Il secondo Novecento e gli anni Duemila – L'autore: Italo Calvino

le parole chiave

LOTTA PARTIGIANA

L’esperienza della guerra e la scelta di aderire alla Resistenza rappresentano un momento fondamentale della vita dello scrittore. Come molti altri autori che aderiscono al Neorealismo, Calvino sente l’esigenza di raccontare e soprattutto di non dimenticare le vicende vissute. La lotta partigiana, tuttavia, non viene narrata in maniera documentaria, perché l’autore mescola realtà e fantasia filtrando gli eventi dolorosi in una narrazione fiabesca.

DIMENSIONE FIABESCA

La narrazione fantastica e la dimensione fiabesca sono al centro di gran parte della produzione letteraria di Calvino. L’atmosfera e la struttura narrativa della fiaba sono utilizzate come filtro per osservare e descrivere la realtà, comunicando un messaggio in maniera chiara ed essenziale. L’interesse di Calvino per la narrativa fiabesca è evidente, oltre che dalla sua produzione letteraria, anche dal suo lavoro di ricerca sui testi delle Fiabe italiane.

LABIRINTO

La realtà, secondo Calvino, è un vastissimo e intricato labirinto, all’interno del quale gli uomini possono scegliere innumerevoli strade da percorrere, creando ogni volta scenari differenti. In particolare, la società contemporanea, caotica e confusionaria, rappresenta un labirinto nel quale è difficile trovare punti di riferimento per orientarsi. La letteratura può fornire una mappa che aiuti ad aggirare gli ostacoli di questo labirinto, in modo che l’uomo non ne venga inghiottito.

ROMANZO POSTMODERNO

Se una notte d’inverno un viaggiatore è considerato un chiaro esempio di romanzo postmoderno perché l’autore vi impiega alcune tecniche tipiche della letteratura postmoderna: la mescolanza di diversi generi letterari, la riscrittura di opere di altri autori. In questo romanzo, in particolare, la narrazione riflette su se stessa e sui suoi meccanismi.

I colori della letteratura ed. NUOVO ESAME DI STATO - volume 3
I colori della letteratura ed. NUOVO ESAME DI STATO - volume 3
Dal secondo Ottocento a oggi