi parametri sono molto importanti e necessitano di alcune precisazioni: qualità del cibo: è fondamentale variare i cibi che si introducono perché ogni nu triente ha una sua specificità e il nostro organismo ha bisogno di proteine, car boidrati, grassi, vitamine, minerali, fibre; quantità del cibo: mai eccedere. Normalmente è prevista una colazione, uno spun tino a metà mattina, un pranzo, una merenda e una cena. Nessuno di questi ap puntamenti deve essere saltato ma ovviamente nessuno deve essere particolar mente sostanzioso, eccezion fatta per la colazione che ha un posto particolare, essendo il primo rifornimento alla mattina. 248 Sezione 4 Alla ricerca del benessere

Training4Life
Training4Life
Corso di Scienze motorie e sportive