Frank Lloyd Wright

Frank Lloyd Wright

Richland Center (Stati Uniti) 1867 - Phoenix 1959

Wright compie le sue prime esperienze di lavoro a Chicago nello studio di Louis Sullivan ( p. 442), il padre dell’architettura moderna americana. Wright definisce la propria architettura “organica”, perché pone al centro il rapporto tra l’uomo, lo spazio abitato e la natura.

Wright disegna un gran numero di residenze unifamiliari che si proiettano nel verde di bellissimi giardini grazie a forme dilatate in orizzontale e a tetti caratterizzati da ampie falde. Nel corso della sua lunga vita progetterà anche musei, alberghi, uffici ed edifici religiosi.

La casa sulla cascata

Per Wright “l’architettura proviene dalla terra”, e attraverso le forme e i materiali deve legarsi strettamente al luogo in cui sorge. Questa villa si trova in un bosco, sospesa in cima a una cascata; espandendosi in orizzontale, la costruzione cerca un’integrazione con lo splendido ambiente roccioso in cui è collocata. Gli spazi abitativi e le terrazze sono sostenuti da grandi “vassoi” di cemento armato, ma le superfici esterne in pietra a vista e colori naturali dialogano in maniera amichevole con il paesaggio circostante.

Uno spazio curvo

Negli ultimi anni della sua vita Wright disegna edifici caratterizzati da forme curve o circolari, alla ricerca della massima espressione dell’architettura organica. Il museo Guggenheim di New York presenta una rampa che sale verso l’alto, sviluppandosi a spirale attorno a un atrio circolare centrale; lungo il percorso in salita sono esposte le opere d’arte. Le figure del cerchio e della spirale si fondono in uno spazio continuo e armonioso di assoluta originalità. Il museo si trasforma così in un lungo nastro: l’edificio diviene opera d’arte che ne contiene altre al suo interno.

  punti fermi

FRANK LLOYD WRIGHT:

  • definisce la sua architettura                                                           .
  • crea forme integrate con il                                                           .

Artelier
Artelier
Percorso integrato di Storia dell’arte e Comunicazione visiva