Il filo dell’arte - volume compact

2 Egon Schiele, Autoritratto con le dita aperte e vaso nero, 1911, olio su tavola, 27,5x34 cm. Vienna, Historisches Museum der Stadt Wien. 3 Ernst Ludwig Kirchner, Tre bagnanti, 1913, olio su tela, 197,5x147,5 cm. Sydney, Art Gallery of the New South Wales. fonda auto-analisi. Nel suo Autoritratto con le dita aperte (2) l artista compare in primo piano, il volto pelle e ossa, gli enormi occhi spalancati, le lunghe dita nodose innaturalmente divaricate. Alle sue spalle, alla destra del volto, un vaso nero fa da contrappunto al suo busto scuro, mentre il resto del quadro è occupato da larghe campiture bianche: anche con l uso dei colori, il pittore segnala la sua estraneità al mondo che lo circonda. Un ponte con la natura Nel vasto movimento espressionista non c è posto solo per manifestazioni di angoscia sociale o esistenziale. I giovani del gruppo Die Br cke (il Ponte), un movimento fondato nel 1905 a Dresda, in Germania, dipingono anche scene di quiete e pervase di voglia di vivere. Lo stile che scelgono, però, li avvicina ai pittori espressionisti; usano infatti figure allungate e spigolose, molto diverse dalla pittura realista e impressionista degli anni precedenti. Tra i fondatori del gruppo c è il pittore Ernst Ludwig Kirchner (Aschaffenburg, Germania 1880Davos, Svizzera 1938): nel dipinto intitolato Tre bagnanti (3), tre donne sono armoniosamente immerse nella natura e si stanno avventurando, completamente nude, tra le onde del mare, accompagnate da una medusa e da un gabbiano in volo. Nonostante il tema non contenga elementi di angoscia o disperazione, il dipinto condivide con il movimento espressionista la semplificazione quasi forzata degli elementi naturalistici sia nelle forme sia nei colori. 375

Il filo dell’arte - volume compact
Il filo dell’arte - volume compact
Storia dell’arte e comunicazione visiva