Le ultime tendenze del bere miscelato

Le ultime tendenze del bere miscelato

Le nuove tecniche di servizio non sono l’unica novità nel campo del bere miscelato. Negli ultimi anni, infatti, hanno avuto molto successo alcune categorie di cocktails che esamineremo brevemente nelle prossime pagine.

Mocktail

I Mocktail (dall’inglese mock = finto) uniscono creatività e bere sano; per questo vengono anche chiamati Beauty cocktail. Sono drink analcolici, a base di frutta fresca e ingredienti sani, che rispondono alle esigenze di una clientela sempre più attenta a un modello di consumo responsabile e consapevole, che preferisce bevande sane e naturali, senza rischi per la linea.

Green Tea, Ginger and Pineapple Mocktail
Ingredienti per un bicchiere: 6 foglioline di menta, 1 cucchiaio di succo di zenzero, 1/2 cucchiaio di succo di lime, 50 ml di sciroppo di zucchero, 30 ml di tè verde, 1/2 fetta di ananas fresco a cubetti.
Preparazione: schiacciate nello shaker l’ananas e aggiungete tutti gli altri ingredienti. Shakerate per qualche secondo e versate il drink filtrandolo con un colino in un bicchiere riempito con cubetti di ghiaccio.
Guarnizione: una fetta di lime, un po’ di zenzero candito e un rametto di menta.

Mock anguria e aloe
Ingredienti per un bicchiere: 1 fetta di anguria privata dei semi e tagliata a cubetti, 3 foglioline di menta, 50 ml di succo di aloe, 1 cucchiaio di succo di lime, 2 cucchiai di sciroppo di zucchero, soda water.
Preparazione: mescolate nello shaker l’anguria con la menta; aggiungete poi gli altri ingredienti, il ghiaccio tritato e shakerate bene; versate il composto nel bicchiere riempito con cubetti di ghiaccio e allungate con un po’ di soda water.
Guarnizione: un rametto di menta.

Jelly cocktail

Sono cocktail che si mangiano con il cucchiaio; per questo sono chiamati anche Cocktail solidi.
Hanno avuto molto successo negli ultimi anni e i bartender si sono sbizzarriti nelle preparazioni sia classiche sia curiose e imprevedibili. Possono essere alcolici o analcolici.
La solidificazione deve essere fatta con attenzione: per inglobare la gelatina, infatti, è necessario scaldare il preparato e in questa fase bisogna evitare l’evaporazione dell’alcol e l’alterazione del suo sapore. Oltre a dare luogo a presentazioni stupefacenti, questi cocktail offrono due vantaggi: il tempo di assimilazione dell’alcol in forma solida è molto più lungo (circa 4 volte rispetto a quello liquido), il sapore è più morbido e persistente.

Jelly Negroni
Ingredienti per 10 persone: 1 dl di Bitter Campari, 1 dl di Martini Rosso, 1 dl di Gin, 8 g di gelatina in fogli, 10 spicchi di arancia.
Preparazione: versate gli ingredienti alcolici in un mixing glass e mescolate con lo stirrer. Trasferite 1/3 del composto in un pentolino, scaldatelo per 2 minuti senza farlo bollire e scioglietevi la gelatina in fogli, già ammorbidita; aggiungete il composto ottenuto al cocktail freddo, mescolate bene e riempite dieci piccoli stampini individuali in cui avrete inserito lo spicchio di arancia; lasciate raffreddare in frigorifero per almeno 3 ore; al momento di servire immergete gli stampini in acqua calda per pochi secondi, avendo cura che l’acqua non entri nello stampo, per sformare i cocktail in gelatina.

 >> pagina 218 

Frozen

Negli ultimi anni i Frozen cocktail hanno avuto molto successo, soprattutto quelli a base di frutta, tanto che mentre la preparazione originale prevedeva l’utilizzo della doppia coppa cocktail, la richiesta sempre più alta di polpa di frutta nel composto ha portato a utilizzare bicchieri con capacità maggiore, fino a 36 cl (Double rock, Old fashioned, Hurricane ecc.). Se si utilizzano bicchieri più capienti le basi alcoliche delle ricette si mantengono uguali, mentre si aumenteranno le quantità di frutta, sino a 4 oz (12 cl), e di ghiaccio.

Frozen Daiquiri – Cocktail
Ingredienti per un bicchiere: 45 ml di Rum Bianco, 20 ml di succo di limone, 5 ml di sciroppo di zucchero, ghiaccio spezzato.
Preparazione: versate tutti gli ingredienti nel blender, azionatelo, quindi versate il cocktail in bicchieri a calice e servite. Esistono molte varianti: Banana Daiquiri (con banana), Strawberry Daiquiri (con fragole), Superior Daiquiri (con succo di mandarino e una goccia di Bitter Campari).

Frozen strawberry Margarita
Ingredienti per un bicchiere: 35 ml di Tequila, 20 ml di Cointreau, 15 ml di succo di lime fresco, ghiaccio spezzato, 60 g di fragole fresche frullate.
Preparazione: versate tutti gli ingredienti nel blender, azionatelo e servite nei bicchieri Margarita. Anche di questo cocktail esistono molte varianti: la versione “classica” è senza fragole.

Crustas

Questi cocktail si riconoscono per la caratteristica “crosta” (da cui il nome) sul bordo del bicchiere.

Gin Crusta
Ingredienti per un bicchiere: 30 ml di Gin, 10 ml di Maraschino, 20 ml di succo di limone, 1 spicchio di limone, 10 ml di sciroppo Granatina, zucchero superfine.
Preparazione: preparate il bicchiere Goblet (o coppetta Martini) umidificando il bordo con lo spicchio di limone, quindi rovesciate il bicchiere, immergetelo nello sciroppo Granatina e poi nello zucchero, lasciandolo brinare; nel frattempo versate tutti gli altri ingredienti nello shaker, agitate bene e quindi versate il composto nel bicchiere.
Guarnizione: una goccia di Granatina sul fondo del bicchiere ed eventualmente uno spicchio di limone.

Rum classic crusta
Ingredienti per un bicchiere: 50 ml di Rum Añejo, 10 ml di Marie Brizard Orange Curaçao, 30 ml di succo di arancia fresca, 1 spicchio di arancia, 30 ml di sciroppo di zucchero, zucchero superfine.
Preparazione: preparate il bicchiere Double rock, umidificando i bordi del bicchiere con lo spicchio di arancia, poi rovesciate il bicchiere e immergetelo nello zucchero, lasciandolo brinare; nel frattempo versate tutti gli altri ingredienti nello shaker e agitate bene, quindi versate il composto nel bicchiere.
Guarnizione: uno spicchio di arancia e la scorza.

Protagonisti in Sala
Protagonisti in Sala
Corso di sala e vendita per il secondo biennio e il quinto anno